Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8866 del 29/03/2019

Cassazione civile sez. trib., 29/03/2019, (ud. 20/03/2019, dep. 29/03/2019), n.8866

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. D’ANGIOLELLA Rosita – Consigliere –

Dott. CATALDI Michele – Consigliere –

Dott. GUIDA Riccardo – rel. Consigliere –

Dott. D’ORAZIO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 4638/2015 R.G. proposto da:

B.O., rappresentata e difesa dall’avv. Angelo Stefanori e

dall’avv. Guglielmo Castaldo, elettivamente domiciliata in Roma,

piazza dei Martiri di Belfiore n. 2, presso lo studio dell’avv.

Angelo Stefanori.

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del direttore pro tempore,

rappresentata dall’Avvocatura Generale dello Stato, con domicilio

legale in Roma, via dei Portoghesi, n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato.

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Toscana, sezione n. 25, n. 1394/25/14, pronunciata il 9/07/2014,

depositata il 9/07/2014.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 20 marzo 2019

dal Consigliere Riccardo Guida.

Fatto

RILEVATO

che:

1. Con ricorso alla CTP di Siena, B.O. impugnò il silenzio-rifiuto dell’Amministrazione finanziaria sulla sua istanza di annullamento in autotutela dell’avviso di accertamento, divenuto definitivo, che aveva recuperato a tassazione IRPEF, per l’annualità 2003, la plusvalenza derivante dalla vendita di un terreno edificabile;

la CTP di Siena, con sentenza n. 71/2012, dichiarò il ricorso inammissibile;

2. la contribuente ha interposto appello e la CTR della Toscana, con la sentenza in epigrafe, lo ha respinto rilevando, in termini generali, che l’accertamento divenuto definitivo può essere oggetto d’istanza di annullamento in autotutela purchè non venga dedotta l’infondatezza della pretesa tributaria (ormai definitiva), ma si facciano valere eventuali profili d’illegittimità del silenzio-rifiuto; nella specie, l’asserito difetto di motivazione del diniego (tacito) d’annullamento in autotutela è questione priva di pregio poichè le stesse ragioni poste a base dell’atto impositivo sono idonee a sorreggere, sul piano dell’apparato argomentativo, il silenzio-rifiuto;

3. la contribuente ricorre, per due motivi, per la cassazione di questa sentenza della CTR toscana; l’Agenzia delle entrate resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. con il primo motivo del ricorso, denunciando violazione e falsa applicazione dell’art. 97 Cost., della L. n. 212 del 2000, artt. 1, 12, e del D.M. n. 37 del 1997, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la ricorrente censura la sentenza della CTR che avrebbe omesso di prendere in considerazione che la contribuente aveva dedotto l’illegittimità del diniego in quanto l’atto impositivo conteneva un errore sul presupposto dell’imposta, visto che l’Agenzia aveva calcolato la plusvalenza sull’intero terreno ceduto, mentre la parte privata era titolare (solo) di una quota del 50% di esso;

2. con il secondo motivo, denunciando violazione dell’art. 112 c.p.c., del D.Lgs. n. 546 del 1992, artt. 1,2 e 36, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, la ricorrente censura la sentenza della CTR che avrebbe trascurato, senza neppure dichiararli assorbiti, tre specifici profili d’illegittimità dell’atto di silenzio-rifiuto, riprodotti nei motivi d’appello, ossia: a) l’illegittimità dell’avviso di accertamento per erronea determinazione del corrispettivo percepito; b) la mancata esatta determinazione della plusvalenza; c) l’illegittimità dell’avviso di accertamento per errore materiale nella determinazione della plusvalenza;

2.1. i due motivi, da esaminare congiuntamente perchè connessi, sono infondati;

è orientamento pacifico di questa Corte, ribadito anche recentemente (Cass. 28/03/2018, n. 7616), che il ricorso avverso il diniego di autotutela opposto dal fisco è certamente ammissibile, ma il sindacato può esercitarsi, nelle forme ammesse per gli atti discrezionali, soltanto sulla legittimità del rifiuto e non sulla fondatezza della pretesa tributaria;

pertanto, il contribuente non può limitarsi a dedurre eventuali vizi dell’atto medesimo, la cui deduzione deve ritenersi definitivamente preclusa a seguito della sua intervenuta definitività, ma deve prospettare l’esistenza di un interesse di rilevanza generale dell’Amministrazione alla rimozione dell’atto: ciò in quanto non è dato al giudice tributario di invadere la sfera discrezionale collegata ed esercitata dalla Pubblica amministrazione nell’esercizio del potere di annullamento dell’atto amministrativo in autotutela, pena il superamento dei limiti esterni della giurisdizione medesima;

il che spiega perchè non possa ritenersi che tale potere di annullamento dell’atto in autotutela costituisca un mezzo di tutela del contribuente, sostitutivo dei rimedi giurisdizionali che non siano stati esperiti;

la Corte, al riguardo, ha affermato che: “in tema di contenzioso tributario, il sindacato giurisdizionale sull’impugnato diniego, espresso o tacito, di procedere ad un annullamento in autotutela può riguardare soltanto eventuali profili di illegittimità del rifiuto dell’Amministrazione, in relazione alle ragioni di rilevante interesse generale che giustificano l’esercizio di tale potere, e non la fondatezza della pretesa tributaria, atteso che, altrimenti, si avrebbe un’indebita sostituzione del giudice nell’attività amministrativa o un’inammissibile controversia sulla legittimità di un atto impositivo ormai definitivo.” (Cass. 20/02/2015, n. 3442; conf. Cass. 2/12/2014, n. 25524; 12/05/2010, n. 11457);

svolta questa premessa, tornando al caso di specie, si rileva che la CTR non ha commesso alcun errore di diritto nè ha omesso di provvedere integramente sulla domanda della contribuente in quanto, in sostanza, in risposta ai rilievi critici di quest’ultima, ha riconosciuto la legittimità del diniego tacito d’annullamento in autotutela, poggiante sul medesimo sostrato argomentativo dell’avviso di accertamento, ormai definitivo;

d’altra parte, in virtù dei principi di diritto appena esposti, era preclusa alla ricorrente la facoltà di fare valere, mediante l’impugnazione del diniego di autotutela, le ragioni sostanziali d’ingiustizia dell’atto impositivo;

per completezza, nell’ottica di un prospettabile difetto d’interesse ad agire della ricorrente, è dato rilevare che, in fase amministrativa, l’Agenzia, pure in assenza di un esplicito provvedimento in autotutela, tuttavia, prendendo atto che la contribuente aveva ceduto la quota della metà del terreno (e non l’intero compendio), aveva rideterminato in Euro 303.750,00 il valore della plusvalenza (inizialmente quantificata in Euro 607.500,00) e che, pertanto, aveva proceduto allo sgravio parziale degli importi iscritti a ruolo (cfr. pag. 2 del controricorso);

2. ne discende il rigetto del ricorso;

3. le spese del giudizio di legittimità, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza;

4. ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si deve dare atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma del citato art. 13, comma 1-bis.

PQM

la Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente a corrispondere all’Agenzia delle entrate le spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 4.100,00, a titolo di compenso, oltre alle spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma del citato art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 20 marzo 2019.

Depositato in Cancelleria il 29 marzo 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA