Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9424 del 21/04/2010

Cassazione civile sez. lav., 21/04/2010, (ud. 24/02/2010, dep. 21/04/2010), n.9424

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. D’AGOSTINO Giancarlo – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – rel. Consiglie – –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 23050-2008 proposto da:

R.A.;

– ricorrente –

contro

PIERONI S.A.S. DI MANZARI FRANCESCO & C. elettivamente

domiciliata in

ROMA, via GIUSEPPE PISANELLI 2, presso lo studio dell’avvocato

ANGELETTI ALBERTO, che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 4476/2006 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

Sezione Lavoro, depositata il 14/06/2007;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

24/02/2010 dal Consigliere Dott. GIOVANNI MAMMONE;

udito l’Avvocato ANGELETTI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FINOCCHI GHERSI Renato.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO E DIRITTO

R.A. proponeva ricorso contro la Pieroni s.a.s. di Manzari Francesco, per la cassazione della sentenza della Corte di appello di Roma, Sezione Lavoro, n. 4476/06 depositata il 14.6.07.

Ricevuta la notifica del ricorso, controparte a sua volta notificava e depositava controricorso.

Risultando dalla certificazione di cancelleria che il ricorso, notificato il 29.6.08, nel periodo 29.6-29.7.08 non era stato depositato ai sensi dell’art. 369 c.p.c., il consigliere relatore in data 24.2.09 depositava relazione ex art. 380 bis c.p.c. e proponeva che il ricorso fosse dichiarato improcedibile.

Il Collegio, tuttavia, rilevava che il ricorso risultava in realtà notificato una prima volta il 26.7.08 ed una seconda il 29.7,08 e che la certificazione di mancato deposito e non iscrizione rilasciata dalla Cancelleria centrale era riferita solo al periodo 29.6-29.7.08.

Considerato che ai fini delle determinazioni di cui all’art. 369 c.p.c. era necessario acquisire ulteriore certificazione per verificare se il deposito di uno o di entrambi i ricorsi fosse avvenuto nei venti giorni successivi alla loro notifica, con ordinanza del 13.7.09 il Collegio disponeva lo svolgimento di un’indagine ulteriore e rinviava la discussione a nuovo ruolo.

Acquisita ulteriore certificazione della Cancelleria centrale civile della Corte, il consigliere relatore con nuova relazione, comunicata al Procuratore generale e notificata al difensore costituito, ribadiva la proposta di improcedibilità.

Come sopra precisato i ricorsi notificati dal R. sono due e debbono essere riuniti. All’esito dell’indagine appena riferita, risulta che nel periodo compreso tra il 26.7.08 ed il 5.10.09 non è stato depositato ex art. 369 c.p.c. nè iscritto nessuno dei due ricorsi; pertanto, entrambi debbono essere dichiarati improcedibili.

Alla dichiarazione di improcedibilità consegue la condanna alle spese nella misura indicata in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte riunisce i ricorsi e li dichiara improcedibili. Condanna il ricorrente alle spese, che liquida in Euro 30,00 per esborsi ed in Euro 1.500 (millecinquecento) per onorari, oltre spese generali, Iva e Cpa.

Così deciso in Roma, il 24 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 21 aprile 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA