Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9069 del 20/04/2011

Cassazione civile sez. II, 20/04/2011, (ud. 10/03/2011, dep. 20/04/2011), n.9069

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIOLA Roberto Michele – Presidente –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. MATERA Lina – rel. Consigliere –

Dott. BIANCHINI Bruno – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso n. 29697 del 2005 proposto da:

N.R. C.F. (OMISSIS), C.R. C.F.

(OMISSIS), M.F. C.F. (OMISSIS),

F.M. C.F. (OMISSIS), E.C. C.F.

(OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi dall’avvocato

DE FELICE ARTURO;

– ricorrenti –

contro

B.F., A.G., B.M., B.G.;

– intimati –

e sul ricorso n. 3723 del 2006 proposto da:

A.G. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA FILIPPO CORRIDONI 23, presso lo studio dell’avvocato

BARBARA BALBONI, rappresentata e difesa dagli avvocati MICHELE

TROISI, SORRENTINO UGO;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

B.M., F.M., B.G., B.F.,

N.R., C.R., E.C., M.

F.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 475/2004 della CORTE D’APPELLO di SALERNO,

depositata il 28/09/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

10/03/2011 dal Consigliere Dott. LINA MATERA;

udito il P.M. in persona dei Sostituto Procuratore Generale Dott.

APICE Umberto che ha concluso per il rigetto dei ricorsi.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che, ai sensi dell’art. 335 c.p.c., deve essere disposta la riunione dei ricorsi;

rilevato che il ricorrente F.M. ha dato atto di avere acquistato i suoi diritti sui locali seminterrati e sul piazzale per cui e’ causa in forza di atto per notaio Ansalone del 4-3-2004 da Fa.Ma., la quale a sua volta li aveva acquistati con atto per notaio Ansatone del 10-11-1986 da A.R. e S. G.;

rilevato che, in caso di successione a titolo particolare nel diritto controverso, l’intervento volontario o la chiamata in causa dell’acquirente non comportano automaticamente l’estromissione dell’alienante, producendosi tale effetto solo con il relativo provvedimento, adottato previo consenso delle altre parti; con la conseguenza che l’alienante, finche’ non sia estromesso, rimane nel processo come litisconsorte necessario (Cass. 24-8-2006 n. 18483;

Cass. 26-1-2010 n. 1535; Cass. 24-2-2010 n. 4486);

ritenuto che, pertanto, deve essere disposta l’integrazione del contraddittorio nei confronti di A.R., S.G. e Fa.Ma., danti causa di F.M. e parti nel giudizio di merito, con assegnazione di un termine per la notifica ai predetti del ricorso e del controricorso.

P.Q.M.

LA CORTE riunisce i ricorsi e dispone l’integrazione del contraddittorio mediante notifica del ricorso principale e del ricorso incidentale nei confronti delle persone indicate in motivazione, nel termine di novanta giorni dalla comunicazione della presente ordinanza. Rinvia la causa a nuovo ruolo.

Cosi’ deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 10 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 20 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA