Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8552 del 31/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 31/03/2017, (ud. 22/12/2016, dep.31/03/2017),  n. 8552

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente –

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – rel. Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27586/2015 proposto da:

T.P., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ENNIO QUIRINO

VISCONTI 103, presso lo studio dell’avvocato LUISA GOBBI, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato STEFANO LEARDINI,

giusta procura alle liti a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

GENERALI ITALIA SPA, in persona del procuratore speciale,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GIUSEPPE FERRARI 35, presso

lo studio dell’avvocato MARCO VINCENTI, che la rappresenta e difende

giusta procura speciale in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

C.C., V.M.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1652/2015 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA del

15/09/2015, depositata l’08/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 22/12/2016 dal Consigliere Relatore Dott. STEFANO

OLIVIERI.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che:

Che T.P. ha proposto ricorso per cassazione, deducendo quattro motivi, avverso la sentenza in data 8.10.2015 n. 1652 della Corte d’appello di Bologna che aveva confermato la decisione di prime cure relativamente al capo della liquidazione del danno non patrimoniale e del danno da lucro cessante;

Che ha resistito Generali Italia s.p.a. con controricorso, mentre non hanno svolto difese gli altri intimati C.C. e V.M..

Diritto

RILEVATO IN DIRITTO

che risulta depositato presso la Cancelleria della Corte atto di rinuncia al ricorso, con integrale compensazione delle spese di lite, sottoscritto dal ricorrente personalmente e dal suo difensore avv. Stefano Leardini, nonchè rappresentante di Generali Italia s.p.a. e dal difensore avv. Marco Vincenti, notificato alla parte resistente in data 5.12.2016 e restituito alla parte ricorrente sottoscritto per accettazione in data 14.12.2016

che pertanto sussistono i presupposti previsti dagli artt. 390 e 391 c.p.c., per la pronuncia di estinzione del giudizio.

PQM

Dichiara estinto il giudizio. Spese compensate.

Così deciso in Roma, il 22 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 31 marzo 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA