Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8374 del 08/04/2010

Cassazione civile sez. I, 08/04/2010, (ud. 10/12/2009, dep. 08/04/2010), n.8374

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. FITTIPALDI Onofrio – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

G.L., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA BARBERINI

N. 12, presso lo studio legale PATRONI GRIFFI – VISENTINI,

rappresentato e difeso dall’avvocato SAVINO ANTONIO, giusta procura a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

– MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro

pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI

12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende, ope legis;

– controricorrente –

avverso il decreto n. R.G. 40/07 della CORTE D’APPELLO di BARI del

27/03/07, depositato il 30/04/2007;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

10/12/2009 dal Consigliere Relatore Dott. DIDONE Antonio;

e’ presente il P.G, in persona del Dott. GAMBARDELLA Vincenzo.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO E IN DIRITTO

La relazione depositata ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. e’ del seguente tenore: “ G.L. ricorre per Cassazione contro il decreto 30 aprile 2007 con cui la Corte di appello di Bari gli ha liquidato la somma di Euro 25.250,00 a titolo di equa riparazione del danno non patrimoniale patito in conseguenza della non ragionevole durata di un giudizio promosso con ricorso del 2 ottobre 1978 davanti alla Corte dei conti – Sezione giurisdizionale 4^ Pensioni Militari – avente a oggetto riconoscimento di diritto a pensione privilegiata per infermita’ dipendente da causa di servizio – e non ancora definito alla data di deposito dell’istanza L. n. 89 del 2001, ex art. 2.

Si difende il Ministero dell’economia e delle finanze.

OSSERVA:

Il decreto e’ censurato ai sensi dell’art. 91 c.p.c. per avere il giudice a quo compensato le spese. Il ricorso appare inammissibile.

L’art. 92 c.p.c., comma 2, nel testo introdotto dalla L. 28 dicembre 2005, n. 263, art. 2, comma 1, lett. a), dispone che il giudice puo’ compensare le spese, in tutto o in parte, se vi e’ soccombenza reciproca o concorrono altri giusti motivi, esplicitamente indicati nella motivazione. Tale esigenza risulta soddisfatta nella specie in quanto la compensazione e’ stata basata sulla mancata resistenza dell’amministrazione convenuta.

Non si tratta di ragione palesemente o microscopicamente illogica e tale da inficiare, per la loro inconsistenza o evidente erroneita’, lo stesso processo formativo della volonta’ decisionale del giudice del merito.

Del resto, siffatta motivazione non risulta specificamente censurata dal ricorrente.

In conclusione, ove si condividano i teste’ formulati rilievi, il ricorso puo’ essere trattato in Camera di consiglio, ricorrendo i requisiti di cui all’art. 375 c.p.c.”.

Il ricorrente ha depositato memoria ex art. 378 c.p.c..

2.- Il Collegio ritiene di condividere il contenuto della relazione e le argomentazioni sulle quali essa si fonda e che conducono alla declaratoria di inammissibilita’ del ricorso.

Le spese processuali del giudizio di legittimita’ – liquidate in dispositivo – seguono la soccombenza.

PQM

LA CORTE Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente a rimborsare all’Amministrazione resistente le spese processuali che liquida in complessivi Euro 425,00 oltre le spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 10 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 8 aprile 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA