Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8866 del 18/04/2011

Cassazione civile sez. II, 18/04/2011, (ud. 09/11/2010, dep. 18/04/2011), n.8866

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIOLA Roberto Michele – Presidente –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. BUCCIANTE Ettore – Consigliere –

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – rel. Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 10957-2005 proposto da:

TAMANI UGO & FIGLIO DI ROBERTO LOMBARDI & C SNC P. IVA

(OMISSIS),

elettivamente domiciliato in ROMA, LUNGOTEVERE DEI MELLINI 10, presso

lo studio dell’avvocato CASTELLANI FILIPPO, rappresentato e difeso

dagli avvocati GHELARDI ETTORE, GHIGLIOTTI LEOPOLDO;

– ricorrente –

contro

COND. (OMISSIS) in persona dell’Amministratore pro

tempore;

– intimato –

sul ricorso 14502-2005 proposto da:

CONDOMINIO (OMISSIS) in persona dell’Amministratore

pro tempore Geom. A.G., elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA F CORRIDONI 15 SC A 1, presso lo studio dell’avvocato

AGNINO PAOLO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente ricorrente incidentale –

e contro

TAMANI UGO & FIGLIO DI ROBERTO LOMBARDI & C SNC;

– intimato –

avverso il provvedimento n. 72/2005 della CORTE D’APPELLO di GENOVA,

depositata il 29/01/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

09/11/2010 dal Consigliere Dott. MARIA ROSARIA SAN GIORGIO;

udito l’Avvocato GHERARDI Ettore, difensore del ricorrente che si

riporta agli atti;

udito l’Avvocato AGNINO Paolo, difensore del resistente che si

riporta agli atti;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PATRONE Ignazio che ha concluso per accoglimento 1^ motivo del

ricorso principale; assorbimento ricorso incidentale.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che l’amministratore del condominio di (OMISSIS), controricorrente e ricorrente incidentale avverso la sentenza della Corte d’appello di Genova, depositata il 29 gennaio 2005 – la quale, in riforma della sentenza di primo grado del Tribunale di Genova, aveva dichiarato che lo stesso amministratore non era passivamente legittimato rispetto alla domanda proposta da Tamani Ugo e Figlio s.n.c. di Roberto Lombardi e C. con atto di citazione notificato il 7 ottobre 1994, non ha documentato di essere stato autorizzato dall’assemblea, eventualmente in via di sanatoria, a costituirsi nel giudizio di legittimità e a proporre ricorso incidentale, sicchè va disposto che vi provveda, in applicazione dei principi enunciati dalle sentenze delle Sezioni Unite di questa Corte del 6 agosto 2010, n. 18331 e n. 16332.

P.Q.M.

Assegna il termine di novanta giorni dalla comunicazione della presente ordinanza per la produzione dell’autorizzazione all’amministratore, da parte dell’assemblea del condominio di (OMISSIS), a costituirsi nel presente giudizio dì legittimità e a proporre ricorso incidentale. Rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Seconda Sezione civile, il 9 novembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 18 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA