Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8931 del 19/04/2011

Cassazione civile sez. VI, 19/04/2011, (ud. 30/03/2011, dep. 19/04/2011), n.8931

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. BANDINI Gianfranco – Consigliere –

Dott. ZAPPIA Pietro – Consigliere –

Dott. MELIADO’ Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

P.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, PIAZZA BAINSIZZA 1, presso lo studio dell’avvocato ELIA

FRANCESCO, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

SABETTA MAURO, giusta mandato a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

INPS ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DELLA FREZZA 17, presso l’AVVOCATURA

CENTRALE DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati

MARITATO LELIO, ANTONINO SGROI, LUIGI CALIULO, giusta mandato

speciale in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 9086/2008 della CORTE D’APPELLO di ROMA del

15/12/08, depositata il 29/09/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

30/03/2011 dal Consigliere Relatore Dott. GIUSEPPE MELIADO’;

udito l’Avvocato Paola Giardina, delega avvocati Sabetta ed Elia,

difensori della ricorrente che si riporta agli scritti;

udito l’Avvocato Maritato Lelio, difensore del controricorrente che

si riporta agli scritti; è presente il P.G. in persona del Dott.

ELISABETTA CESQUI che ha concluso per la manifesta infondatezza del

ricorso.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

Con sentenza in data 15.12.2008/29.9.2009 la Corte di appello di Roma rigettava l’appello proposto da P.A. avverso la sentenza resa dal Tribunale di Viterbo il 18.4.2005, che aveva dichiarato inammissibile l’opposizione alla cartella esattoriale dalla stessa avanzata con ricorso depositato il 4.8.2004. Per la cassazione della sentenza propone ricorso P.A. con un unico motivo.

Resiste con controricorso l’INPS. Con un unico motivo la ricorrente prospetta violazione di legge (art. 360 c.p.c., n. 3) rilevando che, nel caso di riscossione coattiva ex D.Lgs. n. 46 del 1999, di crediti contributivi estinti per prescrizione, l’accertamento giurisdizionale della prescrizione costituisce questione pregiudiziale, in quanto afferente al potere amministrativo di emanare la cartella stessa, rispetto alla declaratoria di decadenza dell’opposizione, in quanto tardiva, perchè proposta oltre il termine di cui all’art. 24 del decreto medesimo.

Il motivo è manifestamente infondato.

Costituisce consolidata giurisprudenza di questa Suprema Corte che, in tema di iscrizione a ruolo dei crediti previdenziali, il termine prescritto dal D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, comma 5, per proporre opposizione nel merito al fine di accertare la fondatezza della pretesa dell’ente deve ritenersi perentorio perchè diretto a rendere incontrovertibile il credito contributivo dell’ente previdenziale in caso di omessa tempestiva impugnazione e a consentire una rapida riscossione del credito iscritto a ruolo e che alla perentorietà del termine non ostano nè l’inespressa indicazione in tal senso, dovendo il giudice pur sempre indagare se, a prescindere dal dettato normativo, un termine, per lo scopo che persegue e la funzione che adempie, debba essere osservato a pena di decadenza, nè che l’iscrizione a ruolo avvenga senza un preventivo accertamento giudiziale, non ignorando l’ordinamento titoli esecutivi formati sulla base di un mero procedimento amministrativo.

Tale ricostruzione è stata ritenuta da questa Corte (v. sentenza n. 14692/2007) immune da dubbi di legittimità costituzionale, perchè il diritto di difesa del debitore, garantito dall’art. 24 Cost., è tutelato dalle norme di legge in esame, mentre rientra nella discrezionalità del legislatore la regolamentazione dei termini di esercizio del diritto di impugnazione, ed è stata confermata anche dal giudice delle leggi (v. Corte Cost. ord. n. 111/2007), che ha ritenuto che la scelta del legislatore di consentire agli enti previdenziali di riscuotere i propri crediti attraverso un titolo che si forma prima ed al di fuori del giudizio non è irragionevole, in considerazione della natura pubblicistica dell’ente creditore e dell’affidabilità del procedimento che ne governa l’attività ed è rispettosa, al tempo stesso, del diritto di difesa e dei principi del giusto processo, stante la possibilità, concessa al debitore, di promuovere entro un termine perentorio, ma adeguato, un giudizio ordinario di cognizione nel quale far valere le proprie ragioni, e di richiedere, altresì, la sospensione dell’efficacia esecutiva del titolo e/o dell’esecuzione.

Deve, pertanto, ritenersi che, trattandosi di decadenza di natura pubblicista, attinente alla proponibilità stessa della domanda (cfr.

Cass. n. 11274/2007), il suo avverarsi, che è onere del giudice rilevare anche d’ufficio, preclude, quindi, l’esame del merito della pretesa creditoria, qualunque sia la natura delle contestazioni mosse dal debitore.

Il ricorso va, pertanto, rigettato. Le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese, che liquida in Euro 30,00 per esborsi ed in Euro 2500,00 per onorari di avvocato, oltre ad accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 30 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 19 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA