Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7852 del 19/03/2021

Cassazione civile sez. VI, 19/03/2021, (ud. 16/12/2020, dep. 19/03/2021), n.7852

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LEONE Margherita Maria – rel. Presidente –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 14981-2019 proposto da:

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’AVVOCATURA CENTRALE

DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati CLEMENTINA

PULLI, MANUELA MASSA, PATRIZIA CIACCI;

– ricorrente –

contro

C.M.C.V.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1228/2018 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 15/01/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 16/12/2020 dal Presidente Relatore Dott. MARGHERITA

MARIA LEONE.

 

Fatto

RILEVATO

che:

La Corte di appello di Palermo con la sentenza n. 1228/2018 aveva confermato in parte la sentenza con la quale il tribunale di Termini Imerese aveva condannato l’Inps a corrispondere a C.M.C.V. l’indennità di accompagnamento dal 5.7.2013 ed aveva invece riformato la medesima sentenza in punto di decorrenza degli interessi legali sui singoli ratei di prestazione maturata. Per quel che in questa sede rileva, la corte territoriale, aveva ritenuto valida la decisione del tribunale relativa alla necessità che le eccezioni e contestazioni relative alle condizioni utili alla proponibilità della domanda per atp debbano essere proposte in quella sede e che, una volta intervenuta l’omologa del requisito sanitario in assenza di contestazioni, l’Inps, al quale è demandata nella ulteriore fase amministrativa la verifica degli ulteriori requisiti utili alla erogazione della prestazione, non possa più mettere in discussione le condizioni di proponibilità della domanda per atp quali la presenza della tempestiva domanda amministrativa.

Avverso tale decisione l’Inps proponeva ricorso affidato ad un solo motivo.

La C. rimaneva intimata.

Veniva depositata proposta ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

L’Inps depositava successiva memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1) Con unico motivo è dedotta la violazione e falsa applicazione dell’art. 445 bis c.p.c, comma 5; del D.L. n. 269 del 2003, art. 42, comma 3, convertito in L. n. 326 del 2003; art. 2697 c.c. Nullità della sentenza (in relazione all’art. 360 c.c., commi 3 e 4), per aver, la corte territoriale, violato il disposto dell’art. 445 bis c.p.c nella parte in cui il giudice dell’ATPO è chiamato a valutare solo il requisito sanitario e non gli altri requisiti utili al riconoscimento della prestazione.

Nel merito parte ricorrente rilevava che, secondo quanto emergente dagli atti di causa e di cui il giudice avrebbe dovuto tenerne conto, l’interessata era decaduta dalla possibilità di proporre ricorso giudiziario, poichè erano trascorsi più di sei mesi dalla comunicazione del verbale di visita sanitaria (verbale notificato il 1.8.2013 – deposito ricorso 10.3.2014). Tale decadenza, non rilevata dal giudice dell’ATPO, avrebbe potuto, a giudizio dell’Istituto, essere valutata anche successivamente dall’Inps in sede di erogazione e comunque eccepita nell’attuale ricorso giurisdizionale, rispetto al quale nessuna preclusione si era consumata.

La questione posta dal ricorso in esame riguarda la possibilità che, dopo la fase di omologa non opposta (o addirittura anche dopo la eventuale fase di opposizione), nel successivo giudizio relativo ai requisiti socioeconomici, l’INPS possa eccepire il difetto della mancanza di domanda amministrativa e degli altri presupposti processuali dell’accertamento sanitario già passato in giudicato che rilevano anche ai fini dell’accertamento degli altri requisiti e della condanna dell’INPS al pagamento della prestazione.

Con ordinanza interlocutoria (Cass. n. 18234/2019) medesima questione è stata rimessa alla Sezione Quarta perchè di rilievo nomofilattico.

il Collegio ritiene pertanto necessario il rinvio della presente controversia a nuovo ruolo in attesa della decisione della Sezione Quarta.

P.Q.M.

Rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, alla adunanza, il 16 dicembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 19 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA