Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 880 del 16/01/2017

Cassazione civile, sez. VI, 16/01/2017, (ud. 30/11/2016, dep.16/01/2017),  n. 880

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. CIRILLO Ettore – rel. Consigliere –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2063-2014 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

F.G., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’Avvocato FRANCESCO D’ANGELO giusta procura in calce al

controricorso;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– intimata –

avverso la sentenza n. 511/1/2013 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di NAPOLI del 07/10/2013, depositata il 14/10/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

30/11/2016 dal Consigliere Dott. ETTORE CIRILLO;

udito l’Avvocato FRANCESCO D’ANGELO, difensore del controricorrente e

ricorrente incidentale, che chiede il rigetto del ricorso principale

e l’accoglimento dell’incidentale.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte,

costituito il contraddittorio camerale sulla relazione prevista dall’art. 380 bis c.p.c., osserva quanto segue:

L’Agenzia delle entrate e il dott. F.G. ricorrono rispettivamente in via principale e incidentale – per la cassazione della sentenza della CTR-Campania del 14 ottobre 2013 nelle parti in cui riconosce al contribuente, medico di base convenzionato col SSN, il rimborso dell’IRAP versata per l’anno d’imposta 2007 e lo nega per il 2008.

Col ricorso principale l’Agenzia delle entrate erroneamente censura – per violazioni di norme di diritto (D.Lgs. n. 446 del 1997, art. 2, 3; art. 2697 c.c.; D.Lgs. n. 546 del 1992) e collegati vizi motivazionali – la sentenza d’appello laddove stima l’attività del contribuente priva del requisito dell’autonoma organizzazione per essere correlata col SSN ed essere stata espletata nel 2007, con minime attrezzature, modeste spese globali e ridotto ausilio di personale.

La decisione del giudice regionale è centrata essenzialmente su principi regolativi ora definitivamente certificati da Cass. Sez. U, Sentenza n. 9451 del 10/05/2016 (Rv. 639529) laddove si afferma che, in tema di imposta regionale sulle attività produttive, il presupposto dell’autonoma organizzazione richiesto dal D.Lgs. n. 446 del 1997, art. 2 non ricorre quando il contribuente responsabile dell’organizzazione impieghi beni strumentali non eccedenti il minimo indispensabile all’esercizio dell’attività e si avvalga di lavoro altrui non eccedente l’impiego di un dipendente con mansioni esecutive.

Dalla lettura combinata della sentenza d’appello e del ricorso principale emerge che nella specie il thema decidendum riguarda l’utilizzo di una segretaria part-time con un costo di 1.830 Euro, spese per lo studio medico con un esborso di 5.088 Euro e altre spese per circa 18 mila Euro. Il che esclude che i parametri indicati dalle sezioni unite del 2016 possano dirsi superati, in punto di diritto, e che sia stata denunciata dalla difesa erariale la violazione di quel minimo costituzionale attinente all’esistenza della motivazione in sè, a prescindere dal confronto con le risultanze processuali, essendo oramai esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di “sufficienza” della motivazione (Cass. Sez. U, Sentenza n. 8053 del 07/04/2014, Rv. 629830).

Col ricorso incidentale il dott. F.G. esattamente denuncia l’irrilevanza logica e giuridica dell’incremento – dai 1830 Euro del 2007 agli 8390 Euro del 2008 – dei costi per l’unico dipendente con mansioni esecutive. Quella del giudice d’appello è un’anapodittica tesi quantitativa che, non trovando riscontro logico-giuridico nei principi regolativi enunciati dalle sezioni unite, integra la denunciata falsa applicazione di norme di diritto sostanziali (D.Lgs. n. 446 del 1997, art. 2, 3), in disparte i subordinati rilievi motivazionali che restano assorbiti.

Conseguentemente il ricorso può essere deciso in camera di consiglio ai sensi dell’art. 375 c.p.c., comma 1, con ordinanza di rigetto del ricorso principale e di accoglimento, anche nel merito (art. 384 c.c.), del ricorso incidentale sulla prima censura (assorbita quella motivazionale) per le annualità 2007-2008.

Le spese processuali possono essere integralmente compensate in ragione del recente consolidamento della giurisprudenza in materia. Non opera a carico dell’Agenzia ricorrente principale il raddoppio del contributo unificato (Sez. 3, Sentenza n. 5955 del 14/03/2014, Rv. 630550).

PQM

La Corte rigetta il ricorso principale; accoglie il ricorso incidentale limitatamente alla prima censura e dichiara assorbite le altre; cassa in relazione la sentenza impugnata e, decidendo nel merito sul punto, accoglie la domanda del contribuente anche per le annualità 2007-2008; dichiara interamente compensate le spese processuali tra le parti.

Così deciso in Roma, il 30 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 16 gennaio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA