Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8282 del 25/03/2019

Cassazione civile sez. II, 25/03/2019, (ud. 23/10/2018, dep. 25/03/2019), n.8282

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. ORILIA Lorenzo – Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 25832/2017 proposto da:

R.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA POMPEO MAGNO

2/B, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE PICONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato ORLANDO MARIO CANDIANO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro pro

tempore;

– intimato –

avverso il decreto della CORTE D’APPELLO di BARI, depositato il

07/09/2017, R.G.n. 351/2017 V.G., Cron. 2730/2017;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

23/10/2018 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE TEDESCO.

Fatto

RITENUTO

che:

– R.G. ha proposto ricorso per cassazione contro il decreto della Corte d’appello di Bari, che (confermando la decisione del giudice monocratico) ha liquidato in suo favore, a titolo di equa riparazione per irragionevole durata di un processo pensionistico, il minimo indennizzabile con la riduzione di un terzo, riconoscendo in un solo anno il ritardo rispetto alla durata ragionevole del processo stesso;

– il ricorso è proposto sulla base di quattro motivi;

– il Ministero della Giustizia ha resistito con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– il ricorso è inammissibile.

– esso è stato notificato a mezzo del servizio postale, tuttavia non è stato prodotto l’avviso di ricevimento;

– ciò determina, appunto, l’inammissibilità del ricorso per cassazione (Cass. n. 627/2008; n. 26108/2015);

– è stato chiarito che, in presenza di più intimati, la possibile applicazione dell’art. 331 c.c., implica che per almeno uno dei destinatari vi sia la prova del perfezionamento della notificazione (cfr. Cass., S.U., n. 14124/2010);

– nel caso in esame tale prova manca;

– nulla sulle spese.

P.Q.M.

dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile, il 23 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 25 marzo 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA