Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7718 del 05/04/2011

Cassazione civile sez. III, 05/04/2011, (ud. 16/02/2011, dep. 05/04/2011), n.7718

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PREDEN Roberto – Presidente –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. AMATUCCI Alfonso – rel. Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 21145-2006 proposto da:

D.S.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIALE BASTIONI DI MICHELANGELO 5-A, presso lo studio

dell’avvocato DIURNI VINCENZO, che lo rappresenta e difende giusta

delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

ASSIMOCO COMPAGNIA ASSICURATRICE S.P.A. (OMISSIS), in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA PRINCIPE AMEDEO 126, presso lo studio dell’avvocato CONFORTI

SERAFINO, rappresentato e difeso dall’avvocato ROMA ANTONIO giusta

delega in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

C.F.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 2335/2005 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

SEZIONE TERZA CIVILE, emessa il 21/4/2005, depositata il 24/05/2005

R.G.N. 6251/2002;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

16/02/2011 dal Consigliere Dott. ALFONSO AMATUCCI;

udito l’Avvocato SAVONI MONICA (per delega dell’Avv. DIURNI

VINCENZO);

udito l’Avvocato ROMA ANTONIO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SGROI Carmelo che ha concluso con il rigetto del ricorso.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

Che i congiunti di L.M., deceduto in un incidente stradale provocato da C.F. a bordo della cui vettura viaggiava come trasportato, agirono giudizialmente per il risarcimento nei confronti del medesimo e dell’assicuratrice Assimoco Assicurazioni s.p.a.;

il tribunale di Frosinone, pronunciando nella contumacia del C., accolse la domanda con sentenza n. 319 del 2002;

la corte d’appello di Roma, in parziale accoglimento del gravame dell’Assimoco, escluse il danno patrimoniale riconosciuto a favore della madre del defunto D.S.L., condannando solidalmente l’Assimoco ed il C. a pagarle la minor somma di Euro 232.122,28;

che avverso la sentenza ricorre per cassazione D.S.L., affidandosi a tre motivi, cui resiste con controricorso la sola società di assicurazioni;

che il Collegio ha disposto che sia redatta una motivazione semplificata;

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

coi primi due motivi di ricorso la ricorrente deduce nullità della sentenza per non essere stato il C. citato nel giudizio di appello e per non essere stata ordinata l’integrazione del contraddittorio in suo confronto, benchè ricorresse un’ipotesi di litisconsorzio necessario (della L. n. 990 del 1969, artt. 18 e 23, artt. 101 e 331 c.p.c.) e, col terzo, insufficiente e contraddittoria motivazione nella parte in cui la sentenza impugnata aveva escluso che l’abbandono del lavoro da parte della madre potesse considerarsi conseguenza della morte del figlio;

che i primi due motivi sono inammissibili per carenza di interesse da parte della ricorrente, alla quale non è concettualmente possibile che sia derivato alcun pregiudizio dalla mancata partecipazione al giudizio di appello del C., peraltro condannato anch’egli al risarcimento (cfr., sul punto, le osservazioni svolte da cass., n. 2461/2009);

che, invero, egli era portatore di un interesse opposto a quello dell’attuale ricorrente, il cui interesse alla cassazione della sentenza in non altro consiste che nella possibilità che, in un rinnovato giudizio, non sia ridotta l’entità del risarcimento;

che, tuttavìa, tale interesse non è giuridicamente rilevante e non è comunque dipendente dalla predicata nullità della sentenza;

che il terzo motivo è manifestamente infondato, in quanto involge un giudizio di fatto, supportato in sentenza da motivazione sufficiente e niente affatto contraddittoria laddove la corte d’appello ha escluso che la modesta entità del grado di invalidità permanente (8- 9%) riconosciuto alla madre per pregiudizio psichico incidesse, in difetto di ulteriori risultanze, sulla sua capacità lavorativa specifica;

che le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

LA CORTE DI CASSAZIONE rigetta il ricorso e condanna la ricorrente alle spese, che liquida in Euro 2.200, di cui 2000 per onorari, oltre alle spese generali ed agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 16 febbraio 2011.

Depositato in Cancelleria il 5 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA