Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9337 del 21/05/2020

Cassazione civile sez. trib., 21/05/2020, (ud. 14/01/2020, dep. 21/05/2020), n.9337

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BISOGNI Giacinto – Presidente –

Dott. PERRINO A.M. – rel. Consigliere –

Dott. NONNO Giacomo M. – Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria M. – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO DI NOCERA M.G. – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al numero 22363 del ruolo generale dell’anno

2014, proposto da:

B.T., rappresentato e difeso, giusta procura speciale

allegata alla comparsa di costituzione di nuovo difensore, dall’avv.

Grazia Tiberia Pomponi, presso lo studio della quale in Roma, alla

via Pietro Borsieri, n. 12, elettivamente si domicilia.

– ricorrente –

contro

Agenzia delle entrate, in persona del direttore pro tempore,

rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, presso

gli uffici della quale in Roma, alla via dei Portoghesi, n. 12,

elettivamente si domicilia.

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale del Veneto, sede staccata di Verona, pubblicata in data 3

febbraio 2014, n. 203/15/14;

sentita la relazione sulla causa svolta dal consigliere

Angelina-Maria Perrino nel corso dell’adunanza del 14 gennaio 2020.

Fatto

RILEVATO

che:

– in esito a una verifica corredata di indagini bancarie l’Agenzia delle entrate recuperò, in relazione all’anno d’imposta 2004, maggiore materia imponibile ai fini dell’irpef, dell’iva e dell’irap nei confronti di B.T. e il contribuente impugnò il relativo avviso di accertamento, ottenendo in primo luogo la riduzione in sede di autotutela dell’importo dei maggiori ricavi, pari alla differenza tra l’importo indicato nell’avviso e quello giustificato, e correlativamente dell’importo dei costi deducibili;

– la Commissione tributaria provinciale di Verona accolse comunque parzialmente il ricorso, limitatamente a quattro ulteriori movimenti, che ritenne fiscalmente irrilevanti perchè ritenuti giustificati;

– la Commissione tributaria regionale del Veneto ha respinto l’appello principale proposto da B. e ha accolto quello incidentale proposto dall’Agenzia in relazione a due delle quattro movimentazioni bancarie ritenute giustificate dal giudice di primo grado;

– a sostegno della decisione, il giudice d’appello ha anzitutto respinto l’eccezione di nullità della notificazione compiuta da messo comunale, sia per mancanza di prova dell’irregolarità della nomina, sia in ragione della validità degli atti, del funzionario di fatto; ha poi escluso l’esistenza di elementi idonei far ritenere l’insussistenza dell’autorizzazione allo svolgimento delle indagini bancarie o comunque l’irregolarità di essa; ha sottolineato che la natura dell’accertamento non richiedeva la redazione di un processo verbale di chiusura delle operazioni, in mancanza di verifiche o di ispezioni nei locali del contribuente; ha rimarcato che i conti correnti considerati sono soltanto quelli intestati al contribuente e che, a fronte delle presunzioni legali, il contribuente non è stato in grado di spiegare analiticamente tutti i movimenti a lui riferibili; ha, infine, escluso la fondatezza della censura relativa al fatto che per l’anno in questione sarebbero stati emessi due avvisi di accertamento;

– contro questa sentenza propone ricorso il contribuente, che affida a tre motivi, che illustra con memoria, cui l’Agenzia delle entrate replica con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– inammissibile è il primo motivo di ricorso, col quale il contribuente deduce la violazione o falsa applicazione del T.U.L.L. comunali e provinciali del 1934, art. 273, là dove il giudice d’appello ha fatto leva sulla circostanza che il ricorrente non avrebbe offerto la prova che il messo non avesse giurato nelle mani del prefetto; non è stata difatti censurata l’altra ratio sulla quale poggia la statuizione della Commissione tributaria regionale, calibrata sulla validità degli atti del funzionario di fatto;

– inammissibile è altresì il secondo motivo di ricorso, col quale B.T. denuncia la violazione o falsa applicazione dello statuto dei diritti del contribuente, art. 7, comma 1, del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 42, nonchè del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 56, sostenendo che l’avviso di accertamento fosse contraddittoriamente motivato, là dove imputava a redditi d’impresa i pretesi ricavi della società Nuova Lalfa Lampadari s.r.l., con la quale, invece, il ricorrente è in rapporto di lavoro dipendente; ciò perchè, dietro lo schermo della violazione di legge, in realtà si censura un’insufficienza della motivazione del giudice d’appello, inibita dall’applicabilità, ratione temporis, del nuovo testo dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5;

– infondato è il terzo motivo di ricorso, col quale il contribuente denuncia la violazione o falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 43, comma 3, là dove la Commissione tributaria regionale ha escluso che la previa notifica in relazione al medesimo anno d’imposta 2004 di altro avviso di accertamento fondato sul c.d. redditometro abbia determinato, quanto al secondo avviso, che è quello del quale si discute, la violazione del divieto di doppia imposizione;

– è la stessa prospettazione della parte a evidenziare l’infondatezza della censura, giacchè il contribuente riferisce che il primo avviso è stato basato sul redditometro e prevedeva la possibilità di avviso integrativo giustappunto evocando le indagini bancarie, laddove il secondo, ossia quello del quale si discute, è stato originato dagli accertamenti bancari e, quindi, dagli elementi da essi ritraibili, nuovi rispetto a quelli ricavabili dal redditometro;

– la distinta questione della motivazione di questo secondo avviso, con l’indicazione dei nuovi elementi e della differenza tra la maggiore imposta emersa dalle indagini bancarie e quella risultante dall’applicazione del redditometro, postula un accertamento di fatto, che è invece dato per scontato dal contribuente e che è inibito al giudice di legittimità compiere; d’altronde, il contribuente non trascrive il contenuto dei due avvisi, al fine di consentire a questa Corte di poter apprezzare che effettivamente vi fosse la doppia imposizione lamentata;

– inoltre, va ribadito che oggetto del processo tributario è l’accertamento della legittimità della pretesa tributaria in quanto avanzata con l’atto impugnato ed alla stregua dei presupposti di fatto e di diritto in tale atto indicati;

– sicchè, in sede di impugnazione di un avviso di accertamento integrativo, il giudice tributario è chiamato a pronunciarsi esclusivamente sulla legittimità della pretesa avanzata con tale avviso e non può ritenerne l’illegittimità sulla base della ritenuta contraddittorietà con altro precedente avviso: il difetto logico idoneo ad inficiare l’atto impugnato non potrebbe che essere intrinseco all’atto stesso, senza possibilità di estendersi ad atti non oggetto di impugnazione e, peraltro, senza che il mancato – previo – esercizio dell’autotutela da parte dell’amministrazione in relazione ad atto diverso da quello impugnato possa rilevare e tanto meno costituire valida motivazione per l’annullamento dell’atto oggetto di impugnazione (Cass. 19 marzo 2009, n. 6620);

il motivo va in conseguenza respinto;

ne discende il rigetto del ricorso;

le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

rigetta il ricorso e condanna il contribuente a pagare le spese, che liquida in Euro 5600,00 per compensi, oltre alle spese prenotate a debito.

Dichiara la sussistenza dei presupposti processuali per il raddoppio del contributo unificato, se dovuto.

Così deciso in Roma, il 14 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 21 maggio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA