Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9340 del 21/05/2020

Cassazione civile sez. trib., 21/05/2020, (ud. 29/01/2020, dep. 21/05/2020), n.9340

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – rel. Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – Consigliere –

Dott. ANTEZZA Fabio – Consigliere –

Dott. NOVIK Adet Toni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2038-2012 proposto da:

P.C., elettivamente domiciliato in ROMA VIA POLONIA 7,

presso lo studio dell’avvocato EDVIGE ANNA MAGDA ALVINO, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI

(OMISSIS);

– intimati –

Nonchè da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende;

– ricorrente incidentale –

contro

P.C.;

– intimato –

avverso la sentenza n. l09/2010 della COMM. TRIB. REG. di VENEZIA,

depositata il 26/11/2010;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

29/01/2020 dal consigliere Dott. ROSARIA MARIA CASTORINA.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L’Agenzia delle Entrate, a seguito di una attività di verifica effettuata dall’ufficio di (OMISSIS), in considerazione della non corrispondenza con gli studi di settore delle dichiarazioni presentate dal contribuente, emetteva nei confronti di P.C. tre avvisi di accertamento con cui operava il recupero a tassazione per i periodi di imposta 2000, 2001 e 2002 dell’indebita deduzione di costi per operazioni non inerenti, non di competenza e inesistenti, nonchè illegittima detrazione dell’Iva conseguente all’indeducibilità dei costi sostenuti per prestazioni rese da Z.S., ritenute inesistenti.

Il contribuente impugnava gli avvisi davanti la Commissione Tributaria Provinciale di Padova la quale accoglieva i ricorsi previamente riuniti.

La Commissione Tributaria Regionale del Veneto, con sentenza n. 109 del 2010 depositata il 26.11.2010 accoglieva parzialmente l’appello dell’Agenzia delle Entrate e rideterminava i costi deducibili nella misura di Euro 21.691,19 come retribuzioni dovute allo Z. ritenendo che fosse provata la prestazione di una attività di collaborazione intercorsa tra quest’ultimo e il contribuente.

P.C. ricorre per la cassazione della sentenza della CTR del Veneto affidando il gravame a due motivi, illustrati con memoria.

L’Agenzia delle Entrate si è costituita con controricorso, proponendo ricorso incidentale affidato a due motivi.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con il secondo motivo, da trattarsi preliminarmente la ricorrente deduce, in relazione all’art. 360, comma 1, n. 3, la violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39, del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 54, e degli artt. 2697, 2727 e 2729, per non avere la CTR erroneamente ritenuto che incombeva sull’amministrazione l’onere della prova della inesistenza delle operazioni documentate con fatture formalmente corrette.

La censura non è fondata.

2. Secondo la giurisprudenza che si è andata consolidando sulla problematica relativa alla detraibilità dell’I.V.A. ed alla deducibilità dei costi nel caso di fatture relative ad operazioni oggettivamente inesistenti, la fattura, di regola, costituisce titolo per il contribuente ai fini del diritto alla detrazione dell’imposta sul valore aggiunto e alla deducibilità dei costi in essa annotati, per cui spetta all’Ufficio dimostrare il difetto delle condizioni per l’insorgenza di tale diritto.

Tale prova può essere fornita anche mediante elementi indiziari e presuntivi, poichè la prova presuntiva non è collocata su un piano gerarchicamente subordinato rispetto alle altre fonti di prova e costituisce una prova completa alla quale il giudice di merito può attribuire rilevanza anche in via esclusiva ai fini della formazione del proprio convincimento (Cass. n. 9108 del 6/6/2012).

Pertanto, nel caso in cui l’Ufficio ritenga che la fattura concerna operazioni oggettivamente inesistenti, ossia sia mera espressione cartolare di operazioni commerciali mai poste in essere, e quindi, contesti anche l’indebita detrazione dell’I.V.A. e la deduzione dei costi, ha l’onere di provare che l’operazione fatturata non è mai stata effettuata, indicando, a tal fine, elementi anche indiziari (Cass. n. 20059 del 24/9/2014; n. 15741 del 19/9/2012; n. 27718 del 11/12/2013; n. 9363 del 8/5/2015; nello stesso senso C. Giust. 6 luglio 2006, C- 439/04; 21 febbraio 2006, C- 255/02; 21 giugno 2012, C. 80/11); a quel punto passerà sul contribuente l’onere di dimostrare l’effettiva esistenza delle operazioni contestate. Tale ultima prova non può tuttavia consistere nella esibizione della fattura o nella dimostrazione della regolarità formale delle scritture contabili o dei mezzi di pagamento, poichè questi sono facilmente falsificabili o vengono normalmente utilizzati proprio allo scopo di far apparire reale un’operazione fittizia (Cass. n. 6865/2019; n. 17619 del 5/7/2018; n. 5406 del 18/3/2016; n. 18118 del 14/9/2016; n. 28683/15; n. 428 del 14/1/2015; n. 12802 del 10/6/2011; n. 15228 del 3/12/2001).

Con specifico riferimento all’I.V.A., inoltre, in caso di operazioni oggettivamente inesistenti, il diritto alla detrazione dell’imposta non può in alcun modo farsi discendere – anche sul piano probatorio – dal solo fatto dell’avvenuta corresponsione dell’imposta formalmente indicata in fattura, richiedendosi, altresì, l’inerenza dell’operazione all’impresa, che è certamente mancante in relazione al pagamento dell’I.V.A. corrisposta per operazioni (anche parzialmente) inesistenti, in quanto di per sè inidoneo a configurare un pagamento a titolo di rivalsa, trattandosi di costo non inerente all’attività dell’impresa, ed anzi potenziale espressione di detrazione verso finalità ulteriori e diverse, tali da rompere il detto nesso di inerenza (Cass. n. 735 del 19/1/2010; n. 6973 del 8/4/2015).

Nella specie la CTR ha fatto corretta applicazione dei principi di diritto affermati dalla Corte.

3. Con il primo motivo il contribuente deduce in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, in ordine alla fatturazione di operazioni di prestazioni in parte inesistenti, nonchè, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, violazione e falsa applicazione dell’art. 132 c.p.c.. Lamenta che la CTR con una motivazione solo apparente aveva ritenuto che le prestazioni rese dallo Z. risultavano parzialmente inesistenti e di importo inferiore rispetto a quello indicato nelle fatture oggetto di contestazione, ritenendo che dagli atti di causa e soprattutto dalle affermazioni dei rappresentanti delle parti in corso di udienza, risultava che tra quest’ultimo e il contribuente fossero intercorsi, negli anni in questione, dei rapporti commerciali, seppure non dell’entità rappresentata dagli importi indicati nelle fatture emesse, senza precisare su quale materiale processuale genericamente richiamato avesse fondato il proprio convincimento.

La censura e fondata.

Premesso quanto riferito in relazione alla seconda censura del ricorrente osserva il Collegio che dagli elementi contenuti nella motivazione degli avvisi di accertamento, riprodotta dal ricorrente, si evince che sulla base di fatture contabilizzate dal verificato P.C. l’ufficio aveva provveduto ad effettuare un riscontro incrociato e raccolto le dichiarazioni del soggetto emittente il quale in una prima seduta aveva affermato che nel periodo indicato non aveva lavorato (l’unica fonte di reddito goduta era una pensione di invalidità per infortunio), non aveva percepito corrispettivi rientranti a fini Iva e non aveva emesso le fatture. In una successiva seduta lo stesso Z. aveva dichiarato di essere un semplice lavoratore subordinato del P., privo di beni strumentali e che aveva eseguito un ordine fisso per ciascun giorno lavorativo, percependo compensi per Lire 3.000.000/ Lire 3.500,000 mensili.

Inoltre il società committente non aveva esibito alcun tipo di documentazione atta a dimostrare l’esistenza del rapporto commerciale nè di un rapporto di lavoro subordinato, nè pagamenti corrispondenti alle fatture emesse.

La CTR si è limitata ad affermare che “al di là delle contraddittorie affermazioni dello Z., sulle quali l’Ufficio ha in sostanza basato il proprio accertamento, dagli atti di causa e soprattutto dalle affermazioni dei rappresentanti delle parti, in corso di udienza, risulta che tra questi e il contribuente sono intercorsi negli anni in questione dei rapporti commerciali, seppure non dell’entità rappresentata dagli importi che sono indicati nelle fatture emesse dallo Z….” e sulla base di “come affermato dallo Z., secondo il quale gli importi corrispostigli dal P. ammontavano mensilmente a tre milioni/tre milioni e mezzo di lire” ha rideterminato i costi.

La motivazione della CTR, appare dunque oltre che insufficiente e contraddittoria del tutto apparente perchè non è dato comprendere il percorso argomentativo seguito dal giudice, il corretto dispiegarsi dell’onere della prova, su quali atti di causa e quali dichiarazioni abbia fondato la propria decisione, la natura dei rapporti tra il contribuente e lo Z. (quale rapporto commerciale o rapporto di lavoro subordinato) e la fonte del proprio convincimento.

L’accoglimento del primo motivo di ricorso comporta, a prescindere dall’eccezione di inammissibilità, formulata dal ricorrente con le memorie depositate il 17.01.2020 l’assorbimento del ricorso incidentale dell’ufficio con il quale si deduce violazione e falsa applicazione dell’art. 2697 c.c., e dell’art. 115 c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4. per avere la CTR aveva ritenuto provato che vi erano stati rapporti commerciali tra le parti con costi a carico del P. senza che il ricorrente avesse provato alcunchè in relazione a detti costi, fondati sulle dichiarazioni dello Z. ritenute dallo stesso giudice di appello contraddittorie e insufficiente motivazione su un fatto decisivo per il giudizio in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, per avere la CTR ritenuto che il fondamento dei costi dedotti sarebbe l’esistenza di rapporti commerciali, sulla base dei quali sarebbero stati corrisposti degli importi senza che avere motivato su quale base fossero stati ritenuti provati tanto le prestazioni fornite che gli importi corrisposti.

La sentenza deve essere, pertanto, cassata con rinvio alla CTR del Veneto, in diversa composizione, anche sulle spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo di ricorso principale, rigettato il secondo e assorbito il ricorso incidentale, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla CTR del Veneto in diversa composizione anche per le spese del presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 29 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 21 maggio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA