Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8485 del 25/03/2021

Cassazione civile sez. VI, 25/03/2021, (ud. 11/02/2021, dep. 25/03/2021), n.8485

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. PORRECA Paolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 35386-2019 proposto da:

G.L.M., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA

CAVOUR presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE,

rappresentata e difesa dall’avvocato LEOPOLDO BALSAMO;

– ricorrente –

Contro

N.A.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 2063/2019 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 16/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata dell’11/02/2021 dal Consigliere Relatore Dott. CRICENTI

GIUSEPPE.

 

Fatto

RITENUTO

CHE:

1.- G.L. è stata convenuta in giudizio da N.A. che assumeva l’occupazione abusiva, da parte della G., di un suo immobile utilizzato ad uso commerciale.

Il giudice di primo grado ha invitato le parti a procedere a mediazione obbligatoria, che è stata attivata da una delle due, ed alla quale il N. non è comparso personalmente, bensì assistito da suo difensore, non munito di procura speciale.

Alla prima udienza, successiva alla mediazione, la ricorrente ha eccepito la nullità del procedimento di mediazione e la conseguente improcedibilità della domanda, in quanto il N. non era comparso personalmente ma a mezzo difensore, privo di procura speciale.

2.- Sia il Tribunale che la Corte di Appello hanno ritenuto che la legge (L. n. 28 del 2010, art. 5) non prevede che la parte compaia personalmente, essendo sufficiente che vi sia il suo difensore, anche se privo di procura speciale e che comunque, anche ad ammettere che cosi non sia, non ne deriva improcedibilità del giudizio.

3. Ricorre G. con un motivo. Non v’è controricorso dell’intimato.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

4.- La corte ha ritenuto, all’esito della camera di consiglio, che la questione della valida partecipazioni di una delle parti alla procedura di mediazione, non personalmente ma tramite difensore non munito di procura speciale, non sia di immediata evidenza decisoria.

P.Q.M.

La Corte rinvia a nuovo ruolo per trattazione in pubblica udienza.

Così deciso in Roma, il 12 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 25 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA