Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8717 del 13/04/2010

Cassazione civile sez. III, 13/04/2010, (ud. 18/02/2010, dep. 13/04/2010), n.8717

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI NANNI Luigi Francesco – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. URBAN Giancarlo – rel. Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. D’AMICO Paolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto, ai sensi dell’art. 375 c.p.c., da:

ITALCOSTRUZIONI di GRECO PASQUALE & C. s.n.c., in persona del

legale

rappresentante, elettivamente domiciliato in Roma, presso la

Cancelleria della Corte di Cassazione ai sensi dell’art. 366 c.p.c.,

comma 2, rappresentato e difeso dall’avv. Belsito Carlo giusta delega

in atti;

– ricorrente –

contro

S.C., elettivamente domiciliato in Roma, Viale Mazzini n.

113, presso lo studio dell’avv. Grasso Rosalba, rappresentato e

difeso dall’avv. Del Bene Patrizia giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Corte d’Appello di Firenze n. 1808/05 in

data 5 luglio 2005, pubblicata in data 12 dicembre 2005;

Udita la relazione del Consigliere Dott. URBAN Giancarlo;

udito il P.M. in persona del Cons. Dott. GOLIA Aurelio che si è

riportato alle conclusioni scritte.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 12 dicembre 2005 la Corte d’Appello di Firenze rigettava l’appello proposto da Italcostruzioni s.n.c. avverso la sentenza del Tribunale di Firenze che aveva accertato la esistenza di un accollo da parte della Italcostruzioni s.n.c, di un debito (per L. 215.000.000) già gravante su S.C..

Ricorre per cassazione Italcostruzioni s.n.c. con due motivi.

Resiste con controricorso S.C..

La ricorrente Italcostruzioni s.n.c. ha depositato memoria ai sensi dell’art. 378 c.p.c..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è inammissibile perchè tardivo: la sentenza impugnata risulta notificata in data 19 maggio 2006, mentre il ricorso per cassazione è stato notificato in data 22 agosto 2006, oltre il termine di giorni 60 previsto dall’art. 325 c.p.c..

Il ricorso merita quindi di essere dichiarato inammissibile; segue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate come in dispositivo.

PQM

Visto l’art. 375 c.p.c.;

la Corte di Cassazione, Terza Sezione Civile, dichiara inammissibile il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 1.800, di cui Euro 1.600 per onorari, oltre spese generali e accessori come per legge.

Così deciso in Roma, il 18 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 13 aprile 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA