Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 8129 del 22/03/2019

Cassazione civile sez. trib., 22/03/2019, (ud. 03/10/2018, dep. 22/03/2019), n.8129

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Presidente –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI Maria Giulia – Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 1670/2012 R.G. proposto da:

Agenzia delle dogane, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale

dello Stato, presso la quale è domiciliata in Roma, via dei

Portoghesi n. 12;

– ricorrente –

contro

C.S., rappresentata e difesa dall’Avv. Domenico Bechini,

con domicilio eletto presso l’Avv. Bartolo Spallina in Roma Piazza

Sallustio n. 39, giusta procura speciale in calce alla memoria ex

art. 378 c.p.c.;

– resistente –

e

Eredi di S.M.;

– intimati –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Toscana n. 186/13/10, depositata il 19 novembre 2010.

Udita la relazione svolta nella pubblica udienza del 3 ottobre 2018

dal Cons. Giuseppe Fuochi Tinarelli.

Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore

Generale Sorrentino Federico, che ha concluso per l’accoglimento del

ricorso.

Udito l’Avvocato dello Stato Anna Collabolletta per l’Agenzia delle

dogane che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Udito l’Avv. Domenico Bechini per C.S. che ha concluso

per il rigetto del ricorso.

Fatto

FATTI DI CAUSA

L’Agenzia delle dogane emetteva nei confronti della First General Trading (FGT) Sas, di C.S., legale rappresentante della FGT Sas, nonchè di S.M., spedizioniere doganale dipendente della FGT Sas, quali responsabili solidali, atti di contestazione per dazi e per Iva all’importazione per merci importate dalla Cina, poichè, in esito alle risultanze dell’attività di mutua assistenza amministrativa con la Repubblica Popolare Cinese, era emerso che le fatture allegate al certificato Form A erano diverse da quelle originali e il valore delle merci (nella specie, calzature e indumenti) superiore a quanto dichiarato.

L’Ufficio evidenziava, in particolare, che l’immissione in libera pratica era avvenuta a cura del sig. S.M., spedizioniere doganale professionista, il quale aveva dichiarato – senza tuttavia fornire la relativa procura – di agire in rappresentanza diretta dell’importatore, CCM di H.W., su incarico ricevuto dalla First General Trading Sas, di cui era dipendente, la quale, a sua volta, aveva ricevuto l’incarico dalla Atiesse Spa, in rapporti con il suddetto importatore.

I contribuenti impugnavano, con separati ricorsi, gli atti di contestazione. La Commissione provinciale tributaria di Pisa, previa riunione, li accoglieva.

La sentenza era confermata dal giudice d’appello.

L’Agenzia delle dogane ricorre per cassazione con due motivi. C.S. ha depositato comparsa nei termini ex art. 378 c.p.c., mentre gli altri contribuenti sono rimasti intimati.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. E’ pregiudiziale l’esame dell’integrità del contraddittorio, trattandosi di questione rilevabile d’ufficio.

2. L’impugnata sentenza della CTR della Toscana n. 186/13/10 è stata pronunciata, oltre che nei confronti di C.S. (che è subentrata anche alla First General Trading Sas, società estinta e cancellata dal registro delle imprese), anche nei confronti degli eredi di S.M. (deceduto nel corso del giudizio d’appello), nei cui confronti il giudizio è stato in quella sede riassunto.

3. Sussiste, dunque, una ipotesi di litisconsorzio processuale.

4. Il ricorso, peraltro, risulta notificato esclusivamente nei confronti di C.S., mentre manca la prova che sia stata effettuata la notifica nei confronti degli eredi del sig. S., sicchè va disposta l’integrazione del contraddittorio nei confronti di questi ultimi, previa la loro specifica identificazione.

P.Q.M.

La Corte dispone la rinnovazione delle notificazione del ricorso e l’integrazione del contraddittorio nei confronti degli eredi del sig. S.M., da identificarsi specificamente, fissando per entrambi gli adempimenti il termine di mesi tre dalla comunicazione della presente ordinanza.

Così deciso in Roma, il 3 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 22 marzo 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA