Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 920 del 13/01/2022

Cassazione civile sez. VI, 13/01/2022, (ud. 19/10/2021, dep. 13/01/2022), n.920

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRAZIOSI Chiara – Presidente –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – rel. Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso n. 14939-2020 proposto da:

T.L., domiciliato in ROMA, alla piazza CAVOUR, presso la

CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato CARLA CORSETTI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO della GIUSTIZIA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 23681/2019 del TRIBUNALE di ROMA, depositata

il 10/12/2019;

udita la relazione della causa svolta, nella Camera di consiglio non

partecipata del 19/10/2021, dal Consigliere Relatore Dott. Cristiano

Valle, osserva quanto segue.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

T.L. impugna la sentenza del Tribunale di Roma che ha rigettato l’opposizione agli atti esecutivi avverso ordinanza del giudice dell’esecuzione di estinzione della procedura esecutiva, in quanto si verteva in tema di intervento del creditore in procedura di espropriazione presso terzi, in contrasto con le disposizioni introdotte dal D.L. 8 aprile 2013, n. 35, art. 6, comma 6, conv. con modif. in L. 6 giugno 2013, n. 64.

La causa è stata avviata alla trattazione secondo il rito di cui all’art. 375 c.p.c..

Il ricorrente ha depositato memoria.

Il Collegio ritiene che il ricorso prospetta questione di diritto di particolare rilevanza, della quale è opportuna la trattazione in pubblica udienza.

P.Q.M.

Rimette il ricorso alla pubblica udienza e lo rinvia a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Corte di Cassazione, sezione VI civile 3, il 19 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 13 gennaio 2022

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA