Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8740 del 13/04/2010

Cassazione civile sez. lav., 13/04/2010, (ud. 09/02/2010, dep. 13/04/2010), n.8740

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIDIRI Guido – Presidente –

Dott. BANDINI Gianfranco – Consigliere –

Dott. ZAPPIA Pietro – Consigliere –

Dott. BALLETTI Bruno – Consigliere –

Dott. MELIADO’ Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 898/2006 proposto da:

REGIONE LAZIO, in persona del Presidente pro tempore, domiciliato in

ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

M.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA F.CESI, 44,

presso lo studio dell’avvocato GIACHI FAUSTO MARIA, rappresentato e

difeso dall’avvocato AUTIERI FRANCESCO, giusta mandato a margine del

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2027/2005 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 27/06/2005 R.G.N. 8865/03;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

09/02/2010 dal Consigliere Dott. MELIADO’ Giuseppe;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FUZIO Riccardo, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza in data 11.3/27.6.2005 la Corte di appello di Roma dichiarava inammissibile l’appello proposto dalla Regione Lazio avverso la sentenza resa dal Tribunale di Latina il 3.10.2002 che dichiarava non dovuta la somma di L. 40.525.075, richiesta dall’Amministrazione nei confronti di M.M., medico di base del SSN. Osservava la corte territoriale che l’atto di impugnazione non consentiva di individuare, sia per la non corrispondenza delle argomentazioni con il tema della decisione impugnata, sia per la genericità delle deduzioni svolte, le statuizioni in concreto censurate e le ragioni sulle quali il gravame si fondava. Per la cassazione della sentenza propone ricorso la Regione Lazio con un unico motivo.

Ha depositato controricorso (non notificato) M.M..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con un unico motivo, svolto ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 4 in relazione all’art. 343 c.p.c., la ricorrente lamenta che la inammissibilità era stata dichiarata a torto, avendo rilevato in appello che “la motivazione non era pertinente alla causa (OMISSIS), ma ad altra causa (OMISSIS)” e che, pertanto, la sentenza doveva ritenersi nulla (riguardando non “un’opposizione a decreto ingiuntivo, ma un ricorso diretto”). Il ricorso è manifestamente infondato.

La Regione Lazio reitera, in questa sede, che la motivazione della sentenza impugnata “è quella di un altro caso”, ma senza in alcun modo documentare, in conformità al principio di necessaria autosufficienza del ricorso, tale assunto, a fronte del puntuale accertamento, che risulta dalla sentenza impugnata, che “nel giudizio di primo grado, il M. aveva chiesto che fosse dichiarata non dovuta alla Regione Lazio la somma di L. 40.525.075, richiestagli con nota del 14.7.1992”, e che, pertanto, il giudizio non riguarda una opposizione a decreto ingiuntivo, ma per l’appunto un “ricorso diretto”, per l’importo indicato.

Ne deriva che nessuna ragione di nullità della sentenza è configurabile e che correttamente la corte di merito ha rilevato che le argomentazioni dell’appello risultavano irriferibili alla decisione impugnata. Il ricorso va, dunque, rigettato.

Nessuna statuizione va adottata in ordine alle spese, non avendo l’intimato (che, peraltro, nemmeno è comparso in udienza) provveduto a notificare il controricorso alla controparte. Con la conseguenza che lo stesso deve apprezzarsi come inammissibile, in quanto, nel giudizio di cassazione, è prescritto che il controricorso sia notificato alla controparte ai sensi dell’art. 370 c.p.c., e non può considerarsi sufficiente ed equivalente a tale comportamento il mero deposito presso la Corte di cassazione, giacchè l’atto, per svolgere la sua funzione di strumento di attivazione del contraddittorio rispetto alla parte ricorrente, deve essere portato a legale conoscenza della stessa, consentendole di presentare le sue difese nelle forme previste dall’art. 378 c.p.c. (v. ad es Cass. n. 22928/2008, che specifica anche che, in tal caso, per partecipare alla discussione orale il procuratore deve essere munito di procura speciale, conferita nelle forme dell’art. 83 c.p.c., comma 2: v.

anche Cass. n. 11160/2004 ed altre).

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; nulla in ordine alle spese.

Così deciso in Roma, il 9 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 13 aprile 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA