Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8342 del 25/03/2019

Cassazione civile sez. VI, 25/03/2019, (ud. 08/11/2018, dep. 25/03/2019), n.8342

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – rel. Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

Sul ricorso 24858-2017 proposto da:

C.F., in proprio e nella qualità di procuratore

speciale di C.I., nonchè C.M.A.,

considerati domiciliati in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI

CASSAZIONE, rappresentanti e difesi dagli avvocati ANGELO RICCIO,

PIETRO RICCIO;

– ricorrenti –

contro

UCI UFFICIO CENTRALE ITALIANO SCARL, in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ANTONIO GRAMSCI 9,

presso lo studio dell’avvocato CLAUDIO MARTINO, rappresentato e

difeso dall’avvocato MICHAEL BUSE;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 7866/2017 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 28/03/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata in data 8/11/2018 dal Consigliere Dott. ANTONIETTA

SCRIMA.

Fatto

RILEVATO

Che:

C.F., in proprio e nella qualità di procuratore speciale di C.I., nonchè C.M.A., hanno proposto ricorso per revocazione della sentenza di questa Corte, n. 7866 e depositata il 28 marzo 2017, basato su due motivi e illustrato da memoria.

Diritto

RILEVATO

Che:

tale ricorso è stato notificato nei confronti del solo UCI – Ufficio Centrale Italiano s.c. a r.l., che ha resistito con controricorso, pure illustrato da memoria, e non anche nei confronti di tutte le altre parti della sentenza di cui è stata chiesta la revocazione;

ritenuto che, va disposta, con rinvio della causa a nuovo ruolo, la notifica del ricorso nei confronti delle parti di quella sentenza, allo stato non intimate, entro il termine di giorni sessanta dalla comunicazione della presente ordinanza, evidenziandosi, anche agli effetti dell’art. 384 c.p.c., comma 3, la possibilità che il ricorso in parola sia qualificato come istanza denunciante un eventuale errore materiale della sentenza di questa Corte n. 7866/17.

PQM

La Corte ordina la notifica del ricorso nei confronti delle parti, allo stato, non intimate della sentenza di cui è stata chiesta la revocazione entro il termine di giorni sessanta dalla comunicazione della presente ordinanza, evidenziandosi, anche agli effetti dell’art. 384 c.p.c., comma 3, la possibilità che il ricorso in parola sia qualificato come istanza denunciante un eventuale errore materiale della sentenza di questa Corte n. 7866/17; rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 3 della Corte Suprema di Cassazione, il 8 novembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 25 marzo 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA