Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8210 del 27/04/2020

Cassazione civile sez. I, 27/04/2020, (ud. 26/11/2019, dep. 27/04/2020), n.8210

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BISOGNI Giacinto – Presidente –

Dott. GORJAN Sergio – Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 11323/2018 proposto da:

J.E., domiciliato in Roma, Piazza Cavour, presso la

Cancelleria Civile della Corte di Cassazione, rappresentato e difeso

dall’avvocato Annaloro Giovanni, giusta procura;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Interno;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di CALTANISSETTA, depositato il

25/01/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

26/11/2019 dal Cons. Dott. LA TORRE MARIA ENZA.

Fatto

RITENUTO

che:

J.E., cittadino del (OMISSIS), con ricorso notificato in data 29 marzo 2018, ricorre per la cassazione del decreto n. 169/2018 del 25 gennaio 2018, emesso dal Tribunale di Caltanissetta – Sezione Specializzata in materia di Immigrazione e Protezione Internazionale – che, su impugnazione avverso il diniego dell’istanza di concessione di protezione internazionale, sub species protezione sussidiaria ed in subordine protezione umanitaria, ha confermato la decisione di rigetto della Commissione Territoriale di Catania sez. Enna.

Il Tribunale, rilevato che il Ministero dell’interno non si era costituito in giudizio e ritenendo insussistenti i presupposti per il riconoscimento della domanda, ha rigettato il ricorso con decreto deciso in Camera di consiglio il 18 gennaio 2018, depositato il 25 gennaio 2018.

Il Ministero è rimasto intimato.

Diritto

CONSIDERATO

che:

Con l’unico motivo di ricorso si lamenta violazione dell’art. 101 c.p.c., in relazione all’art. 360, comma 1, n. 4, per avere il Tribunale pronunciato il decreto impugnato in dispregio alla regolare costituzione del contraddittorio, nonostante la rilevazione in sede di udienza di prima comparizione ed il conseguente rinvio, disposto dal Tribunale, per la rinnovazione della notifica al Ministero, all’udienza al 27 febbraio 2018, nonchè in assenza di istruttoria.

Il motivo è fondato.

Come emerge dagli atti di causa, consultabili da questa Corte in relazione all’error in procedendo denunciato, all’udienza di comparizione delle parti (del 15.11.2017) il Giudice, rilevata la irregolare indicazione della Commissione territoriale (erroneamente indicata in quella di Siracusa) e il mancato deposito della documentazione relativa al procedimento, provvedeva a disporre il rinnovo della notifica alla competente Commissione territoriale di Catania sezione di Enna; all’udienza del 9 gennaio 2018, non risultando effettuata la disposta notifica, fissava l’udienza di comparizione al 27.2.2018, disponendo la notifica del ricorso e della fissazione di udienza al Ministero dell’interno, presso la competente Commissione territoriale, e al P.M.. Tuttavia, all’udienza del 18 gennaio 2018, il Tribunale decideva il ricorso, rigettandolo, con decreto depositato in data 25 gennaio 2018.

Appare quindi palese la violazione del contraddittorio.

Il decreto impugnato, emesso prima dell’udienza appositamente fissata, così privando le parti dell’esercizio del contraddittorio, con le connesse facoltà di modificare domande ed eccezioni, allegare fatti nuovi e formulare richieste istruttorie sulla questione, è pertanto nullo, per violazione del diritto di difesa. Esso va pertanto cassato, con rinvio al Tribunale di Caltanissetta, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa il decreto impugnato e anche per le spese, al Tribunale di Caltanissetta.

Così deciso in Roma, il 26 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 27 aprile 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA