Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9175 del 21/04/2011

Cassazione civile sez. trib., 21/04/2011, (ud. 05/01/2011, dep. 21/04/2011), n.9175

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PIVETTI Marco – Presidente –

Dott. PARMEGGIANI Carlo – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 31548-2006 proposto da:

M.C., elettivamente domiciliato in ROMA PIAZZA

CAVOUR presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato

e difeso dall’avvocato DI STILO ROCCO ORLANDO con studio in CHIVASSO

VIALE VITTORIO VENETO 53-12 (avviso postale), giusta delega in Calce;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI CHIVASSO, in persona del Direttore

pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

e contro

UNIRISCOSSIONI SPA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 31/2006 della COMM. TRIB. REG. di TORINO,

depositata il 18/09/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

05/01/2011 dal Consigliere Dott. FRANCESCO TERRUSI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

BASILE Tommaso che ha concluso per il rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con l’impugnata sentenza – resa pubblica in data 18.9.2006 – la commissione tributaria regionale del Piemonte ha respinto l’appello proposto da M.C. avverso la sentenza con la quale la commissione tributaria provinciale di Torino aveva disatteso un suo ricorso contro una cartella esattoriale di pagamento, relativa a Irpef per l’anno 1997.

La M. ha interposto ricorso per cassazione formulando cinque motivi.

Hanno resistito con controricorso l’agenzia delle entrate e il Ministero delle finanze. Non ha svolto attività difensiva il concessionario Uniriscossioni s.p.a., sebbene destinatario anch’esso del ricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. – Va dichiarata l’inammissibilità del controricorso del Ministero dell’economia e finanze, non evocato in questa sede a mezzo della notifica del ricorso. Nel giudizio di cassazione non trova applicazione l’art. 105 c.p.c. e non è invero consentito l’intervento volontario di un soggetto terzo rispetto alla parte legittimata a contraddire.

2. – La ricorrente denuncia, nei primi due motivi, violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, del in ordine alle fattispecie di inammissibilità ivi disciplinate, e, negli altri tre, vizi di motivazione.

Devesi peraltro considerare che il presente ricorso – in quanto attinente a sentenza depositata dopo il 1.3.2006 – è regolato dalle disposizioni di cui al D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40.

Rileva quindi il sistema del cd. filtro a quesiti, di cui all’art. 366-bis c.p.c.; norma che, sebbene abrogata dal D.Lgs. n. 69 del 2009, è rimasta in vigore per i ricorsi per cassazione presentati avverso sentenze pubblicate prima del 4 luglio 2009 (art. 58, D.Lgs. ult. cit.). Pertanto era onere dell’impugnante, a pena di inammissibilità, (a) concludere l’illustrazione di ciascun motivo di cassazione ex art. 360 c.p.c., n. 3 con la formulazione di un quesito di diritto; (b) rendere intelligibile l’illustrazione delle censure relative alla motivazione della sentenza (art. 360 c.p.c., n. 5) mediante la chiara indicazione dei singoli fatti controversi e/o delle ragioni di inidoneità. Invero è oramai acquisito che: (i) la necessitata corretta formulazione del quesito di diritto esige che il ricorrente indichi in esso la fattispecie concreta per poi rapportarla a uno schema normativo tipico, si da infine specificare il principio giuridico di cui chiede l’affermazione; (ii) nel caso previsto dall’art. 360 c.p.c., n. 5 (omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione) la relativa censura deve anch’essa contenere un momento di sintesi (omologo del quesito di diritto) che ne circoscriva comunque, puntualmente, i limiti, in maniera da non ingenerare incertezze in sede di formulazione del ricorso e di valutazione della sua ammissibilità (v. sez. un. 20603/2007).

In questi termini è stato precisato – e qui va ribadito – che la chiara indicazione del fatto controverso, in relazione al quale la motivazione si assume omessa o insufficiente, non può essere desunta o integrata dal contenuto del motivo (o dei motivi), pena la sostanziale abrogazione dell’art. 366-bis c.p.c. (cfr. sez. un. 6420/2008), stante che è di tutta evidenza che la disposizione dell’art. 366-bis c.p.c., relativa all’art. 360, n. 5, non avrebbe alcun significato se si limitasse a prescrivere quanto già insito nel parametro generale reso da questa norma, vale a dire la desumibilità del fatto controverso e del vizio logico della motivazione dal complesso del motivo di ricorso. Trattasi di principi del tutto consolidati (ancora da ultimo Cass. 1285/2010 e 428/2010, nonchè infine sez. un. 2010/12339) ai quali devesi dare continuità.

3. – Nel caso di specie difetta, da un lato, l’enunciazione del quesito di diritto con riguardo ai primi due motivi (con cui si denunciano violazioni di legge entrambe relative al D.Lgs. n. 564 del 1992, art. 22); dall’altro, con riguardo ai restanti tre motivi (e a prescindere da possibili ulteriori rilievi di genericità), una sintesi idonea a circoscrivere i fatti controversi e i vizi logici della motivazione, come richiesto dall’art. 366-bis c.p.c..

Ne consegue l’inammissibilità del ricorso.

Spese alla soccombenza nel rapporto con l’intimata agenzia delle entrate. Nulla per quelle relative alla difesa del Ministero.

P.Q.M.

La Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso. Condanna parte ricorrente alle spese del giudizio di cassazione in favore dell’Agenzia delle entrate, liquidando dette spese in Euro 450,00, di cui Euro 100,00 per esborsi.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della quinta sezione civile, il 5 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 21 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA