Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8302 del 25/03/2019

Cassazione civile sez. lav., 25/03/2019, (ud. 23/01/2019, dep. 25/03/2019), n.8302

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – rel. Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26755/2013 proposto da:

LO SCORPIONE S.R.L., IN LIQUIDAZIONE C.F. (OMISSIS), in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA, PIAZZALE CLODIO 18, presso lo studio dell’avvocato DANILO

LUSSO, rappresentata e difesa dall’avvocato ALESSANDRO LIBERATORI,

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F.

(OMISSIS), in persona del suo Presidente e legale rappresentante pro

tempore, in proprio e quale mandatario della S.C.C.I. S.P.A.

Società di Cartolarizzazione dei Crediti I.N.P.S. C.F. (OMISSIS),

elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto, rappresentati e difesi dagli

avvocati ANTONINO SGROI, DE ROSE EMANUELE, CARLA DALOISIO, LELIO

MARITATO, GIUSEPPE MATANO;

I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI

INFORTUNI SUL LAVORO C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

IV NOVEMBRE 144, presso lo studio degli avvocati GIANDOMENICO

CATALANO, LORELLA FRASCONA’, che lo rappresentano e difendono;

– controricorrenti –

e contro

EQUITALIA GET S.P.A.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 339/2013 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE,

depositata il 07/08/2013 r.g.n. 637/2011.

Fatto

RILEVATO

che:

1. con sentenza del 7 agosto 2013, la Corte di Appello di Firenze confermava le decisioni del Tribunale di Arezzo di rigetto delle opposizione proposte con due separati ricorsi dalla società Lo Scorpione s.r.l. ad altrettante cartelle esattoriali con le quali l’INPS, in proprio e nella indicata qualità, e l’INAIL avevano chiesto il pagamento di contributi evasi e sanzioni civili, premi assicurativi INAIL afferenti i rapporti di lavoro subordinato relativi a 25 lavoratori, nel periodo novembre 2006 – marzo 2007;

2. la Corte territoriale osservava che: le pretese di cui alle opposte cartelle traevano origine dal verbale di accertamento del 31 maggio 2007 della Guardia di Finanza Brigata San Sepolcro nei confronti della Albachiara s.r.l. la quale, in forza di contratto di affitto di azienda stipulato nel novembre 2006 con la società Lo Scorpione s.r.l., aveva acquistato la gestione del locale di intrattenimento denominato “Lo Scorpione”; in esito a tale accertamento, infatti, la Guardia di Finanza aveva ritenuto che la Albachiara s.r.l. avesse solo apparentemente assunto la gestione del locale rimasto sempre effettivamente nelle mani della società cedente in persona del suo legale rappresentante M.G. i venticinque lavoratori trovati in servizio presso il detto locale dai militari all’atto dell’ispezione avevano tutti dichiarato di prendere le direttive dal M. dal quale erano anche retribuiti nonostante nessun rapporto di lavoro fosse stato mai formalizzato; nessuno di detti lavoratori aveva riferito di prendere disposizioni dal legale rappresentante della Albachiara s.r.l., G.M. e che al momento dell’accesso dei militari nel detto locale era stato trovato il M. il quale aveva presenziato alle operazioni di verifica dimostrando la sostanziale inattività del G.; tutti i predetti elementi erano coerenti tra loro ed idonei a ricondurre all’apparente cedente (Lo Scorpione s.r.l.) i rapporti di lavoro dei numerosi addetti al locale; la opponente società, inoltre, non aveva mai contestato la qualificazione subordinata dei rapporti di lavoro implicita nelle pretese recuperatorie dell’INPS;

3. per la cassazione di tale decisione propone ricorso la società affidato a tre motivi cui resistono con separati controricorsi l’INPS, in proprio e nella qualità, e l’INAIL;

4. la ricorrente ha depositato memoria ex art. 378 c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

che:

5. con il primo motivo di ricorso si deduce omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5) per avere la Corte territoriale omesso di esaminare il fatto decisivo che a provvedere all’assunzione, a pagare e a dare le istruzioni di lavoro era stato il M. – legale rappresentante non solo della società Lo Scorpione s.r.l. ma anche di altre – personalmente e che nessuno mai aveva affermato che il predetto avesse agito quale amministratore de Lo Scorpione s.r.l., sicchè era del tutto errato individuare in quest’ultima l’effettivo gestore dei rapporti di lavoro dei soggetti trovati al lavoro al momento dell’accesso della Guardia di Finanza; con il secondo motivo viene dedotta violazione e falsa applicazione dell’art. 1415 c.c. e difetto di legittimazione attiva degli istituti per avere la Corte d’appello ritenuto simulato il contratto di affitto di azienda intercorso tra Lo Scorpione s.r.l. e la Albachiara s.r.l. relativo al locale da ballo contraddistinto dall’insegna “Lo Scorpione” nonostante tanto l’INPS che l’INAIL non avessero provato nè la predetta simulazione nè che la stessa pregiudicava i loro preesistenti diritti nei confronti della società Lo Scorpione; con il terzo motivo si lamenta la “violazione dell’art. 360 c.p.c., n. 5, in relazione al fatto decisivo dell’insussistenza del “pregiudizio” non avendo il giudice del gravame considerato la mancata prova della esistenza di un pregiudizio degli istituti laddove, invece, agli atti era stata acquisita la prova dell’esatto contrario costituita dall’accertamento dell’Agenzia delle Entrate nei confronti di Albachiara s.r.l. da cui si evinceva che quest’ultima si era avvalsa del ravvedimento operoso per sanare la propria posizione fiscale così, dunque, risultando del tutto smentito l’assunto della Guardia di Finanze secondo cui detta scoietà sarebbe stata costituita al solo fine di preservare la cedente Lo Scorpione s.r.l. dalle imposte e tasse connesse alla gestione del (cale da ballo;

6. che il primo motivo è inammissibile non presentando alcuno dei requisiti richiesti dall’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 (come modificato dal D.L. 22 giugno 2012, n. 83, art. 54, comma 1, lett. b), conv. con modifiche in L. 7 agosto 2012, n. 134) così come interpretato dalle sezioni unite di questa Corte (Cass. SU n. 8053 del 07/04/2014) finendo con il lamentare non l’omesso esame di un fatto inteso nella sua accezione storico-fenomenica (e quindi non un punto o un profilo giuridico), un fatto principale o primario (ossia costitutivo, impeditivo, estintivo o modificativo del diritto azionato) o secondario (cioè un fatto dedotto in funzione probatoria) bensì la interpretazione che la Corte territoriale aveva effettuato delle risultanze istruttorie finendo in tal modo per sollecitare una rivisitazione del merito della controversia non ammissibile in questa sede. Peraltro, la Corte territoriale, nell’impugnata sentenza, ha con una motivazione ampia ed esaustiva evidenziato come dal complesso degli elementi raccolti nell’espletata istruttoria fosse emerso che i venticinque lavoratori trovati dai militari della Guardia di Finanze in servizio presso il locale “Lo Scorpione” al momento dell’accesso

e privi di un regolare contratto di lavoro fossero riconducibili alla società Lo Scorpione s.r.l. di cui il M. era legale rappresentante;

7. il secondo motivo è del tutto infondato in quanto, come evidenziato nella impugnata sentenza, ciò che era controverso era la individuazione di chi fosse il titolare dei venticinque rapporti di lavoro subordinato in discussione in assenza di una qualsiasi loro formalizzazione e, quindi, la individuazione del soggetto tenuto per legge al versamento dei contributi e dei premi assicurativi rispettivamente all’INPS ed all’INAIL; in altri termini, come chiaramente detto dalla Corte d’appello, il fatto che Albachiara s.r.l. fosse la formale cessionaria dell’affitto di azienda nulla provava circa la pretesa riconducibilità ad essa dei predetti rapporti di lavoro. Peraltro il credito degli istituti verso la società Lo Scorpione s.r.l. – e quindi la loro legittimazione attiva – derivava dall’accertamento della sussistenza dei rapporti di lavoro subordinato non regolarizzati;

8. il terzo motivo è infondato avendo la Corte territoriale considerato irrilevante la circostanza che l’accertamento fiscale nei confronti della Albachiara s.r.l. fosse stato definito; in effetti il motivo, al pari del primo, finisce con l’impingere nel merito chiedendo una nuova e diversa valutazione di risultanze istruttorie già scrutinate dal giudice del gravame; pertanto, il ricorso va rigettato;

9. nella memoria ex art. 378 c.p.c., è stato evidenziato come alcune tra le sanzioni di cui alle opposte cartelle erano state irrogate in applicazione del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, art. 54, comma 1 lett. b), convertito, con modificazioni, dalla L. 4 agosto 2006, n. 248, art. 1, comma 1 – che ha modificato il D.L. 22 febbraio 2002, n. 12, art. 3, comma 3, convertito, con modificazioni, dalla L. 23 aprile 2002, art. 1, comma 1, n. 73 n. 254 del 2014 – norma dichiarata incostituzionale con sentenza n. 254/2014 dalla Corte Costituzionale nella parte in cui stabilisce: “L’importo delle sanzioni civili connesse all’omesso versamento dei contributi e premi riferiti a ciascun lavoratore di cui al periodo precedente non può essere inferiore a Euro 3.000, indipendentemente dalla durata della prestazione lavorativa accertata”;

10. per costante giurisprudenza di questa Corte (ex multis, Cass. n. 26275 del 14/12/2007; Cass. n. 15809 del 28 luglio 2005), le sentenze di accoglimento di una questione di legittimità costituzionale pronunciate dalla Corte Costituzionale hanno effetto retroattivo, in quanto connesse a una dichiarazione di illegittimità che inficia fin dall’origine la dichiarazione colpita, con l’unico limite delle situazioni già consolidate, attraverso quegli eventi che l’ordinamento riconosce idonei a produrre tale effetto, tra i quali si collocano non solo la sentenza passata in giudicato (e l’atto amministrativo non più impugnabile), ma anche altri fatti rilevanti sul piano sostanziale o processuale, quali, ad esempio, la prescrizione e la decadenza;

11. pertanto, va cassata la sentenza oggetto di impugnazione nella parte in cui ha fatto applicazione dell’abrogato della L. n. 248 del 2006, art. 1, comma 1, con rinvio alla Corte d’appello di Firenze in diversa composizione che provvederà a detrarre dalle somme di cui alle opposte cartelle quelle irrogate come sanzioni civili ai sensi della predetta norma dichiarata incostituzionale con sentenza n. 254/2014 della Corte Costituzionale in applicazione dei principi ivi affermati provvedendo anche in ordine alle spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

La Corte, provvedendo sul ricorso cassa l’impugnata sentenza e rinvia

alla Corte d’Appello di Firenze in diversa composizione anche per le

spese del presente giudizio.

Così deciso in Roma, a seguito di riconvocazione, il 21 febbraio 2019.

Depositato in Cancelleria il 25 marzo 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA