Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8793 del 12/05/2020

Cassazione civile sez. lav., 12/05/2020, (ud. 19/12/2019, dep. 12/05/2020), n.8793

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TORRICE Amelia – Presidente –

Dott. MAROTTA Caterina – Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – rel. Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. BELLE’ Roberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 23582/2014 proposto da:

F.P., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA GIUSEPPE

FERRARI 2, presso lo studio dell’avvocato GIORGIO ANTONINI, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato PIERGIOVANNI ALLEVA;

– ricorrente –

contro

ASUR – AZIENDA SANITARIA UNICA REGIONALE DELLE MARCHE, in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIALE BRUNO BUOZZI 87, presso lo studio dell’avvocato MASSIMO

COLARIZI, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

PATRIZIA VIOZZI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 494/2013 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 02/10/2013 R.G.N. 170/2013.

Fatto

CONSIDERATO

1. Che la Corte d’Appello di Ancona, con la sentenza n. 494 del 2013, ha rigettato l’impugnazione proposta da F.P. nei confronti dell’Azienda sanitaria unica delle Marche (A.S.U.R.), avverso la sentenza emessa tra le parti dal Tribunale di Ascoli Piceno.

2. Il Tribunale di Ascoli Piceno, adito dal F. nel 2009 (come esposto dall’A.S.U.R. Marche nel controricorso e non contestato dal ricorrente), aveva rigettato la domanda proposta dal lavoratore nei confronti dell’A.S.U.R. Marche, di cui era dipendente in qualità di infermiere professionale (zona territoriale n. (OMISSIS) di Ascoli Piceno), per il risarcimento dei danni non patrimoniali per l’illiceità del diniego del datore di lavoro dei permessi (ex lege n. 104 del 1992) per l’assistenza alla anziana madre, in condizione di handicap con carattere di permanenza e gravità.

3. La Corte d’Appello ha confermato la statuizione di primo grado affermando quanto segue.

Il comportamento della datrice di lavoro non integrava gli estremi della responsabilità contrattuale per inadempimento, regolata dall’art. 1218 c.c., poichè la fruizione legittima dei permessi è strettamente connessa e condizionata alla permanenza dell’accertamento della situazione di gravità dell’handicap.

Nella specie, i permessi retribuiti per assistere la madre, regolarmente attribuiti da settembre 2004 a maggio 2005, erano stati denegati in ragione della sopravvenuta carenza di attestazione della situazione di gravità, a seguito della visita di revisione programmata.

Ed infatti, dall’interpretazione coordinata della L. n. 104 del 1992, art. 33 e art. 4, comma 1, si può desumere che al datore di lavoro non sia consentito sindacare la valutazione medico-legale che spetta in via esclusiva alla Commissione medica di cui alla L. n. 295 del 1990, art. 1, in forma integrata (già da un operatore sociale e da un esperto); pertanto, se da un lato la datrice di lavoro non può mettere in discussione la connotazione di gravità accertata dalla Commissione, allo stesso modo, il dipendente non è abilitato a richiedere i permessi retribuiti allorquando tale connotazione non sia più riscontrata in sede di revisione.

Si tratta di accertamenti e di valutazioni medico-legali connotati da discrezionalità tecnica, e non riferibili all’Azienda sanitaria ma al Ministero dell’economia e delle finanze, per cui non è esatto qualificare la Commissione medica quale soggetto ausiliario dell’ASL, trattandosi di soggetto terzo, investito di una pubblica funzione di accertamento dei requisiti sanitari, sicchè non è applicabile alla fattispecie l’art. 1228 c.c., sulla responsabilità per fatti dolori o colposi degli ausiliari.

In tale contesto, l’Azienda sanitaria non può rispondere per inadempimento contrattuale neppure nella eventualità che tali accertamenti e valutazioni tecnico-legali risultino errati, in sede di successiva verifica, sia amministrativa che giurisdizionale, integrando tale situazione gli estremi della causa non imputabile prevista dall’art. 1218 c.c., considerato che il responso di perdita della connotazione di gravità dell’handicap, dichiarato dalla struttura pubblica, rivelatosi successivamente errato, configura nella fattispecie in esame, l’ipotesi dell’errore, derivato da fattori oggettivi, scusabile alla stregua del criterio della ordinaria diligenza di cui all’art. 1176 c.c..

3. Per la cassazione della sentenza di appello ricorre il lavoratore, prospettando due motivi di impugnazione.

4. Resiste l’A.S.U.R. con controricorso.

5. Entrambe le parti hanno depositato memoria in prossimità dell’adunanza camerale.

Diritto

RITENUTO

1. Che il ricorrente premette di aver fruito di tre giorni di permesso al mese, ai sensi della L. n. 104 del 1992, art. 33, per l’assistenza ai genitori, in grave stato di handicap, dal settembre 2004 al maggio 2005, in conformità alla valutazione della Commissione medica presso la zona territoriale n. (OMISSIS) di Ascoli Piceno.

Tali permessi gli erano stati revocati dal datore di lavoro A.S.U.R., dal giugno 2005, in quanto la Commissione medica aveva valutato la madre come soggetto in situazione di handicap con carattere di permanenza, e non più in condizione di gravità temporanea.

Il Tribunale di Ascoli Piceno, con la sentenza n. 498/2006, aveva, invece, riconosciuto che il congiunto versava in condizioni di handicap con carattere di gravità, ma l’intervenuto decesso non aveva consentito al lavoratore di fruire i permessi per prestargli assistenza.

2. Quindi, il F. agiva in giudizio, instaurando la controversia in esame, chiedendo che la datrice di lavoro A.S.U.R. Marche fosse condannata al risarcimento del danno biologico, morale e esistenziale, derivatogli dall’ingiusto rifiuto dei permessi di cui alla L. n. 104 del 1992, art. 33, a cui era seguita sindrome ansioso depressiva e patema d’animo (pag. 2, punto 7 del “In fatto” del ricorso per cassazione).

3. Tanto premesso, con il primo motivo di ricorso è dedotta la violazione e falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c., per avere la Corte d’Appello pronunciato su una eccezione prospettabile solo dalla parte.

Assume il lavoratore che la A.S.U.R. Marche non aveva mai sollevato eccezione in merito alla propria irresponsabilità per eventuali errori della Commissione medica presso di essa costituita, produttivi di danno non patrimoniale, ma aveva difeso il proprio operato e giudizio in tema di gravità o meno dell’handicap, e contestato il nesso eziologico invocato dal ricorrente F. tra diniego di permessi e insorgenza di danno biologico.

La Corte d’Appello, decidendo la causa in base ad una eccezione non formulata dalla parte, aveva operato in contrasto con l’art. 112 c.p.c..

4. Il motivo è inammissibile.

La giurisprudenza di questa Corte è consolidata nell’affermare che, anche qualora venga dedotto un error in procedendo, rispetto al quale la Corte è giudice del “fatto processuale”, l’esercizio del potere/dovere di esame diretto degli atti è subordinato al rispetto delle regole di ammissibilità e di procedibilità stabilite dal codice di rito, in nulla derogate dall’estensione ai profili di fatto del potere cognitivo del giudice di legittimità (Cass. S.U. n. 8077/2012).

La parte, quindi, non è dispensata dall’onere di indicare in modo specifico i fatti processuali alla base dell’errore denunciato e di trascrivere nel ricorso gli atti rilevanti, non essendo consentito il rinvio per relationem agli atti del giudizio di merito, perchè la Corte di Cassazione, anche quando è giudice del fatto processuale, deve essere posta in condizione di valutare ex actis la fondatezza della censura e deve procedere solo ad una verifica degli atti stessi non già alla loro ricerca (Cass. n. 15367/2014; Cass. n. 21226/2010).

Dal principio di diritto discende che, qualora, come nella fattispecie, il ricorrente denunci un vizio di ultrapetizione della sentenza di appello rispetto alle eccezioni dell’appellata, la censura potrà essere scrutinata a condizione che vengano riportati nel ricorso, nelle parti essenziali, le eccezioni formulate dalla parte resistente in primo grado, la motivazione della sentenza di primo grado, nonchè le eccezioni formulate nell’atto di costituzione della parte appellata.

Non è, invece, sufficiente che il ricorrente assolva al distinto onere, peraltro non ottemperato, previsto, a pena di improcedibilità, dall’art. 369 c.p.c., n. 4, indicando la sede nella quale l’atto processuale è reperibile, perchè l’art. 366 c.p.c., come modificato dal D.Lgs. n. 40 del 2006, art. 5, richiede che al giudice di legittimità vengano forniti tutti gli elementi necessari per avere la completa cognizione della controversia, senza necessità di accedere a fonti esterne, mentre la produzione è finalizzata a permettere l’agevole reperibilità del documento o dell’atto la cui rilevanza è invocata ai fini dell’accoglimento del ricorso (fra le più recenti, sulla non sovrapponibilità dei due requisiti, Cass. 28.9.2016 n. 19048). I predetti attori non sono stati assolti.

5. Con il secondo motivo di ricorso è dedotta la violazione e falsa applicazione della L. n. 104 del 1992, art. 33 e art. 4, comma 1 e della L. n. 295 del 1990, art. 1, in ordine alla riferibilità alla A.S.U.R. Marche degli errori eventualmente commessi dalla Commissione medica in sede di valutazione della situazione di handicap.

Il lavoratore contesta la statuizione della Corte d’Appello e l’applicazione delle suddette disposizioni, atteso che in tal modo sarebbe disconosciuto un diritto soggettivo senza possibilità di reintegrazione della sua perdita.

La Commissione medica, in ragione di un’interpretazione conforme a Costituzione, va considerata organo ausiliario della ASL (A.S.U.R.) che, infine, emette l’eventuale provvedimento di revoca, e che nella specie era il datore di lavoro.

La funzione pubblica svolta dalla Commissione medica, di accertamento dei requisiti sanitari, nulla toglie al carattere interno della stessa rispetto al procedimento di riconoscimento o revoca del beneficio, così da risultare l’attività della stessa imputabile alla ASL (A.S.U.R. Marche).

Infine, osserva il ricorrente che la controversia, atteso, tra l’altro, la valutabilità in via equitativa del danno morale ed esistenziale, potrebbe essere decisa nel merito, ex art. 384 c.p.c..

6. Il motivo non è fondato.

7. Questa Corte ha affermato che (Cass., n. 8436 del 2003) le agevolazioni indicate nella L. n. 104 del 1992, art. 33, costituiscono forme di intervento assistenziale riconosciute ai soggetti affetti da handicap “sub specie” di agevolazioni concesse a persone che di tali individui si occupano, e ha affermato il principio che allorchè presupposto per la concessione di una agevolazione diretta o indiretta in favore dell’handicappato, è la sussistenza o meno di una situazione di handicap, tale situazione deve essere accertata con lo strumento specifico indicato dalla legge, cioè l’accertamento effettuato dalle Commissioni mediche di cui alla L. 104 del 1992, art. 4, ferma restando la possibilità di contestare nelle sedi competenti la loro determinazione.

Ed infatti, la L. 5 febbraio 1992, n. 104, art. 4, comma 1, ha previsto che gli accertamenti relativi alla minorazione, alle difficoltà, alla necessità dell’intervento assistenziale permanente e alla capacità complessiva individuale residua, di cui all’art. 3, sono effettuati dalle unità sanitarie locali mediante le commissioni mediche di cui alla L. 15 ottobre 1990, n. 295, art. 1.

8. Tanto premesso si rileva che la disciplina richiamata dal ricorrente va esaminata precisando il contenuto della L. n. 295 del 1990, art. 1 e coordinandola, in particolare, con ulteriori disposizioni normative.

8.1. La L. n. 295 del 1990, art. 1, commi 1 e 2, sancisce che gli accertamenti sanitari sono effettuati dalle ASL (in precedenza USL), ove operano una o più Commissioni mediche incaricate di effettuare gli stessi.

Del citato art. 1, commi 7 e 8, stabiliscono che i verbali di visita delle Commissioni sono trasmessi dalle ASL alla competente Commissione medica periferica per le pensioni di guerra e d’invalidità civile, che se non li condivide può disporre ulteriori accertamenti o procedere a visita diretta.

Tale Commissione è organismo collegiale organicamente e funzionalmente dipendenti dal Ministero dell’economia e delle finanze.

Contro gli accertamenti sanitari effettuati dalle ASL, e contro gli eventuali accertamenti effettuati dalla commissione medica di verifica, gli interessati possono presentare, entro sessanta giorni ricorso al Ministro dell’economia e finanze (in precedenza Ministero del tesoro).

Avverso la decisione è ammessa la tutela giurisdizionale dinanzi al giudice ordinario.

8.2. In proposito, si può ricordare che, ai sensi dell’art. 147 disp. att. c.p.c., comma 1, le cd. collegiali mediche sono prive di qualsiasi efficacia vincolante, sostanziale e processuale, dovendosi ritenere, anche alla luce della L. n. 295 del 1990, art. 1, la natura non provvedimentale degli accertamenti sanitari, in quanto strumentali e preordinati all’adozione del provvedimento di attribuzione della prestazione, in corrispondenza di funzioni di certazione assegnate alle indicate commissioni (Cass., 16569 del 2015, n. 7548 dl 2006).

Questa Corte, a Sezioni Unite (Cass., S.U., n. 22550 del 2014), ha affermato (pronunciando in materia di giurisdizione, devoluta al giudice ordinario), che tali Commissioni non hanno poteri autoritativi e i loro giudizi esprimono discrezionalità tecnica, non amministrativa. Le stesse pervengono alle relative conclusioni assumendo a base le cognizioni della scienza medica e specialistica.

8.3. Il D.M. 5 agosto 1991, n. 387, ha poi chiarito e confermato, disciplinando il relativo procedimento, come il verbale delle Commissioni mediche ASL dovesse essere sottoposto al vaglio della Commissione medica periferica.

8.4. Il D.L. 30 settembre 2005, n. 203, art. 10, convertito, con modificazioni, dalla L. 2 dicembre 2005, n. 248, ha quindi stabilito (art. 1, commi 1 e 2), che l’I.N.P.S. subentrava nell’esercizio delle funzioni residuate allo Stato in materia di invalidità civile, cecità civile, sordomutismo, handicap e disabilità.

Con successivi D.P.C.M. sarebbe stata stabilita la data di effettivo esercizio da parte dell’I.N.P.S. delle funzioni trasferite, individuando le risorse, umane, strumentali e finanziarie da trasferire.

A decorrere dalla data di effettivo esercizio da parte dell’I.N.P.S. delle funzioni trasferite, gli atti introduttivi dei procedimenti giurisdizionali in materia di invalidità civile, cecità civile, sordomutismo, handicap e disabilità, nonchè le sentenze ed ogni provvedimento reso in detti giudizi avrebbero dovuto essere notificati (anche) (parola soppressa dalla L. n. 102 del 2009) all’I.N.P.S..

8.5. Il D.M. 30 marzo 2007, di attuazione del suddetto art. 10, ha quindi stabilito (art. 1) che a decorrere dal 1 aprile 2007, l’I.N.P.S. subentrava nell’esercizio delle suddette funzioni trasferite, e nei rapporti giuridici relativi alle stesse.

Il suddetto D.M. 30 marzo 2007, art. 2, a sua volta, ha sancito che veniva trasferito all’I.N.P.S. il contingente di personale, appartenente al ruolo unico del Ministero dell’economia e delle finanze ed in servizio presso le Commissioni mediche di verifica.

Il D.M. 30 marzo 2007, art. 5, ha poi previsto:

al comma 1: “i verbali trasmessi dalle ASL a decorrere dalla data del 1 aprile 2007 sono esaminati dall’I.N.P.S.”; e al comma 2: “I verbali trasmessi anteriormente alla data di cui al comma 1, la cui trattazione non sia ancora definita alla data del 31 luglio 2007, sono presi in carico dall’I.N.P.S.”.

8.6. Può poi ricordarsi che la L. 3 agosto 2009, n. 102, che, all’art. 20, ha stabilito, tra l’altro, che le Commissioni mediche delle ASL sono integrate da un medico dell’I.N.P.S. quale componente effettivo.

9. Dal quadro normativo sopra delineato risulta che il verbale di visita delle Commissioni mediche istituite presso le ASL diventa definitivo, potendo peraltro costituire oggetto di impugnazione, solo in esito alla valutazione condivisa da parte, in un primo tempo, delle Commissioni mediche di verifica del Ministero dell’economia e finanze, e poi dell’I.N.P.S., potendo quest’ultimi, in caso di mancata condivisione, richiedere nuovi accertamenti e procedere a visita diretta e alla redazione del verbale. Gli stessi sono i soggetti ai quali, ratione temporis, va riferito l’accertamento finale, contraddittori in sede di impugnazione giurisdizionale del verbale di visita.

Dunque, le Commissioni mediche che operano nella ASL ai sensi della L. n. 295 del 1990, art. 1, cui compete la visita di prima istanza, nell’esercizio di tale funzione non sono organi ausiliari della ASL (A.S.U.R. Marche), atteso che l’attività di accertamento sanitario che svolgono si inserisce in un più articolato procedimento il cui esito va riferito al Ministero dell’economia e finanze, e poi, in ragione del D.L. 30 settembre 2005, n. 203, art. 10, convertito, con modificazioni, dalla L. 2 dicembre 2005, n. 248, all’I.N.P.S..

10. Nella specie, poichè il perdurare del riconoscimento dei permessi ex lege n. 104 del 1992, presupponeva, in sede di revisione, la favorevole certazione tecnica della Commissione medica presso la ASL, non è ravvisabile inadempimento contrattuale della A.S.U.R. datore di lavoro, che quanto al presupposto sanitario doveva necessariamente, ex lege, avvalersi dell’accertamento sanitario della Commissione medica stessa, come definitosi, ratione temporis, all’esito della valutazione della Commissione medica di verifica del Ministero dell’economia e finanze.

11. Quanto alla coincidenza in capo all’A.S.U.R. Marche della figura di datore di lavoro e di ASL ove siede la Commissione medica (cui fa cenno il ricorrente nel primo periodo di pag. 6 del ricorso), oltre a rilevare che l’A.S.U.R. è stata convenuta in giudizio quale datore di lavoro, per responsabilità contrattuale (si veda punto 7 a pag. 2 del ricorso per cassazione), va richiamato quanto sopra si è illustrato con riguardo alla riferibilità non alla ASL (A.S.U.R. Marche) ma al Ministero dell’economia e finanze o all’I.N.P.S. dell’accertamento sanitario (nel caso in esame, come si è affermato, al Ministero dell’economia e finanze, ratione temporis).

12. Nè, nella specie, argomenti possono desumersi dalla sentenza del Tribunale di Ascoli Piceno n. 498/2006 atteso che il lavoratore non

riproduce le parti del giudizio, nè le motivazioni, nè indica il luogo di produzione della stessa nel giudizio.

13. Il ricorso deve essere rigettato.

14. Le spese seguono la soccombenza e sono liquidate come in dispositivo.

15. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma del cit. art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Condanna il ricorrente al pagamento delle spese di giudizio che liquida in Euro 4.500,00 per compensi professionali, oltre Euro 200,00, per esborsi, spese generali in misura del 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma del cit. art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 19 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 12 maggio 2020

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA