Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8190 del 27/04/2020

Cassazione civile sez. II, 27/04/2020, (ud. 24/09/2019, dep. 27/04/2020), n.8190

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. GORJAN Sergio – rel. Consigliere –

Dott. BELLINI Ubaldo – Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 12534/2017 proposto da:

Avv. B.L., in proprio, ed elettivamente domiciliato presso il

proprio studio in PIOLTELLO (MI) VIA JACOPO della QUERCIA 4;

– ricorrente –

contro

MINISTERO dell’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1528/2016 del TRIBUNALE di PAVIA, pubblicata

l’8/11/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

24/09/2019 dal Consigliere Dott. UBALDO BELLINI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con ricorso della L. n. 689 del 1981, ex art. 22, depositato in data 29.6.2015, l’Avv. B.L. impugnava l’ordinanza ingiunzione del PREFETTO di PAVIA del 9.4.2015 avanti al Giudice di Pace di Vigevano, chiedendo – previa sospensione della medesima ordinanza-ingiunzione – accertare e dichiarare la nullità e/o illegittimità della medesima per i motivi indicati in premessa.

Si costituiva in giudizio il Prefetto di Pavia, chiedendo il rigetto del ricorso e producendo verbale di accertamento, ricorso e relative controdeduzioni, oltre a ordinanza ingiunzione.

Con sentenza n. 429/2015, resa inter partes in data 17.11.2015 e depositata in cancelleria in data 24.11.2015, il Giudice di Pace di Vigevano rigettava il ricorso confermando l’ordinanza ingiunzione e compensando le spese di lite.

Avverso la sentenza proponeva appello l’Avv. B..

L’atto di appello, notificato presso l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Milano, è stato proposto nei confronti del MINISTERO dell’INTERNO, il quale si è costituito eccependone l’inammissibilità per essere l’impugnazione stata promossa nei confronti di soggetto passivamente non legittimato, e comunque l’infondatezza.

Con sentenza n. 1528/2016, resa ex art. 281 sexies c.p.c., in data 8.11.2016, il Tribunale di Pavia dichiarava inammissibile l’appello proposto dal B. nei confronti del Ministero dell’Interno e lo condannava alle spese di lite.

Avverso detta sentenza propone ricorso per cassazione l’avv. B.L. sulla base di un motivo. L’intimato Ministero dell’Interno non ha svolto difese.

1. – Con l’unico motivo, il ricorrente lamenta la “Violazione e falsa applicazione della L. n. 260 del 1958, art. 4, art. 111 Cost., comma 2 e dell’art. 24 Cost., comma 1”, giacchè il Tribunale ha erroneamente escluso la sanatoria prevista dalla L. n. 260 del 1958, art. 4, ponendosi in contrasto con il costante orientamento giurisprudenziale della Suprema Corte a Sezioni Unite, secondo il quale la norma citata deve ritenersi applicabile anche quando l’errore di identificazione riguardi distinte e autonome soggettività di diritto pubblico ammesse al patrocinio dell’Avvocatura dello Stato (Cass. SS.UU. n. 8516 del 2012). Invece, il Tribunale di Pavia ha ritenuto fondata l’eccezione di inammissibilità sollevata dal Ministero, affermando che, in materia di sanzioni amministrative, nel giudizio di opposizione è passivamente legittimata la sola autorità amministrativa che abbia emesso l’ordinanza ingiunzione, che è anche l’unica legittimata all’impugnazione della sentenza conclusiva del giudizio.

1.1. – Il motivo non è fondato.

1.2. – Costituisce principio consolidato che, nel giudizio di opposizione all’ordinanza con cui viene irrogata una sanzione amministrativa, ai sensi della L. 24 novembre 1981, n. 689, art. 23, legittimata passiva è l’autorità che ha emesso l’ordinanza, anche quando si tratti di organo periferico dell’amministrazione statale, il quale agisce in virtù di una specifica autonomia funzionale che comporta deroga a quanto stabilito dal R.D. 30 ottobre 1933, n. 1611, art. 11, comma 1 (come sostituito dalla L. 25 marzo 1958, n. 260, art. 1), in tema di rappresentanza in giudizio dello Stato, e alla speciale sanatoria prevista dall’art. 4 della citata L. n. 260 del 1958; tale legittimazione resta ferma anche nella successiva fase di impugnazione davanti alla Corte di Cassazione, giacchè nella disciplina dell’art. 23 cit., non si rinviene alcun elemento da cui possa desumersi che alla legittimazione in primo grado dell’autorità che ha emesso il provvedimento sanzionatorio subentri, nella fase di impugnazione, la legittimazione (secondo la regola ordinaria) del Ministro; con la conseguenza che il ricorso per cassazione proposto nei confronti del Ministro, anzichè nei confronti dell’autorità che ha emesso l’ordinanza, è inammissibile (Cass. n. 15596 del 2006).

Ancora recentemente tali affermazioni sono state ribadite da questa Corte che ha affermato che nel giudizio di opposizione è passivamente legittimata la sola autorità amministrativa che abbia emesso l’ordinanza ingiunzione, la quale è pure l’unica attivamente legittimata all’impugnazione della sentenza conclusiva del giudizio (Cass. n. 21511 del 2008; Cass. n. 12742 del 2007).

1.3. – Non vale dunque il richiamo a quanto affermato dalle Sezioni unite (Cass. sez. un. 8516 del 2012), secondo cui la L. 25 marzo 1958, n. 260, art. 4, deve ritenersi applicabile anche quando l’errore d’identificazione riguardi distinte ed autonome soggettività di diritto pubblico ammesse al patrocinio dell’Avvocatura dello Stato (nella specie, Agenzia delle Entrate e Ministero della Giustizia); ma, nel contempo, in forza dell’ineludibile principio dell’effettività del contraddittorio, la sua operatività è circoscritta al profilo della rimessione in termini, con esclusione, dunque, di ogni possibilità di “stabilizzazione” nei confronti del reale destinatario, in funzione della comune difesa, degli effetti di atto giudiziario notificato ad altro soggetto e del conseguente giudizio (conf. Cass. n. 5314 del 2018; Cass. 358 del 2015).

Pertanto, correttamente il Giudice d’appello ha ribadito che unico soggetto legittimato a resistere alle domande dell’opponente – in questo giudizio come in primo grado – non possa essere che l’autorità emittente; e che trattandosi di impugnazione promossa nei confronti di soggetto non legittimato, non sia possibile dichiarare la nullità della notifica (erroneamente eseguita presso l’Avvocatura Distrettuale dello Stato) e autorizzarne la rinnovazione presso il Prefetto (sentenza impugnata, pagina 3). Laddove il giudice medesimo ha esattamente ritenuto che la sanatoria operi solo per il primo grado, nel quale invero l’autorità resistente era stata correttamente individuata; a tale proposito citando la sentenza di questa Corte (Cass. n. 2144 del 2001) secondo cui, in tema di legittimazione attiva e passiva nei giudizi in cui siano parti amministrazioni dello Stato, pur essendo indubbia l’unicità del soggetto al quale si riferisce l’azione di dette amministrazioni, al suo interno si distinguono i vari settori e sfere di azione e le rispettive competenze, che danno luogo a distinti centri di interesse, con la conseguenza che la legittimazione a stare in giudizio spetta agli organi delle amministrazioni di volta in volta istituzionalmente preposte a svolgere la singola attività di cui si tratta, senza che assuma rilievo in contrario la circostanza che la L. 25 marzo 1958, n. 260, art. 4, abbia previsto, nella ipotesi di procedimenti promossi da privati nei confronti di amministrazioni statali, che l’erronea indicazione dell’organo competente a stare in giudizio, comporta una nullità relativa sanabile, peraltro tuttavia limitatamente al solo momento della instaurazione del giudizio.

1.4. – Trattandosi di questione riguardante la legittimazione a stare in giudizio di una parte individuata erroneamente dalla controparte, non si ravvisano – con riferimento all’ambito ed alla latitudine della applicazione dei principi giurisprudenziali evocati – le denunciate volazioni del principio costituzionale del “giusto processo”, ovvero di effettività della tutela giurisdizionale, ulteriormente rafforzati dal nuovo testo dell’art. 111 Cost., nonchè dall’art. 24 Cost., che non appaiono nella specie ravvisabili, proprio in quanto l’errore circa la applicazione della regola processuale deriva direttamente dallo sviamento procedimentale conseguente alla condotta (negligente quanto alla scelta ed alla operatività dell’istituto) del soggetto che, poi, richiede la tutela rispetto alle conseguenze negative della scelta errata.

2. – Il ricorso va, pertanto, rigettato. Nulla per le spese in quanto l’intimato Ministero dell’Interno non ha svolto difese. Va emessa altresì la dichiarazione di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater.

PQM

La Corte rigetta il ricorso. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, dell’art. 13, ex comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 24 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 27 aprile 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA