Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8468 del 25/03/2021

Cassazione civile sez. II, 25/03/2021, (ud. 23/07/2020, dep. 25/03/2021), n.8468

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. PICARONI Elisa – rel. Consigliere –

Dott. GRASSO Giuseppe – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24335/2019 proposto da:

K.U., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA AUGUSTO RIBOTY,

23, presso lo studio dell’avvocato VALERIA GERACE, che lo

rappresenta e difende giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO INTERNO COMMISSIONE TERRITORIALE CROTONE, in persona del

Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende ope lege;

– resistente –

avverso il decreto di rigetto n. 1989/2019 del TRIBUNALE di

CATANZARO, depositato il 26/06/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

23/07/2020 dal Consigliere Dott. ELISA PICARONI.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. K.U., nato in (OMISSIS), ricorre per la cassazione del decreto del Tribunale di Catanzaro n. 1989/2019, pubblicato il 26 giugno 2019, che ha rigettato l’opposizione avverso il provvedimento di diniego della protezione internazionale ed umanitaria emesso dalla Commissione territoriale.

2. Il Tribunale ha condiviso il giudizio della Commissione territoriale ed escluso la sussistenza dei presupposti della protezione internazionale e della protezione umanitaria.

3. Il ricorso per cassazione è articolato in due motivi. Il Ministero dell’interno ha depositato atto finalizzato all’eventuale partecipazione all’udienza di discussione.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Preliminarmente si deve rilevare la tardività del ricorso proposto in data 9 maggio 2018 dal sig. K.U. dinanzi al Tribunale.

2. Il provvedimento della Commissione territoriale oggetto di impugnazione, notificato in data 10 aprile 2018, aveva ad oggetto una domanda “reiterata” di protezione internazionale, come affermato dal Tribunale nel decreto qui impugnato (pag. 4, 5).

La fattispecie è prevista dal D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 29, comma 1, lett. b), norma richiamata dall’art. 28-bis, comma 2, lett. b) D.Lgs. citato (nel testo vigente ratione temporis, anteriore all’emanazione del D.L. n. 113 del 2018). L’art. 35-bis dello stesso Decreto prevede, al comma 2, che “nei casi di cui di cui all’art. 28 bis, comma 2, e nei casi in cui nei confronti del ricorrente è stato adottato un provvedimento di trattenimento ai sensi del D.Lgs. 18 agosto 2015, n. 142, art. 6, i termini previsti dal presente comma – e cioè quelli per l’impugnazione del provvedimento – sono ridotti della metà”.

Non rileva, in senso contrario, il fatto che la previsione di cui all’art. 28-bis, comma 1, lett. b), sia stata abrogata del D.L. n. 113 del 2018, art. 9, comma 1, convertito dalla L. n. 132 del 2018, in quanto la nuova disciplina, in vigore dal 5 ottobre 2018, non si applica al ricorso che il richiedente ha proposto dinanzi al Tribunale con atto depositato il 9 maggio 2018.

Neppure rileva l’omessa informativa al richiedente circa la procedura accelerata, atteso che oggetto della controversia non è il provvedimento negativo della commissione, ma il diritto soggettivo alla protezione e la riduzione del termine discende direttamente dalla legge ed è pertanto rilevabile da chi impugna dal tenore del provvedimento (ex plurimis, Cass. 16/04/2020, n. 7880).

3. Si impone pertanto la decisione sul ricorso, con la cassazione senza rinvio del provvedimento impugnato perchè il giudizio dinanzi al Tribunale non poteva proseguire.

Non v’è luogo a pronuncia sulle spese, in assenza di attività difensiva del Ministero intimato. Sussistono i presupposti processuali per il raddoppio del contributo unificato.

PQM

La Corte, decidendo sul ricorso, cassa senza rinvio il decreto impugnato perchè il giudizio non poteva proseguire.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 23 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 25 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA