Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8633 del 07/05/2020

Cassazione civile sez. un., 07/05/2020, (ud. 28/01/2020, dep. 07/05/2020), n.8633

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SPIRITO Angelo – Primo Presidente f.f. –

Dott. MANNA Antonio – Presidente di Sez. –

Dott. D’ANTONIO Enrica – rel. Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna – Consigliere –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Consigliere –

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8760-2019 per regolamento di giurisdizione proposto

d’ufficio dal TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA SICILIA,

SEZIONE DISTACCATA DI CATANIA, con ordinanza n. 154/2019 depositata

il 4/02/2019 nella causa tra:

Z.R.;

– ricorrente non costituitosi in questa fase –

contro

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI MESSINA, in persona del Rettore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO;

– resistente –

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

28/01/2020 dal Consigliere Dott. ENRICA D’ANTONIO;

lette le conclusioni scritte del Sostituto Procuratore Generale

STEFANO VISONA’, il quale conclude per sentir dichiarare la

giurisdizione del Giudice Ordinario.

Fatto

CONSIDERATO IN FATTO

1. Il Tribunale di Messina ha dichiarato la giurisdizione del giudice amministrativo sulla domanda proposta dal prof. Z.R., dipendente dell’Università di Messina, volta ad ottenere il pagamento da parte dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico dell’indennità perequativa tra il trattamento economico universitario e il trattamento economico ospedaliero per il periodo 1/10/2003-30/6/2009, in relazione all’attività assistenziale da lui prestata nell’ambito del rapporto lavorativo con l’Azienda Ospedaliera.

Riassunto il giudizio davanti al TAR, quest’ultimo ha sollevato d’ufficio conflitto negativo di giurisdizione davanti alle Sezioni Unite,ritenendo sussistere la giurisdizione del giudice ordinario.

2. Si è costituita l’Università degli studi di Messina ed il Procuratore generale ha concluso per il riconoscimento della giurisdizione del giudice ordinario.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

3. Va dichiarata la giurisdizione del giudice ordinario.

4. La questione è stata già esaminata e risolta da queste Sezioni Unite che hanno affermato che “Appartiene alla giurisdizione del giudice ordinario la controversia avente ad oggetto il rapporto lavorativo del personale universitario con l’azienda sanitaria, poichè il D.Lgs. 21 dicembre 1999, n. 517, art. 5, comma 2, distingue il rapporto di lavoro dei professori e ricercatori con l’università da quello instaurato dagli stessi con l’azienda ospedaliera (anche qualora quest’ultima non si sia ancora trasformata in azienda ospedaliero-universitaria) e dispone che, sia per l’esercizio dell’attività assistenziale, sia per il rapporto con le aziende, si applicano le norme stabilite per il personale del servizio sanitario nazionale, con la conseguenza che, quando la parte datoriale si identifichi nell’azienda sanitaria, la qualifica di professore universitario funge da mero presupposto del rapporto lavorativo e l’attività svolta si inserisce nei fini istituzionali e nell’organizzazione dell’azienda, determinandosi, perciò, l’operatività del principio generale di cui al D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, art. 63, comma 1, che sottopone al giudice ordinario le controversie dei dipendenti delle aziende e degli enti del servizio sanitario nazionale” (cfr SU n. 10406/2013, n. 7503/2012).

5. Queste Sezioni Unite ribadiscono detti principi cui intendono dare continuità. Le spese della presente procedura saranno liquidate nel giudizio di merito.

P.Q.M.

Dichiara la giurisdizione del giudice ordinario. Spese al merito.

Così deciso in Roma, il 28 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 7 maggio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA