Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8577 del 07/05/2020

Cassazione civile sez. VI, 07/05/2020, (ud. 09/01/2020, dep. 07/05/2020), n.8577

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. CIGNA Mario – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – rel. Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

Dott. D’ARRIGO Cosimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE ERRORE MATERIALE

sul ricorso 21675-2019 proposto da:

T.M., B.S., elettivamente domiciliate in

ROMA, VIA KENIA, 16, presso lo studio dell’avvocato ALESSIA GUERRA,

rappresentate e difese dall’avvocato SANDRO MAMMARELLA;

– ricorrente –

contro

MPS GESTIONE CREDITI BANCA SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 18335/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 09/07/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 09/01/2020 dal Consigliere Relatore Dott. CHIARA

GRAZIOSI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte:

rilevato che B.S. e T.M. hanno presentato ricorso per correzione di errore materiale nella sentenza n. 18335/2019 di questa Suprema Corte, la quale ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto da Banca MPS S.p.A. avverso sentenza del 1 giugno 2017 della Corte d’appello di L’Aquila, condannando la ricorrente a rifondere alle controricorrenti B.S. e T.M. le spese processuali;

rilevato che si lamenta errore materiale consistente nella mancata distrazione delle spese a favore del difensore antistatario avvocato Sandro Mammarella, come invece era stato richiesto, chiedendo pertanto che nel dispositivo sia aggiunto l’ordine della distrazione delle spese a favore del difensore;

rilevato che sussistono effettivamente i presupposti per la correzione richiesta, in ragione del denunciato errore materiale, dovendosi quindi immettere nel dispositivo l’ordine di distrazione delle spese a favore del difensore delle contro ricorrenti;

rilevato che, trattandosi di procedimento ex artt. 287 e 391 bis c.p.c., non vi è luogo a pronuncia sulle spese relativamente ad esso, non essendo individuabili una parte vittoriosa e una parte soccombente (sulla scorta di S.U. ord. 27 giugno 2002 n. 9438 v. Cass. sez. 3, ord. 4 maggio 2009n. 10203, Cass. sez. 6-2, ord. 17 settembre 2013 n. 21213 e Cass. sez. 6-L, ord. 4 gennaio 2016 n. 14).

P.Q.M.

In accoglimento del ricorso, dispone ad ogni effetto di legge che nel dispositivo della sentenza n. 18335/2019, a seguito della frase “condanna la ricorrente a rifondere alle controricorrenti le spese processuali, liquidate in un totale di Euro 10.200, oltre a Euro 200 per esborsi e agli accessori di legge” si aggiunga: “ordinandone la distrazione a favore del difensore delle controricorrenti avv. Sandro Mammarella”.

Così deciso in Roma, il 9 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 7 maggio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA