Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9268 del 20/05/2020

Cassazione civile sez. VI, 20/05/2020, (ud. 21/11/2019, dep. 20/05/2020), n.9268

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. CIGNA Mario – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al numero 21511 del ruolo generale dell’anno

2018, proposto da:

RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI IMPRESE F.S.A. E

F.O. (P.I.: (OMISSIS)), in persona del legale rappresentante pro

tempore, F.S.A. rappresentato e difeso dagli

avvocati Luigi Celi (C.F.: (OMISSIS)) e Giovanni Celi (C.F.:

(OMISSIS));

– ricorrente –

nei confronti di:

COMUNE DI MILAZZO (C.F.: (OMISSIS)), in persona del Sindaco, legale

rappresentante pro tempore S.M. (C.F.: non indicato)

– intimati –

per la cassazione dell’ordinanza del Tribunale di Barcellona Pozzo di

Gotto, emessa nella causa iscritta al n. 459 dell’anno 2018 del

R.G., in data 25 maggio 2018;

udita la relazione sulla causa svolta nella camera di consiglio in

data 21 novembre 2019 dal consigliere Dott. Tatangelo Augusto.

Fatto

RILEVATO

che:

Nell’ambito di una procedura esecutiva per espropriazione immobiliare promossa nei confronti del Comune di Milazzo, nella quale è intervenuto il Raggruppamento Temporaneo di Imprese F.S.A. e F.O. (surrogandosi al creditore procedente), il giudice dell’esecuzione, avendo dichiarato l’estinzione del processo esecutivo (ai sensi dell’art. 248 T.U.E.L., comma 2), ha proceduto alla liquidazione del compenso spettante al custode dei beni pignorati S.M., ponendolo a carico del creditore procedente.

Il suddetto Raggruppamento Temporaneo di Imprese (A.T.I. F.) ha proposto opposizione avverso il decreto di liquidazione, ai sensi del (T.U.S.G. – Testo Unico delle Spese di Giustizia), D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 170, sostenendo che il pagamento avrebbe dovuto essere posto a carico del debitore.

L’opposizione è stata dichiarata inammissibile dal Presidente del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto.

Ricorre il Raggruppamento Temporaneo di Imprese F.S.A. e F.O., sulla base di due motivi. Non hanno svolto attività difensiva in questa sede gli intimati. E’ stata disposta la trattazione in camera di consiglio, in applicazione degli artt. 375, 376 e 380 bis c.p.c., in quanto il relatore ha ritenuto che il ricorso fosse destinato ad essere dichiarato manifestamente infondato.

E’ stata quindi fissata con decreto l’adunanza della Corte, e il decreto è stato notificato alle parti con l’indicazione della proposta.

L’A.T.I. ricorrente ha depositato memoria ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., comma 2.

Il Collegio ha disposto che sia redatta motivazione in forma semplificata.

Diritto

CONSIDERATO

che:

Il Collegio ritiene opportuna la trattazione del ricorso nella pubblica udienza della Terza Sezione Civile, in relazione alla questione del mezzo di impugnazione dei provvedimenti del giudice dell’esecuzione di liquidazione dei compensi dei propri ausiliari a seguito della dichiarazione di estinzione del processo esecutivo, con specifico riguardo alle contestazioni relative unicamente al soggetto tenuto al pagamento.

P.Q.M.

La Corte:

– rimette la trattazione del ricorso alla pubblica udienza della Terza Sezione Civile.

Così deciso in Roma, il 21 novembre 2019.

Depositato in cancelleria il 20 maggio 2020

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA