Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7879 del 31/03/2010

Cassazione civile sez. II, 31/03/2010, (ud. 28/01/2010, dep. 31/03/2010), n.7879

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – rel. Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso proposto da:

E.P.G., rappresentata e difesa dall’Avvocato

ZAMPELLA Arcangelo per procura speciale in calce al ricorso,

elettivamente domiciliata in Roma, Piazza Cavour, presso la

Cancelleria civile della Corte di Cassazione;

– ricorrenti –

contro

COMUNE DI CARDITO, in persona del Sindaco pro tempore;

– intimato –

avverso la sentenza del Giudice di pace di Afragola n. 1941/05,

depositata in data 10 novembre 2005.

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

28 gennaio 2010 dal Consigliere relatore Dott. Stefano Petitti;

lette le conclusioni del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale Dott. LECCISI Giampaolo, il quale ha chiesto l’accoglimento

del ricorso per manifesta fondatezza dei motivi;

sentito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

Giampaolo Leccisi, che si è riportato alle conclusioni scritte.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che E.P.G. ha proposto ricorso per cassazione, sulla base di quattro motivi, avverso la sentenza del Giudice di pace di Afragola, depositata in data 10 novembre 2005, con la quale è stata rigettata l’opposizione da essa proposta all’ordinanza-ingiunzione emessa dal Comune di Cardito per violazione del D.Lgs. n. 114 del 1998, art. 11, comma 4;

che in particolare, con il primo motivo di ricorso, la ricorrente ha dedotto violazione e falsa applicazione dell’art. 156 cod. proc. civ. e della L. n. 689 del 1981, artt. 18 e 23, denunciando la nullità della sentenza perchè il Giudice di pace non ha dato lettura in pubblica udienza del dispositivo della sentenza, cosi come prescritto dalla citata L. n. 689 del 1981, art. 23, comma 7;

che l’intimato Comune non ha svolto attività difensiva.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che appare necessario acquisire il fascicolo d’ufficio, che, pur essendone stata fatta richiesta dalla ricorrente, non è stato trasmesso dalla Cancelleria del Giudice di pace di Afragola;

che la causa deve quindi essere rinviata a nuovo ruolo.

P.Q.M.

La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo, mandando alla Cancelleria di sollecitare l’Ufficio del Giudice di pace di Afragola a trasmettere il fascicolo del procedimento iscritto al R.G. 30/C/2005.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 28 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 31 marzo 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA