Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8953 del 06/04/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 06/04/2017, (ud. 07/03/2017, dep.06/04/2017),  n. 8953

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. MAROTTA Caterina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 7044-2015 proposto da:

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO, (C.F. (OMISSIS)), in

persona del Magnifico Rettore in carica pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la CORTE DI CASSAZIONE,

rappresentata e difesa dall’avvocato MARCELLA LOIZZI giusta procura

in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

G.S.A.I., elettivamente domiciliata in ROMA,

PIAZZA CAVOUR presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato GIUSEPPE GALLO giusta procura in calce al

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2867/2014 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata i127/11/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 7/3/2017 dal Consigliere Dott. CATERINA MAROTTA.

Fatto

RILEVATO

che:

– il giudizio riguarda un ex lettore di lingua straniera (con contratti a termine rinnovati annualmente), poi assunto con contratto a tempo indeterminato come collaboratore esperto linguistico (con riconoscimento, in sede di transazione, dell’esistenza di un rapporto a tempo indeterminato sin dal primo contratto a termine come lettore e della retribuzione corrispondente a quella di professore non di ruolo ab initio), e la pretesa alla maggiore retribuzione di ricercatore confermato a tempo definito per il periodo successivo a quello oggetto di transazione con l’Università degli Studi di Bari;

– la questione posta dall’Università ricorrente riguarda (anche) l’applicabilità della L. n. 240 del 2010, art. 26 e della disposizione sull’estinzione prevista dal comma 3;

– in sede di proposta del relatore, sul punto, si sono richiamati i precedenti di questa Corte nn. 10291-10292-10293/2016;

– con recenti ordinanze interlocutorie (Cass. n. 26935/2016 e Cass. n. 79/2017), ricorsi nei quali si discuteva anche dell’interpretazione del citato L. n. 240 del 2010, art. 26 e dei limiti di operatività della prevista estinzione sono stati rimessi al Primo Presidente per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– è opportuno attendere le determinazioni conseguenti alle sopra indicate ordinanze interlocutorie.

PQM

Rinvia la causa a nuovo ruolo.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 7 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 6 aprile 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA