Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8158 del 02/04/2010

Cassazione civile sez. I, 02/04/2010, (ud. 15/01/2010, dep. 02/04/2010), n.8158

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. MACIOCE Luigi – rel. Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

M.V., domiciliato in ROMA, presso la cancelleria della

Corte di Cassazione con l’avvocato CUCINELLA Luigi Aldo del Foro di

Napoli che lo rappresenta e difende giusta procura speciale a margine

del ricorso;

– ricorrente –

contro

Presidenza del Consiglio dei Ministri in persona del Presidente in

carica con l’Avvocatura generale dello Stato via dei Portoghesi 12

Roma che lo rappresenta e difende per legge;

– controricorrente –

Avverso il decreto n. 1753 cron. Della Corte d’Appello di Napoli dep.

il 28/03/2007;

udita la relazione della causa svolta nella Udienza pubblica del

15.01.2010 dal Consigliere Dott. MACIOCE Luigi;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SORRENTINO Federico, che ha concluso per l’accoglimento.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con decreto depositato il 28/3/2007 la Corte di Appello di Napoli, esaminando la domanda di riconoscimento di equo indennizzo proposta da M.V. contro il Presidente del Consiglio dei Ministri per la irragionevole durata di un processo innanzi al TAR Campania durato dal 24/1/2000 al 14/10/2005, ebbe a ritenere eccedente il ragionevole la durata di anni due e mesi nove ed a liquidare all’istante indennizzo per Euro 2.720,00, condannando pertanto l’Amministrazione al pagamento di detta somma.

Quanto al regime delle spese, la Corte di merito, preso atto del comportamento tenuto da parte resistente che, non oppostasi alla richiesta del ricorrente, non ha dato causa al giudizio necessario, ne ha disposto la integrale compensazione tra le parti Per la cassazione di tale decreto il M. ha proposto ricorso in data 18.10.2007, al quale l’intimata Presidenza ha opposto controricorso del 30.11.2007. Nel ricorso si censura, nei due motivi illustrati in memoria finale, per violazione di legge e vizio di motivazione, la decisione di compensare le spese in difformita’ dai parametri di cui agli artt. 91 e 92 c.p.c. e con motivazione illogica.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Ritiene il Collegio che debba essere accolto il ricorso per la evidente fondatezza della censura di illogicita’ della motivazione adottata a sostegno della pur legittima facolta’ di compensare le spese. Che, infatti, anche nel giudizio di equa riparazione, trovi applicazione la disciplina sulle spese per la quale il soccombente, quindi anche l’attore che abbia infondatamente chiesto l’indennizzo, possa essere condannato alla refusione delle spese e’ indiscutibile;

cosi’ come resta ferma la facolta’ del giudice di procedere a compensazione in relazione alla misura della soccombenza ovvero nella ricorrenza di giusti motivi. In tal senso questa Corte si e’ anche assai di recente espressa (Cass. n. 16542 del 2009). Ma va anche rammentato che la compensazione per giusti motivi, nella specie imponeva che essi dovessero essere esplicitati alla stregua del nuovo testo dell’art. 92 c.p.c.: al ricorso proposto dal M. il 27.7.2006 si applicava infatti il nuovo testo dell’art. 92 c.p.c., comma 2 ai sensi della L. n. 263 del 2005, art. 2, comma 4 che ha disposto l’applicazione delle modifiche ai procedimenti instaurati dopo l’1.3.2006. E di qui l’esigenza che sulla congruita’ logica di tale motivazione ben possa esercitarsi il sindacato di questa Corte (Cass. n. 7253 del 2009), avendo di mira una congruita’ che implica la rispondenza (logico – giuridica) della motivazione adottata al “sistema” dell’equa riparazione delineato dalle norme vigenti.

E tale congruita’ difetta totalmente nella motivazione adottata, quella per la quale, essendo il giudizio ex lege n. 89 del 2001 necessario per la liquidazione dell’indennizzo, la non opposizione della Presidenza all’an debeatur avrebbe integrato i giusti motivi in discorso. In primo luogo, la pretesa necessita’ del giudizio appare infatti insussistente, nulla ostando a che l’Amministrazione predisponga direttamente i mezzi per indennizzare in via stragiudiziale e secondo parametri congrui, chi lamenti il danno da eccessiva durata del processo. In secondo luogo, la non contestazione dell’an debeatur (al pari della mancata costituzione) da parte dell’Amministrazione puo’ forse rendere minore il “costo” del giudizio intrapreso ma non per questo giustifica che i costi di quel giudizio debbano rimanere a carico di chi rettamente agisce (non avendo avuto ristoro in via stragiudiziale). E non aver percepito la evidenza di tale premessa di sistema rende chiara la incongruita’ logica della contestata affermazione della Corte di Napoli.

Accolto il secondo motivo del ricorso segue la cassazione del decreto impugnato e, stante la mancanza di alcun residuo margine di accertamento o valutazione, deve essere emessa la decisione di merito ex art. 384 c.p.c. liquidandosi pertanto in favore del M. le spese, determinate per il merito in Euro 378,00 per diritti, Euro 445,00 per onorari ed Euro 50,00 per spese (oltre spese generali ed accessori di legge) e determinandosi le spese di questo giudizio di legittimita’ in Euro 565,00 per onorari ed Euro 100,00 per esborsi (oltre spese generali ed accessori) e disponendosi la distrazione delle due liquidazioni in favore dell’avv. Luigi Aldo Cucinella.

P.Q.M.

Accoglie il secondo motivo del ricorso, cassa il decreto impugnato e decidendo nel merito condanna la Presidenza controricorrente al pagamento delle spese del giudizio di merito liquidate in Euro 873,00 oltre spese generali ed accessori di legge ed a quelle del giudizio di legittimita’ liquidate in Euro 665,00 oltre spese generali ed accessori di legge, somme che distrae in favore del procuratore antistatario avv. L. A. Cucinella.

Cosi’ deciso in Roma, il 15 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 2 aprile 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA