Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7778 del 05/04/2011

Cassazione civile sez. II, 05/04/2011, (ud. 09/03/2011, dep. 05/04/2011), n.7778

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ODDO Massimo – Presidente –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – Consigliere –

Dott. BUCCIANTE Ettore – Consigliere –

Dott. MATERA Lina – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro pro

tempore, e CONSOB – COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA’ E LA BORSA,

in persona del Presidente pro tempore, rappresentati e difesi, per

legge, dall’Avvocatura generale dello Stato, e presso gli Uffici di

questa domiciliati in Roma, via dei Portoghesi, n. 12;

– ricorrenti –

contro

V.G.P.;

– intimato –

e contro

FINECO GROUP s.p.a., in persona del legale rappresentante pro

tempore;

– intimata –

avverso il decreto della Corte d’appello di Milano in data 2 dicembre

2004;

Udita la relazione della causa svolta nell’udienza pubblica del 9

marzo 2011 dal Consigliere relatore Dott. Alberto Giusti;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore

Generale Dott. SGROI Carmelo, che ha concluso per l’accoglimento del

primo motivo, assorbito il secondo.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

Con ricorso proposto dinanzi alla Corte d’appello di Milano, V. G.P. proponeva opposizione avverso il D.M. 2 marzo 2004, n. 20977, con il quale era stato ad esso ingiunto – nella qualita’ di responsabile della funzione di corporate audit della societa’ Fineco Group s.p.a. (gia’ Bipop Carire s.p.a.) -il pagamento di sanzione amministrativa pecuniaria per talune irregolarita’ riscontrate all’esito di accertamenti ispettivi disposti dalla Consob.

L’opponente deduceva diversi motivi di impugnativa, il primo dei quali relativo alla violazione della L. 7 agosto 1990, n. 241, art. 2.

Il Ministero dell’economia e delle finanze e la CONSOB, costituitisi, chiedevano il rigetto della proposta opposizione.

La Corte di appello disponeva l’integrazione del contraddittorio nei confronti della s.p.a. Fineco Group, la quale, ricevuta la notifica dell’atto di opposizione, non si costituiva.

Con decreto in data 2 dicembre 2004, la Corte di appello di Milano accoglieva la proposta opposizione e dichiarava l’illegittimita’ del decreto ministeriale opposto limitatamente alle sanzioni irrogate all’opponente V..

La Corte di appello riteneva fondato il primo motivo di opposizione – con assorbimento degli altri – con il quale il V. aveva dedotto la violazione delle norme dettate in tema di termini di conclusione del procedimento amministrativo di irrogazione della sanzione, di cui alla L. n. 241 del 1990, art. 2 e al D.M. 23 marzo 1992, n. 304, emanato in attuazione della citata L. n. 241 del 1990.

Avverso l’anzidetto decreto hanno proposto ricorso per cassazione il Ministero dell’economia e delle finanze e la CONSOB, sulla base di due motivi.

Gli intimati non hanno svolto attivita’ difensiva in questa sede.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. – Con il primo motivo di ricorso il Ministero e la CONSOB denunciano violazione del D.M. 23 marzo 1992, n. 304, artt. 2 e 6 (regolamento di attuazione della L. n. 241 del 1990), della L. n. 241 del 1990, art. 2, commi 2 e 3, e delle norme di legge e regolamentari in materia di termini di durata del procedimento amministrativo di natura non sanzionatoria.

Deducono i ricorrenti che, secondo il consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimita’, il mancato rispetto del termine previsto per l’inizio o la definizione del procedimento non comporta – al contrario di quanto affermato dalla Corte di appello – l’illegittimita’ del provvedimento tardivo in assenza di esplicita previsione della natura perentoria del termine o dell’effetto invalidante del mancato rispetto. La L. n. 241 del 1990, art. 2 pone un termine acceleratorio per la definizione dei procedimenti amministrativi al solo fine di garantire il buon andamento dell’azione amministrativa, senza contenere alcuna prescrizione in ordine alla perentorieta’ di detto termine.

Il motivo e’ fondato, dovendosi applicare il principio, di recente affermato dalle Sezioni unite di questa Corte nella sentenza 30 settembre 2009, n. 20929, secondo cui “in tema di sanzioni amministrative per violazione delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, per effetto dell’entrata in vigore della L. 7 agosto 1990, n. 241, art. 21-octies, comma 2, gli eventuali vizi del procedimento amministrativo previsto dal D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, art. 195 che si svolge innanzi alla Commissione nazionale per le societa’ e la borsa, non sono rilevanti , in ragione tanto della natura vincolata del provvedimento sanzionatorio, quanto della immodificabilita’ del suo contenuto. Tale disposizione, introdotta dalla L. 11 febbraio 2005, n. 15, art. 14 ha carattere processuale, ed e’ pertanto applicabile con effetto retroattivo anche ai giudizi di opposizione in corso, ancorche’ promossi in epoca successiva alla sua emanazione”.

In particolare le Sezioni unite hanno affermato che la delicata questione del mancato rispetto dei termini di cui alla L. n. 241 del 1990, art. 2 e al D.M. n. 304 del 1992, oggetto di contrasto nella giurisprudenza di legittimita’, deve essere risolta – al di la’ ed a prescindere dalla questione della natura perentoria, ordinatoria, acceleratoria ovvero sollecitatoria del termine in parola – sulla base di quanto disposto dall’art. 21-octies, inserito nel corpus normativo della L. n. 241 del 1990, cosi’ come introdotto dalla L. n. 15 del 2005.

Per effetto di tale innovativa disposizione, gli eventuali vizi del procedimento non sono, nella specie, rilevanti, in quanto risulta palese tanto la natura vincolata del provvedimento impugnato quanto la immodificabilita’ del relativo contenuto (cfr. Cass., Sez. 2^, 7 dicembre 2010, n. 24784, anche sulla portata retroattiva dello ius superveniens).

2. – Il primo motivo di ricorso va pertanto accolto, con assorbimento del secondo, logicamente subordinato al mancato accoglimento del primo.

Ne discende la cassazione dell’impugnato decreto.

La causa va rinviata ad altra sezione della Corte d’appello di Milano, la quale procedera’ ad un nuovo esame uniformandosi ai principi sopra enunciati e, superata e ritenuta infondata l’eccezione preliminare sollevata dall’opponente relativa alla asserita violazione della L. n. 241 del 1990, art. 2 e del citato D.M. n. 304 del 1992, provvedera’ ad esaminare gli altri motivi di opposizione non affrontati nel decreto impugnato perche’ ritenuti assorbiti.

Il giudice del rinvio provvedera’ anche sulle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

LA CORTE accoglie il primo motivo di ricorso, assorbito il secondo, cassa il decreto impugnato in relazione al motivo accolto e rinvia la causa, anche per le spese del giudizio di Cassazione, ad altra sezione della Corte di appello di Milano.

Cosi’ deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Seconda civile della Corte suprema di Cassazione, il 9 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 5 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA