Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8954 del 14/05/2020

Cassazione civile sez. lav., 14/05/2020, (ud. 16/01/2020, dep. 14/05/2020), n.8954

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TORRICE Amelia – Presidente –

Dott. MAROTTA Caterina – Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3878-2018 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Direttore e legale rappresentante pro tempore elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso lo studio

dell’avvocato PAOLA MASSAFRA, che lo rappresenta e difende

unitamente agli avvocati ELISABETTA LANZETTA, SEBASTIANO CARUSO;

– ricorrente –

contro

F.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ALBALONGA 7,

presso lo studio dell’avvocato CLEMENTINO PALMIERO, rappresentato e

difeso dall’avvocato GIOVANNI DE NOTARIIS;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 152/2017 della CORTE D’APPELLO di CAMPOBASSO,

depositata il 18/07/2017 R.G.N. 188/2014.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. con sentenza del 12 maggio- 18 luglio 2017 numero 152 la Corte d’Appello di Campobasso riformava la sentenza del Tribunale della stessa sede e, per l’effetto, accoglieva l’opposizione proposta da F.M. avverso il decreto ingiuntivo emesso su ricorso dell’INPDAP, (poi INPS) già datore di lavoro del F., per la restituzione delle somme versate in esecuzione della sentenza del TAR MOLISE 41/1997, nell’assunto dell’INPS non dovute a seguito della riforma della sentenza da parte del Consiglio di Stato e della transazione raggiunta tra le parti in data 23 febbraio 2001.

2. La Corte territoriale evidenziava che il decreto ingiuntivo opposto si fondava sulla determina dirigenziale del 23 febbraio 2001 n. 18, che recepiva la transazione intervenuta tra le parti sulla base della proposta dell’INPDAP di cui alla nota del 16.2.2001 n. 649. Detta proposta, come riconosciuto dal giudice di primo grado, riguardava solo la prima delle due cause in corso tra le parti e non anche la seconda, definita con sentenza del Tribunale di Campobasso n. 531/2000.

3. Tuttavia il F. (ed altri ex dipendenti) aveva(no) manifestato la volontà di accettare la proposta a condizione di definire anche la seconda controversia (decisa con la sentenza n. 531/2000).

4. Contrariamente a quanto ritenuto dal Tribunale, non si trattava di un ampliamento dell’oggetto della transazione ma di una condizione sospensiva. Pertanto con la transazione i dipendenti avevano rinunciato al pagamento della rivalutazione soltanto per la prima causa (ricorsi dell’anno 1999).

5. La determina dirigenziale del 23 febbraio 2001 n. 18 aveva erroneamente ampliato l’oggetto della transazione e doveva, pertanto, essere disapplicata, con conseguente revoca del decreto opposto.

6. Restavano assorbite le ulteriori questioni, poste anche in via riconvenzionale.

7. Non vi era alcuna esplicita univoca domanda di accertamento di un minor credito.

8. Avverso la sentenza ha proposto ricorso l’INPS, articolato in tre motivi, cui ha opposto difese F.M. con controricorso.

9. La parte controricorrente ha depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1. In via preliminare deve essere disattesa la eccezione di tardività del ricorso sollevata dal controricorrente, fondata sull’assunto che la consegna dell’atto per la notifica sia avvenuta soltanto il giorno 19 gennaio 2018, data della spedizione postale.

2. Si osserva al riguardo che la prova dell’affidamento dell’atto all’ufficio UNEP di Roma l’ultimo giorno utile per la impugnazione risulta dal timbro apposto dall’ufficio giudiziario. Nella relata di notifica sottoscritta dall’ufficiale giudiziario è parimenti indicata come data della richiesta di notifica il giorno 18 gennaio 2018.

3. Con il primo motivo l’Inps ha dedotto- ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3 – violazione e falsa applicazione degli artt. 1362 c.c. e ss. – anche in relazione all’art. 2113 c.c. nonchè del D.Lgs. n. 165 del 2001, artt. 5 e 63 in relazione all’art. 111 Cost., comma 7 in correlazione con l’art. 6 CEDU.

4. Ha premesso in fatto che tra le parti erano intercorsi due giudizi.

5. Il primo, definito in senso favorevole al F. con sentenza del TAR MOLISE n. 41/97, aveva ad oggetto il pagamento degli interessi e della svalutazione monetaria per il ritardato pagamento della cd. eccedenza (D.Lgs. n. 479 del 1994, art. 6, comma 5) ovvero una parte dei contributi da restituire al lavoratore all’atto della liquidazione della indennità premio di servizio (in prosieguo: IPS). In esecuzione della sentenza del TAR I’INPDAP aveva corrisposto al F. l’importo della svalutazione e degli interessi. Successivamente il Consiglio di Stato aveva riformato la sentenza, dichiarando il difetto di giurisdizione del giudice amministrativo e la causa era stata riproposta dal F. davanti al giudice ordinario.

6. Il secondo giudizio riguardava, invece, il ricalcolo della IPS, con la inclusione nella base di computo del compenso incentivante, oltre accessori; la domanda del F. era stata accolta con sentenza n. 531/2000.

7. In tale quadro era intervenuta la transazione, proposta dall’INPDAP, come ritenuto concordemente dai giudici di merito, solo per il primo giudizio e non per il secondo (definito con sentenza n. 531/2000).

8. Tanto premesso, l’INPS ha impugnato la sentenza per aver ritenuto che con la loro risposta i lavoratori non avevano esteso la transazione al secondo giudizio.

9. Ha riprodotto il testo della proposta, della accettazione e della determina dirigenziale n. 18/2001, deducendo che la volontà del F. era nel senso di definire entrambe le vertenze giudiziali, con la sua rinuncia alla rivalutazione.

10. Tale interpretazione trovava conferma nella successiva nota (del 31 maggio 2007), nella quale, in relazione alla sentenza n. 531/2000, il lavoratore chiedeva il pagamento dei soli interessi legali e non anche della rivalutazione.

11. Ha altresì dedotto che la determina n. 18/2001 non costituiva un atto amministrativo – come ritenuto dal giudice dell’appello – ma un atto datoriale di gestione del rapporto di lavoro.

12. Il motivo è inammissibile.

13. Invero l’INPS non indica le ragioni della dedotta violazione degli artt. 1362 c.c. e segg. ma sottopone a questa Corte in via diretta una diversa interpretazione dell’atto con cui il F. accettava la proposta transattiva dell’INPDAP; sollecita in tal modo una inammissibile revisione del merito piuttosto che la verifica di un vizio di violazione di legge.

14. Con il secondo motivo l’INPS ha denunciato – ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3 – violazione e falsa applicazione dell’art. 653 c.p.c. in relazione ai principi di cui all’art. 111 Cost., comma 7, in correlazione con l’art. 6 CEDU.

15. Ha censurato la statuizione con la quale il giudice dell’appello, revocato il decreto ingiuntivo, dava atto che non vi era una “esplicita univoca domanda di accertamento di un minor credito”.

16. Ha dedotto che costituisce oggetto del procedimento di opposizione a decreto ingiuntivo la domanda di condanna formulata con il ricorso monitorio, domanda che comprende la condanna del debitore al pagamento di un importo inferiore a quello ingiunto, previa revoca dell’ingiunzione.

17. Il motivo è fondato.

18. Questa Corte in una vicenda analoga, relativa ad altro dipendente INPDAP (Cassazione civile sez. VI 28 maggio 2019 n. 14486), ha già evidenziato che per pacifica giurisprudenza di questa Corte (ex aliis: Cass. 27/09/2013, n. 22281, Cass. n. 20613/2011; n. 9021/2005) l’opposizione a decreto ingiuntivo instaura un ordinario giudizio di cognizione, nel quale il giudice non deve limitarsi ad esaminare se l’ingiunzione sia stata legittimamente emessa ma deve procedere ad un’autonoma valutazione di tutti gli elementi offerti sia dal creditore, per dimostrare la fondatezza della pretesa fatta valere con il ricorso, sia dell’opponente per contestarla; a tal fine, non è necessario che la parte che chiede l’ingiunzione formuli una specifica ed espressa domanda per ottenere una pronuncia sul merito della propria pretesa creditoria, essendo, invece, sufficiente che resista alla proposta opposizione e chieda la conferma del decreto opposto. Invero, con la notificazione del ricorso per decreto ingiuntivo il creditore propone domanda di condanna per l’intero importo ingiunto (cfr. art. 643 c.p.c.); tale essendo l’oggetto del giudizio, il giudice della opposizione, ove ritenga il credito solo parzialmente fondato, deve revocare il decreto ingiuntivo ed emettere condanna per il minor importo, come si evince anche dal comma due dell’art. 653 c.p.c. La Corte territoriale, ritenendo necessaria una domanda dell’opposto “di accertamento di un minor credito” non si è attenuta al principio sopra esposto.

19. Pertanto, la sentenza impugnata deve essere cassata in accoglimento del secondo motivo del ricorso, restando assorbito il terzo, con il quale si denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 91 e 92 c.p.c., dell’art. 111Cost., comma 7, e dell’art. 6CEDU in relazione alla statuizione sulle spese di ctu.

20. La causa va rinviata alla Corte d’Appello di Bari, che si atterrà nella decisione al principio di diritto qui ribadito e provvederà, altresì, alla disciplina delle spese del presente grado.

P.Q.M.

La Corte accoglie il secondo motivo di ricorso, dichiara inammissibile il primo, assorbito il terzo.

Cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia, anche per le spese, alla Corte d’Appello di Bari.

Così deciso in Roma, nella adunanza camerale, il 16 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 14 maggio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA