Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8217 del 30/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 30/03/2017, (ud. 18/01/2017, dep.30/03/2017),  n. 8217

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. MANZON Enrico – rel. Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 64-2016 proposto da:

B.E., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FRANCO SACCHI

XII 125, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPINA STILLITANI, che

la rappresenta e difende giusta procura speciale in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope

legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2698/28/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di ROMA del 27/04/2015, depositata il 13/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 18/01/2017 dal Consigliere Relatore Dott. ENRICO

MANZON;

disposta la motivazione semplificata su concorde indicazione del

Presidente e del Relatore.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

Con sentenza in data 13 maggio 2015 la Commissione tributaria regionale del Lazio accoglieva l’appello proposto dall’Agenzia delle entrate, ufficio locale, avverso la sentenza n. 4605/1/14 della Commissione tributaria provinciale di Roma che aveva accolto il ricorso di Bella Elvira contro la cartella di pagamento IRPEF ed altro 2006.

La CTR osservava in particolare che la contribuente non aveva adeguatamente comprovato di avere subito – quale sostituito di imposta – la parte delle ritenute d’acconto disconosciute dall’ Ente impositore.

avverso la decisione ha proposto ricorso per cassazione la contribuente deducendo due motivi.

Resiste con controricorso l’Agenzia delle entrate.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

Con il primo motivo – ex art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3-4, – la ricorrente si duole di falsa applicazione di diverse disposizioni legislative e di vizio motivazionale in ordine alla questione della mancata produzione delle certificazioni dei sostituti relativamente alle ritenute d’imposta in questione.

Con il secondo motivo – ex art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3-5, – la ricorrente lamenta falsa applicazione del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 35, e vizio motivazionale in ordine alla affermata sua solidarietà passiva nell’obbligazione d’imposta.

Le censure, da esaminarsi congiuntamente per stretta connessione, sono infondate.

Anzitutto va rilevato che la ratio decidendi della sentenza impugnata non involge la questione della tipicità della prova di cui è onerata la contribuente, giacchè anzi al contrario afferma l’atipicità della stessa, nel senso che la circostanza di aver subito ritenute a titolo acconto può essere data oltre che con la produzione delle certificazioni dei sostituti, anche con altri mezzi.

Ciò posto, la prima censura sottopone dunque a questa Corte un giudizio – che le è evidentemente inibito – sul merito della valutazione probatoria data dal giudice di appello, il quale ha appunto negato l’assolvimento dell’onere probatorio della contribuente sulla circostanza di fatto, contestata dall’Agenzia delle entrate, ufficio locale, di aver subito le ritenute d’acconto di cui alla cartella esattoriale impugnata.

Quanto alla seconda censura, anch’essa non pertinente a detta ratio decidendi della sentenza impugnata, va comunque rilevato che è consolidato orientamento di questa Corte che il rapporto che si costituisce tra il sostituto d’imposta e il sostituito è quello dell’obbligazione solidale passiva con il fisco (cfr. Sez. 5, Sentenza n. 19034 del 10/09/2014; Sez. 6-5, Ordinanza n. 12706 del 13/06/2016). Tuttavia va osservato che la diversa ratio decidendi del giudice di appello non consiste nella affermazione del vincolo giuridico dell’obbligazione solidale tra sostituto e sostituito in caso di ritenuta a titolo di acconto), quanto nella considerazione, meramente di fatto, che la contribuente non ha assolto il proprio onere di provare di aver subito le ritenute oggetto della contestazione erariale, con la conseguente sussistenza del debito d’imposta corrispondente esclusivamente a carico della contribuente stessa quale “possessore” del reddito tassabile.

Il ricorso va dunque rigettato.

PQM

La Corte rigetta il ricorso; condanna la ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio che liquida in Euro 2.300 oltre spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 18 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 30 marzo 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA