Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 874 del 13/01/2022

Cassazione civile sez. trib., 13/01/2022, (ud. 30/11/2021, dep. 13/01/2022), n.874

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIRGILIO Biagio – Presidente –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. PARARI Valeria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 27972/2011 R.G. proposto da:

Montevalori Srl (già Ge.Al.Fi. Srl), rappresentata e difesa

dall’Avv. Guglielmo Maisto, presso il cui studio è elettivamente

domiciliata in Roma, Piazza d’Aracoeli n. 1, giusta procura speciale

in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, presso la quale è domiciliata in Roma, via

dei Portoghesi n. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Toscana n. 97/31/11, depositata il 15 luglio 2011.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio della pubblica

udienza del 30 novembre 2021 dal Consigliere Dott. Fuochi Tinarelli

Giuseppe.

Viste le conclusioni formulate dal Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. Pepe Alessandro, che ha

concluso per la declaratoria di estinzione del giudizio ai sensi del

D.L. n. 119 del 2018, art. 6, comma 13.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Montevalori Srl impugnava l’atto di contestazione emesso dall’Agenzia delle entrate per l’omessa fatturazione della somma di Euro 29.060.000,00, versata, in relazione all’acquisto del complesso immobiliare “Il Magnifico”, in forza del preliminare stipulato tra le parti tra il 2003 e il 2004, anteriormente alla stipula, avvenuta in data 10 marzo 2005, del contratto definitivo di vendita, importo ritenuto dal contribuente quale caparra e, invece, valutato dall’Ufficio come anticipo del corrispettivo.

La Commissione tributaria provinciale di Prato rigettava l’impugnazione; la sentenza era confermata dal giudice d’appello.

La contribuente ricorre per cassazione con dieci motivi, poi illustrato con memoria.

Resiste l’Agenzia delle entrate con controricorso.

La società, nelle more del giudizio, chiedeva la sospensione per l’avvenuta presentazione di istanza di definizione agevolata D.L. n. 119 del 2018, ex art. 6.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

La procedura di definizione agevolata D.L. n. 119 del 2018, ex art. 6, comma 10, cui la società Montevalori Srl ha dichiarato di aderire, deve ritenersi andata a buon fine atteso il decorso del termine del 31 dicembre 2020 in assenza di contestazioni da parte dell’Ufficio.

Il processo va pertanto dichiarato estinto. Le spese restano a carico della parte che le ha sostenute.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, il 30 novembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 13 gennaio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA