Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8215 del 22/03/2019

Cassazione civile sez. lav., 22/03/2019, (ud. 29/01/2019, dep. 22/03/2019), n.8215

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe – Presidente –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Fabrizio – rel. Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 12098-2014 proposto da:

G.M.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA RENO 21,

presso lo studio dell’avvocato ROBERTO RIZZO, che la rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

POSTE ITALIANE S.P.A. (OMISSIS), in persona del legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE EUROPA 190,

(AREA LEGALE TERRITORIALE CENTRO DI POSTE ITALIANE), presso lo

studio dell’Avvocato DORA DE ROSE, rappresentata e difesa

dall’avvocato VITO CIRIELLO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3870/2013 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 13/11/2013 R.G.N. 505/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

29/01/2019 dal Consigliere Dott. FABRIZIO AMENDOLA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PEDICINI Ettore, che ha concluso per: accoglimento primo motivo del

ricorso, assorbimento del terzo;

udito l’Avvocato PASQUALE DI ISSO per delega verbale Avvocato VITO

CIRIELLO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. La Corte di Appello di Lecce, con sentenza pubblicata il 13.11.2013, ha respinto il gravame proposto da G.M.G., confermando la decisione di primo grado, che aveva rigettato il ricorso proposto nei confronti di Poste Italiane S.p.A. volto ad ottenere la dichiarazione di nullità dell’apposizione del termine al contratto di lavoro quale portalettere presso l’ufficio di (OMISSIS) intercorso tra il 1 gennaio ed il 30 settembre del 1999.

2. La Corte ha ritenuto che “l’inerzia del lavoratore che si sia protratta per un considerevole lasso di tempo dalla scadenza di un contratto a tempo determinato che si assume nullo costituisce condotta socialmente tipica idonea a perfezionare la risoluzione per mutuo consenso”; ha argomentato che “anche in mancanza di ulteriori elementi”, il fatto che la lavoratrice non avesse promosso alcuna azione in un notevole periodo di tempo trascorso dalla cessazione del rapporto di lavoro poteva essere valutata come “valido motivo di insussistenza di una volontà della medesima di ricostituire il rapporto stesso”.

3. Per la cassazione di tale sentenza ha proposto ricorso G.M.G. con 3 motivi cui ha resistito Poste Italiane S.p.A. con controricorso.

La ricorrente ha comunicato memoria.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. I motivi di ricorso possono, come di seguito, essere sintetizzati.

1.1 Il primo motivo contesta “violazione e/o falsa applicazione dell’art. 1372 c.c. (art. 360 c.p.c., n. 3)”. Precisamente, parte ricorrente ritiene che a sentenza gravata è erronea nella parte in cui afferma che “anche in mancanza di ulteriori elementi l’avvenuto decorso di un tale periodo di tempo dalla cessazione del rapporto di lavoro senza che la lavoratrice stessa abbia promosso alcuna azione può essere valutato come valido motivo di insussistenza di una volontà della medesìma di ricostruire il rapporto stesso…”, poichè in contrasto con la consolidata giurisprudenza di legittimità, la quale richiede una necessaria verifica di “una volontà chiara e certa delle parti di volere, d’accordo tra loro, porre definitivamente fine al rapporto di lavoro”.

1.2 I secondo motivo deduce “violazione o falsa applicazione dell’art. 2727 c.c. e art. 2729 c.c., comma 1 (art. 360 c.p.c., n. 3)”. A dire della ricorrente, “i fatti noti” presi in considerazione dalla Corte territoriale, ossia durata del contratto e protratta inerzia della lavoratrice – “per risalire a quello ignorato (…) dell’accordo di risoluzione del rapporto a tempo indeterminato che sarebbe stato concluso tra le parti” – difettano dei “crismi necessari della gravità, precisione e concordanza”. Contrariamente, le emergenze in atti, ossia “le richieste di riassunzione in servizio con raccomandata a.r.”, avevano evidenziato l’interesse della lavoratrice alla prosecuzione del rapporto con Poste.

1.3 Il terzo motivo denuncia “violazione dell’art. 2729 c.c., comma 2 (art. 360 c.p.c., n. 3)”, lamentando che “la presunzione semplice sulla quale ha poggiato il rigetto del gravame non avrebbe potuto essere operata dai Giudici d’appello”, per il divieto di cui all’art. 2721 c.c..

2. I motivi, congiuntamente esaminabili per connessione reciproca, sono fondati nei limiti segnati dalla motivazione che segue.

Secondo le Sezioni unite civili di questa Corte (sent. n. 21691 del 27 ottobre 2016), premesso il dato normativo dell’art. 1372 c.c., comma 1, salvo che non sia richiesta la forma scritta ad substantiam, il mutuo consenso sullo scioglimento del rapporto può essere desumibile da comportamenti concludenti.

Con specifico riferimento al caso dei contratti a tempo determinato detta sentenza ha avallato l’orientamento giurisprudenziale in base al quale la durata rilevante del comportamento omissivo del lavoratore nell’impugnare la clausola che fissa il termine può considerarsi “indicativa della volontà di estinguere il rapporto di lavoro tra le parti”, ma sempre che “concorra con altri elementi convergenti” che inequivocabilmente palesino la volontà risolutiva, con giudizio che attiene al merito della controversia (per tutte v. Cass. n. 29781 del 2017).

Occorre quindi che il decorso del tempo sia accompagnato da ulteriori circostanze fattuali, le quali siano complessivamente apprezzate dal giudice di merito inducendo il convincimento del medesimo, anche per la loro combinazione, nel senso che esse denotino una volontà chiara del lavoratore di porre fine definitivamente al rapporto di lavoro con la controparte.

Erra in diritto, pertanto, la Corte sarda laddove afferma che il mero decorso del tempo tra la cessazione del rapporto di lavoro e l’impugnazione del contratto costituisca “condotta socialmente tipica idonea a perfezionare la risoluzione per mutuo consenso” anche “in mancanza di ulteriori elementi”.

La selezione del solo elemento temporale, senza che siano valorizzati ulteriori comportamenti tenuti dalle parti, impone la cassazione della sentenza impugnata (da ultimo: Cass. n. 7692 del 2018), affinchè il giudice del rinvio possa rivalutare l’intera vicenda storica, argomentando in modo appropriato su eventuali circostanze ulteriori che, unitamente al decorso di un tempo rilevante, possano adeguatamente sorreggere il ragionamento inferenziale circa la prova del mutuo consenso sullo scioglimento del rapporto.

3. Conclusivamente il ricorso va accolto nei sensi espressi dalla presente motivazione, con cassazione della sentenza impugnata e rinvio alla Corte di Appello indicata in dispositivo che si uniformerà a quanto statuito, regolando anche le spese.

PQM

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte di Appello di Bari, anche per le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 29 gennaio 2019.

Depositato in Cancelleria il 22 marzo 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA