Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7747 del 24/03/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 24/03/2017, (ud. 08/02/2017, dep.24/03/2017),  n. 7747

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – rel. Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3092/2016 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

RISCOSSIONE SICILIA SPA, Agente per la Riscossione per la provincia

di Catania, in persona del Direttore Generale pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA VIA CIRCONVALLAZIONE CLODIA 82,

presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE PENNISI, rappresentata e

difesa dall’avvocato FRANCESCO LOPEZ;

– controricorrente –

e contro

G.G., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

GIUSEPPINA PISTONE;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 384/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della SICILIA, SEZIONE DISTACCATA di CATANIA, depositata

il 29/01/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata dell’08/02/2017 dal Consigliere Dott. MAURO MOCCI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Preso atto:

che la Corte, costituito il contraddittorio camerale sulla relazione prevista dall’art. 380 bis c.p.c., delibera di procedere con motivazione sintetica;

che l’Agenzia delle Entrate propone ricorso per cassazione nei confronti della sentenza della Commissione tributaria regionale della Sicilia, che aveva rigettato il suo appello contro la decisione della Commissione tributaria provinciale di Catania. A sua volta, la CTP aveva accolto il ricorso di G.G. avverso una cartella di pagamento per imposte IRPEF, IVA ed IRAP degli anni 1999 – 2000, emessa da Riscossione Sicilia s.p.a.;

che, nella decisione impugnata, la CTR ha sostenuto come la produzione in grado di appello della notifica delle cartelle non sarebbe stata ammissibile, perchè contraria all’evoluzione giurisprudenziale ed al canone della ragionevole durata del processo, oltre a violare il diritto di difesa;

Ritenuto:

che il ricorso è affidato ad un motivo, col quale l’Agenzia deduce violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, artt. 57 e 58, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 4;

che la ricorrente osserva come, in primo grado, l’Ufficio avesse eccepito la tardività del ricorso introduttivo e chiesto l’inammissibilità. A fronte della motivazione della CTP circa la mancata prova di copia della ricevuta di ritorno, con l’appello aveva reiterato l’eccezione, allegando altresì il documento, D.Lgs. n. 546 del 1992, ex art. 58, comma 2. La predetta facoltà sarebbe stata riconosciuta alle parti, indipendentemente dall’impossibilità dell’interessato di produrlo in prima istanza per causa a lui non imputabile. La preclusione di cui all’art. 345 c.p.c., comma 3, non avrebbe inoltre trovato applicazione nell’ambito del processo tributario;

che il G. si è costituito con controricorso, concludendo per il rigetto del ricorso;

che si è costituita con controricorso anche Riscossione Sicilia s.p.a., aderendo al ricorso;

che il ricorso è fondato;

che, invero, secondo la consolidata giurisprudenza di legittimità, in materia di produzione documentale in grado di appello nel processo tributario, alla luce del principio di specialità espresso dal D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, art. 1, comma 2 – in forza del quale, nel rapporto fra norma processuale civile ordinaria e norma processuale tributaria, prevale quest’ultima – non trova applicazione la preclusione di cui all’art. 345 c.p.c., comma 3 (nel testo introdotto dalla L. 18 giugno 2009, n. 69), essendo la materia regolata dall’art. 58, comma 2, del citato D.Lgs., che consente alle parti di produrre liberamente i documenti anche in sede di gravame, sebbene preesistenti al giudizio svoltosi in primo grado (Sez. 5, n. 18907 del 16/09/2011; Sez. 5, n. 23616 del 11/11/2011);

che la CTR non si è attenuta ai principi di cui sopra; che deve pertanto procedersi alla cassazione della sentenza con rinvio alla CTR della Sicilia, in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di cassazione.

PQM

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione tributaria regionale della Sicilia, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese dei giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 8 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 24 marzo 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA