Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8753 del 15/04/2011

Cassazione civile sez. I, 15/04/2011, (ud. 26/01/2011, dep. 15/04/2011), n.8753

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PROTO Vincenzo – Presidente –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.A., rappresentato e difeso dagli avv.ti Manzi Luigi,

Pasqualin Andrea e Francesco Mercurio ed elett.te dom.to presso lo

studio del primo in Roma, Via F. Confalonieri n. 5;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO DELLA SOCIETA’ DI FATTO TRA C.C., C.

A., CA.AN. E B.E., NONCHE’ DI

CA.AN., in persona del curatore dott. C.

F., rappresentato e difeso dagli avv.ti Manente Diego e

Antonio Franzoi ed elett.te dom.to presso l’avv. Tommaso Manferoce in

Roma, Piazza Vescovio n. 21;

– controricorrente –

e contro

COMITATO SOCI CREDITORI DELLA CASSA PEOTA POPOLARE DI CALTANA;

B.E.; C.M.; N.G.; R.

A.; V.L.; M.R.;

– intimati –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Venezia n. 1408/2007,

depositata il 24 ottobre 2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 26

gennaio 2011 dal Consigliere dott. Carlo DE CHIARA;

udito per la ricorrente l’avv. Emanuele COGLITORE, per delega;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.ssa

CARESTIA Antonietta, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il Tribunale di Venezia dichiaro’, con sentenza del 16 ottobre 1997, il fallimento del sig. C.C. quale gestore di una “cassa peota” denominata Cassa Peota Popolare di Caltana. Con successiva sentenza del 9 aprile 1999 estese il fallimento, su istanza del curatore ai sensi della L. Fall., art. 147, ai figli del fallito An. e A., nonche’ al genero B.E., quali soci di fatto.

Con citazione notificata al curatore, Ca.An. propose quindi opposizione, chiedendo revocarsi il fallimento della societa’ e comunque il suo personale.

Il Tribunale dispose che il contraddittorio fosse esteso ai creditori istanti dell’originario fallimento. L’integrazione fu quindi eseguita nei confronti del Comitato dei soci creditori della Cassa peota popolare di Caltana e dei componenti di esso sigg. C. M., N.G., R.A., V.L. e M.R., i quali resistettero in giudizio.

L’opposizione fu infine respinta dal Tribunale.

La Corte d’appello di Venezia respinse poi il gravame del soccombente, cui avevano resistito gli avellati. Osservo’ (per quanto ancora rileva):

che, quanto alla qualita’ dell’alienante di socio occulto del padre, l’acquisizione da parte di C.C., con denaro della Cassa, dell’azienda agricola poi intestata all’appellante; il libero accesso di quest’ultimo ai fondi disponibili sui conti e depositi della Cassa; il riconosciuto, frequente coinvolgimento del medesimo in atti di gestione della Cassa; la commistione del patrimonio della Cassa con quello dell’impresa agricola a lui formalmente intestata e da lui condotta; tutto cio’ dimostrava l’esistenza di una societa’ di fatto avente ad oggetto l’esercizio di un complesso di attivita’ economiche finanziate con le disponibilita’ della Cassa;

che la societa’ era soggetta a fallimento e non a liquidazione coatta amministrativa, non prevista per le c.d. banche di fatto ma solo per le imprese qualificabili come banche ai sensi del R.D.L. 12 marzo 1936, n. 375, art. 1, lett. b), (testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, approvato con D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385) per essere titolari di debita autorizzazione all’esercizio dell’attivita’ bancaria;

che, infine, neppure poteva dirsi decorso il termine annuale di cui alla L. Fall., art. 10 per essere la dichiarazione del fallimento dell’appellante sopraggiunta oltre un anno dopo l’originaria dichiarazione del fallimento di C.C. e percio’ della cessazione dell’impresa: infatti il termine annuale in discorso non decorre, per il socio occulto receduto, dalla data del recesso, ma soltanto dalla data in cui quest’ultimo sia stato reso noto ai terzi con mezzi idonei; ne’, tantomeno, decorre dalla data della dichiarazione del fallimento della societa’, dato che il fallimento non comporta lo scioglimento della medesima; e del resto nella specie l’appellante non aveva neppure dedotto in giudizio il proprio recesso, avendo negato la stessa esistenza della societa’.

Ca.An. ha quindi proposto ricorso per cassazione per quattro motivi, cui ha resistito con controricorso il curatore del fallimento.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. – Con il primo motivo di ricorso, denunciando violazione del R.D.L. 12 marzo 1936, n. 375, art. 80 t.u.b. e vizio di motivazione, si ripropone la questione dell’assoggettabilita’ della c.d. banca di fatto a liquidazione coatta amministrativa con esclusione del fallimento.

1.1. – Il motivo e’ inammissibile.

Se, dopo la dichiarazione di fallimento di un imprenditore apparentemente individuale, risulti che egli era socio di una societa’ di fatto esercente la stessa impresa, una volta dichiarato il fallimento della societa’ e di altri soci non e’ piu’ possibile per questi ultimi contestare la sussistenza dei presupposti di fallibilita’ dell’imprenditore individuale, dovendo tale contestazione essere sollevata con l’opposizione alla prima dichiarazione di fallimento, alla quale i soci di fatto sono legittimati come controinteressati; onde, una volta dichiarato il fallimento in estensione L. Fall., ex art. 147, la contestazione puo’ riguardare solo la sussistenza della societa’ di fatto e la qualita’ di socio del convenuto in estensione, essendo i restanti profili coperti da giudicato (cfr. Cass. 16594/2008, 1632/1982).

2. – Con il secondo motivo si denuncia insufficienza della motivazione in ordine al compimento, da parte del sig. Ca.

A., di atti comportanti l’acquisto della qualita’ di socio.

Motivazione incentrata dalla Corte d’appello sulla commistione patrimoniale, mentre invece, ad avviso del ricorrente, i fatti da provare – e nella specie, invece, smentiti dalle risultanze processuali – sono, secondo la giurisprudenza consolidata, l’elemento oggettivo della societa’ di fatto, costituito dal conferimento di beni o servizi con formazione di un fondo comune e partecipazione degli autori dei conferimenti ai guadagni e alle perdite, e l’elemento soggettivo dell’affectio societatis.

2.1. – Il motivo e’ inammissibile.

Esso e’ rubricato “insufficiente motivazione in merito a un punto decisivo della controversia”; il che significa che si intende dedurre il tipo di vizio previsto all’art. 360 c.p.c., n. 5, comma 1.

Il vizio di motivazione ai sensi del n. 5, cit., attiene pero’ alla motivazione in fatto e richiede, quindi, la chiara indicazione di uno specifico fatto controverso (art. 366 bis c.p.c., comma 2, qui applicabile ratione temporis) che si deduca essere stato scorrettamente accertato dal giudice di merito.

Nella specie, tale indicazione manca. L’oggetto dell’insufficiente motivazione sarebbe, secondo quanto si legge nella rubrica del motivo in esame, il “compimento, da parte del signor Ca.An., di atti che abbiano comportato l’acquisto della qualita’ di socio”.

Il che non costituisce certo indicazione di’ un fatto specifico, ma solo il generico rinvio a fatti la cui individuazione implica la preliminare soluzione di una questione di diritto: quali siano, cioe’, gli atti comportanti l’acquisto della qualita’ di socio. Ne’ costituisce indicazione di un fatto la generica richiesta, che il ricorrente rivolge a questa Corte a mo’ di sintesi finale del motivo, di considerare inidonea la motivazione fornita dai giudici di appello (e richiamata sopra in narrativa) sul riconoscimento della qualita’ di socio in capo al ricorrente stesso.

In realta’ il ricorrente non critica l’accertamento di uno specifico fatto da parte dei giudici di merito; piuttosto ritiene che per qualificare un soggetto socio di fatto di un imprenditore siano necessari presupposti oggettivi e soggettivi diversi da quelli che la Corte d’appello ha considerato. La sua censura, allora, non e’ una censura in punto di fatto, bensi’ una censura in punto di diritto, che dunque andava dedotta ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, e corredata del quesito ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c., comma 1.

Quesito di cui, pero’, il ricorso e’ privo.

3. – Con il terzo motivo si denuncia “omessa motivazione in merito a un punto decisivo della controversia, ossia sull’inesistenza, in capo al signor Ca.An., della qualita’ di socio illimitatamente responsabile”. Si fa presente che nel giudizio di merito era stata eccepito che, anche a voler considerare Ca.

A. socio di fatto del padre, restava comunque da accertare se il medesimo fosse socio illimitatamente responsabile, considerato sia che le casse peote vengono comunemente qualificate societa’ cooperative, dunque con soci non illimitatamente responsabili, sia che il dominus e gestore unico dell’impresa bancaria era C. C., da qualificare percio’ accomandatario di una societa’ in accomandita di fatto nella quale i suoi pretesi soci erano meri accomandanti.

3.1. – Il motivo e’ inammissibile per ragioni analoghe a quelle indicate per il precedente.

Anche qui, infatti, pur dichiarandosi di formulare una censura di vizio di motivazione, si omette poi la chiara indicazione del relativo fatto controverso (tale non essendo, all’evidenza, la qualita’ di socio illimitatamente responsabile, che e’ qualificazione giuridica, non punto di fatto) e si pongono, invece, questioni che rimandano, semmai, alla soluzione di problemi giuridici senza tuttavia formulare i necessari quesiti ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c., comma 2.

4. – Con il quarto motivo si denuncia violazione della L. Fall., artt. 10 e 147, nonche’ vizio di motivazione.

Sotto il profilo della violazione di norme di diritto si sostiene che, nel caso di dichiarazione di fallimento di societa’ di fatto in estensione del fallimento di un imprenditore individuale, il termine annuale di cui alla L. Fall., art. 10, decorre (a) dalla data della dichiarazione di fallimento dell’impresa individuale o, al piu’ tardi, (b) del deposito (nella specie avvenuto il 16 gennaio 1998) dell’istanza del curatore di estensione del fallimento. Da tali accadimenti, infatti, andrebbe desunta la conoscenza, da parte dei terzi, della cessazione dell’impresa collettiva nonostante la mancanza di registrazione, in applicazione del principio affermato da questa Corte con la sentenza n. 18618 del 2006, secondo la quale, per le societa’ non iscritte nel registro delle imprese, il termine in questione decorre dal momento in cui la cessazione dell’attivita’ sia stata portata a conoscenza dei terzi con mezzi idonei, o comunque sia stata dagli stessi conosciuta, anche in relazione ai segni esteriori attraverso i quali si e’ manifestata.

Si solleva, altresi’, questione di legittimita’ costituzionale di una interpretazione della L. Fall., artt. 10 e 147 diversa da quanto sostenuto nell’ipotesi (b).

Il vizio di motivazione, infine, viene riferito al fatto della “cessazione dell’attivita’ d’impresa in relazione alla decorrenza del termine di cui alla L. Fall., art. 10”, lamentando che la Corte d’appello non abbia per nulla motivato riguardo ad esso, essendosi occupata del diverso fatto – invece non dedotto in giudizio – del recesso del socio occulto.

4.1. – Neppure questo motivo puo’ essere accolto.

Secondo il ricorrente, in definitiva, la dichiarazione di fallimento dell’imprenditore individuale o, comunque, la successiva domanda di estensione del fallimento ai sensi della L. Fall., art. 147 rendono notoria la cessazione dell’attivita’ svolta dalla societa’ di fatto.

Cio’ presuppone, evidentemente, la totale identita’ fra l’attivita’ dell’imprenditore individuale e quella della societa’ di fatto:

viceversa non sarebbe possibile associare alla cessazione della prima, per effetto della dichiarazione di fallimento (dell’impresa individuale), anche la cessazione dell’attivita’ societaria (e’ invero la cessazione dell’attivita’ societaria – non gia’ di quella individuale – che rileva ai fini del decorso del termine annuale per l’estensione del fallimento alla societa’).

Nella specie, invece, l’attivita’ bancaria svolta da C. C., e per la quale lo stesso fu dichiarato fallito, non esauriva, secondo quanto accertato dalla Corte d’appello, l’oggetto della societa’ di fatto, ma costituiva solo parte di esso. Nel respingere il motivo di appello basato sulla illiceita’ e dunque nullita’ della societa’ di fatto in quanto avente ad oggetto attivita’ bancaria abusiva (censura poi non riproposta in sede di legittimita’), la Corte veneziana afferma infatti che “le attivita’ economiche costituenti l’oggetto della societa’ non si esaurivano nella raccolta del risparmio tra il pubblico ma – come lo stesso appellante inavvertitamente finisce con il rivelare, allegando l’utilizzazione, per l’esercizio dell’impresa agricola di cui egli era titolare, dei fondi disponibili sui conti della cassa peota ed il versamento, sui medesimi conti, dei proventi di tale attivita’ – si estendeva allo svolgimento di attivita’ economiche diverse, rispetto alle quali la raccolta del risparmio risultava strumentale per l’acquisizione delle necessarie risorse finanziarie” (pag. 7 della sentenza impugnata). Il concetto e’ poi ribadito a proposito del coinvolgimento di Ca.An. nella societa’ di fatto, allorche’, confermata “la commistione” gia’ affermata dal Tribunale – “del patrimonio dell’impresa agricola formalmente gestito dall’odierno appellante con i fondi della cassa”, si conclude – come gia’ accennato sopra in narrativa – che “l’acquisizione, da parte del genitore dell’odierno appellante e con danaro della cassa, dell’azienda agricola poi intestata al secondo, il libero accesso a costui consentito ai fondi disponibili sui conti e depositi della cassa, il riconosciuto frequente – se non diuturno – coinvolgimento dello stesso nel compimento di attivita’ di esercizio e gestione della cassa, la commistione del patrimonio della cassa con quello dell’azienda agricola formalmente intestata all’odierno appellante e da costui condotta, delineavano in termini inequivioci l’esitenza, tra C.C. ed i componenti della famiglia che lo coadiuvavano ed affiancavano nella gestione del complesso coacervo di attivita’ economiche poste in essere e sostenute con le disponibilita’ finanziarie acquisite mediante la raccolta di risparmio operata dalla cassa, di una societa’ di fatto avente ad oggetto l’esercizio del menzionato complesso di attivita’ economiche” (pag. 8 della sentenza impugnata).

Il ricorso non contiene alcuna idonea censura dell’accertamento della complessita’ e molteplicita’ dell’oggetto sociale, eccedente l’attivita’ bancaria svolta da C.C.. Il motivo in esame e’ dunque inammissibile (sotto ogni profilo, compresa la questione di legittimita’ costituzionale) perche’ presuppone una versione dei fatti diversa da quanto definitivamente accertato dai giudici di merito.

5. – Il ricorso va in conclusione respinto.

Le spese processuali, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

LA CORTE rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alle spese processuali, liquidate in Euro 1.400,00, di cui 1.200,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge.

Cosi’ deciso in Roma, il 26 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 15 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA