Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9444 del 28/04/2011

Cassazione civile sez. un., 28/04/2011, (ud. 08/02/2011, dep. 28/04/2011), n.9444

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE LUCA Michele – Primo Presidente f.f. –

Dott. PREDEN Roberto – Presidente di sezione –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. GOLDONI Umberto – rel. Consigliere –

Dott. SALME’ Giuseppe – Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. SPAGNA MUSSO Bruno – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. TIRELLI Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

COMUNE DI CAPESTRANO, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, LUNGOTEVERE MELLINI 51,

presso lo studio dell’avvocato ROSSI LUCIANO, rappresentato e difeso

dall’avvocato TARQUINI SILVIO R., per delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

D.A.P. ((OMISSIS)), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA PADOVA 77, presso lo studio dell’avvocato TOTANI FRANCO,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato GUALTIERI

CESIDIO, per delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 379/2005 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 10/05/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza, del

08/02/2011 dal Consigliere Dott. UMBERTO GOLDONI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CICCOLO Pasquale Paolo Maria, che ha concluso per il rigetto del

ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto del 2002, D.A.P. conveniva di fronte al tribunale de L’Aquila il Comune di Capestrano, premettendo di essere locatario di un immobile di proprieta’ comunale in forza di contratto di locazione stipulato a seguito di autorizzazione della Giunta comunale del 2001; con decreto del 17.1.2002, il Sindaco aveva disposto il rilascio dell’immobile de quo.

Chiedeva pertanto dichiararsi inefficace il decreto stesso; si costituiva il Comune, sostenendo che era emerso che l’alloggio in questione era risultato ristrutturato con fondi ERP e che non poteva pertanto essere concesso in locazione, donde l’annullamento della originaria delibera e il decreto di rilascio in contestazione. Con sentenza del 2002, l’adito Tribunale accoglieva la domanda attorea e regolava le spese.

Avverso tale decisione proponeva appello il Comune, ponendo una questione di giurisdizione; il D.A. resisteva alla domanda.

Con sentenza in data 23.3/10.5.2005, la Corte di appello de L’Aquila respingeva l’impugnazione e regolava le spese.

Osservava la Corte distrettuale essere incontestato che tra le parti era intervenuto un contratto di locazione di diritto privato; non esisteva norma alcuna che consenta alla P. A. di risolvere unilateralmente, con atto amministrativo, un contratto di locazione con un privato.

Il decreto di revoca era pertanto da considerarsi abnorme e, come tale, inidoneo ad influire su una fattispecie di diritto privato, donde l’accertamento, in via incidentale, della illegittimita’ dello stesso, con conseguente disapplicazione, e anche L’inconsistenza della questione di giurisdizione, asseritamente spettante al giudice amministrativo, attesa la natura del rapporto dedotto in giudizio e quindi da respingersi.

Per la cassazione di tale sentenza ricorre, riproponendo la questione di giurisdizione, il comune di Capestrano sulla base di tre motivi, cui la controparte resiste con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo, si lamenta falsa applicazione del D.P.R. 30 dicembre 1972, n. 1035, art. 11 e disapplicazione del D.Lgs. n. 80 del 1998 e della L. n. 205 del 2000. La estrema sinteticita’ dell’argomentazione svolta nel mezzo in esame consente di riportarne quasi letteralmente il senso; se puo’ essere discutibile che nella materia edilizia possa farsi rientrare l’edilizia residenziale pubblica, e’ certo pero’ che la materia dell’assegnazione e delle vicende di circolazione e gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica rientra nel concetto di pubblico servizio. Ne consegue che in detta materia, per quanto emerge dalla Legge, la giurisdizione e’ del giudice amministrativo.

La considerazione appare del tutto aliena da una valutazione della fattispecie concreta: l’astratta esattezza del concetto esposto non si applica nella fattispecie, atteso che l’alloggio in questione, non rileva per quali ragioni, e’ stato concesso in locazione ad un privato in base ad un contratto di diritto privato, la cui valenza non puo’ essere travolta da un provvedimento amministrativo che prescinda totalmente dalla esistenza di un titolo scaturente da un incontro di volonta’ sostanziatosi in un contratto, come tale e perche’ tale regolato dalla disciplina privatistica; il motivo non puo’ pertanto trovare accoglimento.

Con il secondo mezzo si lamenta violazione del D.Lgs. 31 marzo 1998, art. 33 e della L. 21 luglio 2000, n. 205.

La ripartizione della giurisdizione e’ senza dubbio stata applicata in ragione di criteri non coincidenti con quelli previgenti, ma il presupposto per l’applicazione della normativa sopravvenuta, rimane sempre la differenza tra una attivita’ espletata dall’Ente pubblico iure imperii ed un’attivita’ posta in essere con le forme del diritto privato.

Il ricorrente Comune, nell’invocare la disciplina attuale, sembra ignorare che nella specie non vi e’ stata alcuna assegnazione, ne’ al riguardo e’ quindi ipotizzabile quella “serie di poteri e facolta’ di ordine pubblicistico nella fase di concreta gestione degli alloggi assegnati” che connoterebbe l’attivita’ gestionale in toto dell’alloggio assegnato.

Se puo’ in ultima analisi, convenirsi nel senso che spettano alla giurisdizione amministrativa le controversie relative alla fase dell’assegnazione degli alloggi, deve escludersi che nella fattispecie concreta vi sia stata una assegnazione, dato il diverso strumento privatistico adottato dalle parti. Anche tale motivo deve essere pertanto respinto.

Con il terzo mezzo, singolarmente intestato anch’esso a violazione e falsa applicazione del D.P.R. 30 dicembre 1972, n 1035, art. 11 sotto altro profilo, si lamenta che la controparte avrebbe adito il giudice ordinario con un ricorso basato sul dettato del D.P.R. cit., art. 11, comma 12, sostenendo nel merito che la detta norma non fosse applicabile nella fattispecie.

Tanto avrebbe comportato che egli si fosse rivolto al giudice amministrativo e non, come ha fatto, al giudice ordinario, attesa la natura della domanda proposta. Con ogni evidenza, il ricorrente Comune ha interpretato la domanda in modo del tutto diverso da quello con cui la stessa e’ stata valutata dal giudice adito. Questi infatti, ha comprensibilmente letto la domanda stessa, anche in ragione delle sede in cui veniva proposta, come volta ad escludere che nella specie potesse trovare applicazione una norma regolante la materia amministrativa, in ragione della fattispecie che veniva sottoposta al suo esame.

E’ appena il caso di aggiungere che nella specie trattavasi di un bene rientrante nel patrimonio disponibile del Comune, mentre la pretesa successiva classificazione dello stesso come bene di edilizia residenziale pubblica, che avrebbe, secondo la tesi del Comune, determinato una diversa disciplina in ordine alla gestione dello stesso, non risulta supportata da alcuna base documentale, cosa questa che comporta come il ricorso sia anche privo del requisito dell’autosufficienza. Anche tale motivo deve essere pertanto respinto e, con esso, il ricorso. Le spese seguono la soccombenza e vengono liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

LA CORTE rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese, che liquida in 3.700,00 Euro, di cui 3.500,00 Euro per onorari, oltre agli accessori di legge.

Cosi’ deciso in Roma, il 8 febbraio 2011.

Depositato in Cancelleria il 28 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA