Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9230 del 10/04/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 10/04/2017, (ud. 16/02/2017, dep.10/04/2017),  n. 9230

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16539-2016 proposto da:

C.S., V.M., E.P., T.F.,

S.A., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA ATTILIO REGOLO

12-D, presso lo studio dell’avvocato ZOSIMA VECCHIO, rappresentati e

difesi dagli avvocati FRANCESCO MERCURIO, ROBERTO BOCCHINI, SIMONE

MERCI, FABIO BRUSA, FRANCESCO DE SANZUAN nonchè l’avvocato DEBORA

CREMASCO per S.A.;

– ricorrenti –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) S.R.L. IN LIQUIDAZIONE, P.A., REALE MUTUA

DI ASSICURAZIONI SPA, AIG EUROPE LTD;

– intimati –

per regolamento di competenza avverso la sentenza n. 11246/2016 del

TRIBUNALE di ROMA, depositata il 03/06/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 16/02/2017 dal Consigliere Dott. ENZO VINCENTI;

lette le conclusioni scritte del P.G., in persona del Sostituto

Procuratore Generale T. Basile, che chiede determinarsi la

competenza a favore della Sezione specializzata in materia di

impresa presso il Tribunale di Venezia.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che, con sentenza non definitiva resa in data 3 giugno 2016, il Tribunale di Roma, sezione specializzata in materia di impresa, rigettava – per quanto interessa in questa sede – l’eccezione di incompetenza territoriale del medesimo Tribunale sollevata da C.S., T.F., E.P., Z.R., V.M. ed S.A., convenuti in giudizio dalla (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione (nelle more del processo poi fallita, con riassunzione del giudizio da parte del relativo curatore fallimentare) per sentirli condannare, personalmente o in solido tra loro, al risarcimento dei danni asseritamente cagionati nell’espletamento degli incarichi di componenti del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale;

che il Tribunale riteneva che, a seguito della riassunzione del giudizio da parte del Fallimento della (OMISSIS) s.r.l., si costituiva per la prima volta l’ulteriore convenuto P.A., il quale, pertanto, mancando di eccepire tempestivamente, con la sua condotta processuale, l’eccezione di incompetenza territoriale derogabile, vanificava la corrispondente eccezione sollevata dagli altri convenuti, radicando la competenza territoriale del Tribunale adito;

che, a tal fine, lo stesso giudice osservava che, all’esito della declaratoria di illegittimità costituzionale degli artt. 38 e 102 c.p.c. recata dalla sentenza n. 41 del 2006 della Corte costituzionale, solo nell’ipotesi di litisconsorzio necessario e di causa inscindibile l’eccezione anzidetta sollevata da uno dei convenuti ha effetto nei confronti di tutti gli altri, mentre in ipotesi di litisconsorzio facoltativo (come nella specie, in tema di azione di responsabilità promossa contro amministratori e sindaci di una società), l’eccezione di incompetenza territoriale sollevata tempestivamente da taluni convenuti risulta improduttiva di effetti nei confronti del convenuto che non l’abbia del pari sollevata in modo tempestivo (nella specie, il Polo), radicandosi nei suoi confronti la competenza del Tribunale adito;

che il Tribunale sosteneva, altresì, che, “avuto riguardo alle ragioni di connessione, nella fattispecie si impone il simultaneus processus e, pertanto, si deve statuire che la competenza territoriale del Tribunale di Roma è parimenti radicata anche nei confronti di tutti gli altri convenuti”;

che avverso tale decisione hanno proposto regolamento facoltativo di competenza C.S., + ALTRI OMESSI

che i ricorrenti assumono, anzitutto, che la sentenza n. 41 del 2006 della Corte costituzionale vada interpretata nel senso che “anche”, e dunque “non soltanto”, in ipotesi di litisconsorzio necessario l’eccezione di incompetenza territoriale derogabile sollevata da uno soltanto dei convenuti assume efficacia, altresì dovendo prevalere l’esigenza di tutelare il principio del giudice naturale per legge rispetto a quello del simultaneus processus;

che in ricorso si argomenta, poi, sulla competenza territoriale, alternativa, del Tribunale di Venezia o di Bologna, ai sensi del combinato disposto degli artt. 18, 20 E 33 c.p.c. e D.Lgs. n. 168 del 2003, art. 4, comma 1;

che non hanno svolto attività difensiva in questa sede gli intimati Fallimento (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione, P.A., Reale Mutua di Assicurazioni S.p.A., Aig Europe Ltd;

che il ricorso è stato avviato alla trattazione camerale sulla base delle conclusioni scritte del pubblico ministero, ai sensi dell’art. 380-ter c.p.c., il quale ha concluso chiedendo accogliersi il ricorso e dichiararsi la competenza del Tribunale delle imprese di Venezia;

Considerato che il ricorso è fondato in forza delle ragioni che seguono;

che questa Corte, successivamente alla sentenza n. 41 del 2006 del Giudice delle leggi, ha ribadito che, in caso di litisconsorzio facoltativo (come nella specie, trattandosi di azione di responsabilità contro componenti di collegio sindacale, per cui, anche là dove si è invocata la condanna in solido dei convenuti, il vincolo di solidarietà, ex art. 2055 c.c., non impedisce che uno solo degli autori del fatto illecito possa essere convenuto per l’intero risarcimento: Cass. n. 13796/2004), va escluso che sia improduttiva di effetti l’eccezione di incompetenza territoriale derogabile proposta non da tutti i litisconsorti convenuti, tanto più a seguito della predetta sentenza Corte costituzionale, con cui è stata dichiarata la parziale illegittimità del combinato disposto degli artt. 38 e 102 c.p.c. nella parte in cui comportano l’improduttività di effetti dell’eccezione nel caso di litisconsorzio necessario (Cass. n. 16800/2006);

che, del resto, proprio in considerazione di quanto affermato dalla medesima sentenza n. 41 del 2006, il simultaneus processus non può operare in contrasto con il principio del giudice naturale precostituito per legge (art. 25 Cost.), dovendosi, dunque, svolgere dinanzi “ad un giudice individuato in base ai criteri legali”;

che, quanto all’individuazione del giudice competente, va rilevato che i convenuti risultano (anche dalla stessa sentenza del Tribunale di Roma) residenti in Comuni compresi nelle Province di Verona, Vicenza, Venezia e Bologna;

che, inoltre, non essendo contestato che prima della messa in liquidazione della società (OMISSIS) s.r.l., la stessa avesse avuto la sede legale in Vicenza, occorre altresì osservare che, stante la natura contrattuale della responsabilità degli amministratori e dei sindaci verso la società (Cass. n. 22911/2010), per la determinazione del foro competente deve farsi riferimento non già al luogo ove si è verificato l’inadempimento (in forza del quale è fondata la pretesa di risarcimento danni della società), ma a quello in cui avrebbe dovuto essere eseguita la prestazione rimasta inadempiuta o non esattamente adempiuta, della quale il risarcimento è sostitutivo, e ciò anche quando il convenuto contesti in radice resistenza della obbligazione stessa (tra le altre, Cass. n. 6762/2014);

che, dunque, in base al combinato operare degli artt. 18 e 20 c.p.c., del D.Lgs. n. 168 del 2003, artt. 3 e 4 nonchè del criterio di cui all’art. 33 c.p.c., il giudice territorialmente competente sulla causa promossa dal Fallimento (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione deve essere individuato, alternativamente, nel Tribunale di Venezia, sezione specializzata in materia di impresa, o nel Tribunale di Bologna, sezione specializzata in materia di impresa, dinanzi ad uno dei quali il giudizio dovrà essere riassunto nel termine di legge;

che al pagamento delle spese del presente procedimento – liquidate come in dispositivo in conformità ai parametri di cui al D.M. n. 55 del 2014 – deve essere condannato il Fallimento (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione, mentre le medesime spese vanno interamente compensate tra tutte le altre parti, stante la sostanziale posizione comune (anche per ciò che attiene alle società chiamate in causa) con quella fatta valere dai ricorrenti.

PQM

accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e dichiara la competenza territoriale del Tribunale di Venezia, sezione specializzata in materia di impresa, o nel Tribunale di Bologna, sezione specializzata in materia di impresa, dinanzi ad uno dei quali il giudizio dovrà essere riassunto nel termine di legge;

condanna il Fallimento (OMISSIS) s.r.l. in liquidazione al pagamento delle spese del presente procedimento, che liquida, in favore dei ricorrenti, in Euro 7.000,00, per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 200,00, e agli accessori di legge.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta civile – 3 della Corte suprema di Cassazione, il 16 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 10 aprile 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA