Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8338 del 12/04/2011

Cassazione civile sez. III, 12/04/2011, (ud. 07/03/2011, dep. 12/04/2011), n.8338

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MORELLI Mario Rosario – Presidente –

Dott. CARLEO Giovanni – Consigliere –

Dott. DE STEFANO Franco – rel. Consigliere –

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

Dott. CARLUCCIO Giuseppa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 29662-2006 proposto da:

H.A.H.L. (OMISSIS), elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA PASQUALE LEONARDI CATTOLICA 6, presso lo

studio dell’avvocato ANDRACCHIO ANNA, rappresentata e difesa

dall’avvocato GRIMALDI ETTORE giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

L.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DI TORRE ARGENTINA 47, presso lo studio dell’avvocato

MARIOTTI RICCARDO, che lo rappresenta e difende giusta delega a

margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 5989/2006 del TRIBUNALE di ROMA, emessa il

23/2/2006, R.G.N. 81007/2003;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

07/03/2011 dal Consigliere Dott. FRANCO DE STEFANO;

udito l’Avvocato RICCARDO MARIOTTI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

DESTRO Carlo che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1.1. A.H.H.L. propone ricorso per cassazione, ex art. 111 Cost., avverso la sentenza del Tribunale di Roma, n. 5389/06, pubblicata il 14.3.06 (e notificata, ma alla parte di persona e non presso il suo procuratore costituito, il 31.7.06), nella parte in cui essa rigetta, per difetto del requisito della certezza, la sua opposizione alle esecuzioni immobiliare e mobiliare intentate ai suoi danni da L.A., fondata sull’adduzione in compensazione di due controcrediti recati da sentenze provvisoriamente esecutive ma non passate in giudicato;

1.2. resiste con controricorso il L.; e, in relazione alla pubblica udienza del 7.3.11, compare il solo difensore del controricorrente, dichiarando – ma non documentando – di avere transatto con controparte ogni controversia.

2. In via preliminare, resta irrilevante, per le modalità con cui è stata operata ed in difetto di ogni altra formalità prevista, la dichiarazione del controricorrente dell’intervenuta definizione di tutte le controversie tra le parti.

3. Ciò posto, la H. formula il seguente quesito di diritto, a sostegno dell’unico motivo formulato, ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 in relazione all’art. 1243 c.c.:

“dica la Suprema Corte di Cassazione se condivide o meno e se ritenga applicabile, il seguente quesito di diritto. Se una sentenza provvisoriamente esecutiva costituisce titolo per iniziare l’esecuzione forzata, può per analogia un credito accertato da una sentenza provvisoriamente esecutiva dare vita alla compensazione legale.”. Ma un tale motivo è infondato.

3. Per consolidata giurisprudenza di questa Corte (tra le altre, vedasi Cass. 13 maggio 2002 n. 6820), infatti:

– il requisito della certezza del credito opposto in compensazione, benchè non previsto dall’art. 1243 c.c., il quale richiede espressamente soltanto che il credito sia liquido (o di facile e pronta liquidazione) ed esigibile, è comunque indispensabile, perchè non può attribuirsi effetto estintivo ad un credito che non si riconosca esistente (per il riconoscimento della certezza del credito come presupposto dell’effetto estintivo, oltre la sua liquidità ed esigibilità, v., da ultimo, Cass. S.U. 16 novembre 1999 n. 775, in motivazione);

– l’accertamento della esistenza del credito opposto in compensazione può certamente essere compiuto dal giudice davanti al quale tale compensazione è fatta valere; ma siffatto accertamento, però, non è processualmente possibile quando venga opposto in compensazione un credito la cui esistenza forma già oggetto di un separato giudizio in corso e prima che questo accertamento sia divenuto definitivo (Cass. 17 gennaio 2001 n. 580; 25 febbraio 1995 n. 2176; 15 novembre 1993 n. 11267; 14 gennaio 1992 n. 325);

pertanto, un credito derivante da una sentenza provvisoriamente esecutiva non è opponibile in compensazione, perchè tale titolo può subire modificazioni a seguito dell’impugnazione in corso, mentre, come si è detto, l’operatività dell’effetto estintivo presuppone il definitivo accertamento del credito da opporre in compensazione e quindi della compensazione medesima, sicchè non può derivare da situazioni provvisorie (Cass. 14 gennaio 1992 n. 325, in motivazione; Cass. 13 maggio 1987 n. 4423).

4. Neppure l’argomento dell’eseguibilità della sentenza provvisoriamente esecutiva inficia le motivazioni in diritto fin qui sviluppate per l’esclusione della compensabilita, visto che:

la provvisorietà dell’accertamento in separato giudizio non può provocare l’effetto dell’estinzione, la quale investe – elidendola irrimediabilmente – la stessa sussistenza, ontologicamente considerata, della ragione di credito e non già soltanto e semplicemente la sua idoneità a fondare un’esecuzione;

– l’eseguibilità non attiene quindi alla certezza, ma solo all’esigibilità del credito, riguardando il diverso profilo della tutela anticipata del medesimo, mediante la sua immediata azionabilità;

– l’estensione analogica invocata dalla ricorrente è priva quindi di qualunque fondamento, per la radicale diversità delle fattispecie considerate.

5. Il ricorso va pertanto rigettato, mentre sulle spese del giudizio di legittimità può omettersi di provvedere, avendovi rinunciato, con la dichiarazione resa alla discussione orale, il vittorioso controricorrente.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; nulla per le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della terza sezione civile della Corte suprema di cassazione, il 7 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 12 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA