Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9270 del 20/05/2020

Cassazione civile sez. VI, 20/05/2020, (ud. 19/12/2019, dep. 20/05/2020), n.9270

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – rel. Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 6574-2018 proposto da:

CARROZZERIA SCAGLIA, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la

CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dagli avvocati GIUSEPPE

CAMODECA, PASQUALE VELLUCCI;

– ricorrente –

contro

REALE MUTUA ASSICURAZIONI, in persona del Procuratore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA MONTE ASOLONE 8, presso lo

studio dell’avvocato FABIOLA LIUZZI, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato MILENA LIUZZI;

– controricorrente –

contro

B.L.R., M.A.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1007/2017 del TRIBUNALE di ASTI, depositata il

11/12/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 19/12/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ROSSETTI

MARCO.

Fatto

RILEVATO

che:

la notifica del ricorso per cassazione è stata effettuata alle tre controparti dall’avv. Giuseppe Camodeca ai sensi della L. n. 53 del 1994;

l’avv. Giuseppe Camodeca non è iscritto all’albo degli avvocati cassazionisti;

qualsiasi vizio della notifica alla società Reale Mutua (sia che lo si volesse qualificare come nullità, sia come inesistenza) è stato sanato, con effetto ex nunc, dalla circostanza che quest’ultima ha depositato il proprio controricorso prima della scadenza del termine per l’impugnazione, come già ritenuto da questa Corte in caso analogo (Sez. 3, Sentenza n. 8377 del 07/04/2009, Rv. 608000 – 01);

infatti il ricorso per cassazione è stato notificato alla Reale Mutua il 5 febbraio, mentre il controricorso è stato depositato il successivo 15 marzo, e dunque entro il 60 giorno dalla notifica del ricorso; di conseguenza, dinanzi ad una notifica (divenuta) valida, ed a due notifiche viziate, in un processo litisconsortile quale è il presente (Sez. U, Sentenza n. 24707 del 04/12/2015, Rv. 638109 – 01), deve trovare applicazione l’art. 331 c.p.c.;

deve, di conseguenza, ordinarsi alla società ricorrente il rinnovo della notifica a B.L.R. e M.A..

P.Q.M.

ordina il rinnovo della notificazione del ricorso a B.L.R. e M.A., entro il termine di giorni 60 dalla comunicazione della presente ordinanza.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta Sezione civile della Corte di cassazione, il 19 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 20 maggio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA