Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8583 del 14/04/2011

Cassazione civile sez. trib., 14/04/2011, (ud. 05/04/2011, dep. 14/04/2011), n.8583

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – rel. Presidente –

Dott. PERSICO Mariaida – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. CARACCIOLO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, ricorrente che non ha depositato il ricorso

nei termini prescritti dalla legge;

– ricorrente non costituita –

contro

SOCIETA’ 3F & EDIN SPA (OMISSIS) incorporante della Societa’ EDIN

SPA in persona del legale rappresentante, elettivamente domiciliata

in ROMA, VIA G. PALUMBO 26, presso la Societa’ EP SPA, rappresentata

e difesa dagli avvocati GAETA UGO, GAETA GUIDO, giusta procura

speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 24/2009 della Commissione Tributaria Regionale

di NAPOLI, depositata il 28/01/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

05/04/2011 dal Presidente Relatore Dott. FERNANDO LUPI;

E’ presente l’Avvocato Generale in persona del Dott. DOMENICO

IANNELLI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, ritenuto che e’ stata depositata in cancelleria la seguente relazione a sensi dell’art. 380 bis c.p.c.: “La CTR della Campania, con sentenza 24.48.09, ha accolto l’appello della EDIN s.p.a nei confronti della Agenzia delle Entrate di Napoli, annullando una cartella di pagamento per omesso versamento di ritenute con sanzioni, recupero credito di imposta e tardivo pagamento IVA 2001. L’Agenzia delle Entrate ha notificato ricorso per cassazione il 4.10.2010, ma, mentre l’intimata si e’ costituita con controricorso, la ricorrente non ha depositato il ricorso nel termine di cui all’art. 369 c.p.c..

Deve pertanto essere dichiarata l’improcedibilita’ del ricorso.”.

Rilevato che la relazione e’ stata comunicata al pubblico ministero e notificata alla parte costituita;

considerato che il Collegio, a seguito della discussione in camera di consiglio, riuniti i ricorsi, condividendo i motivi in fatto e in diritto della relazione, ritiene che ricorra l’ipotesi prevista dall’art. 375 c.p.c., n. 1 della improcedibilita’ del ricorso che in ordine alle spese deve seguirsi il principio della soccombenza.

P.Q.M.

LA CORTE dichiara improcedibile il ricorso principale e condanna la ricorrente alle spese che liquida in Euro 100,00 per spese vive, Euro 2.000,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge.

Cosi’ deciso in Roma, il 5 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 14 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA