Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7712 del 30/03/2010

Cassazione civile sez. lav., 30/03/2010, (ud. 18/01/2010, dep. 30/03/2010), n.7712

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – rel. Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 1831-2009 proposto da:

FERROVIE del SUD EST e SERVIZI AUTOMOBILISTICI SRL in persona

dell’Amministratore Unico e legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEL BABUINO 107, presso lo

studio dell’avvocato SCHIANO ANGELO, che la rappresenta e difende

unitamente agli avvocati PORTALURI GIOVANNI, ANCORA LUCIANO, giusta

procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

C.L. nella qualità di erede di R.C.,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FLAMINIA 318, presso lo studio

dell’avvocato FABRIZIO FIORAVANTI, rappresentata e difesa

dall’avvocato STEFANIZZO NICOLA, giusta mandato in calce al

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1193/2008 della CORTE D’APPELLO di LECCE del

12.6.08, depositata il 11/08/2008;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

18/01/2010 dal Consigliere Relatore Dott. MAURA LA TERZA;

udito per la ricorrente gli Avvocati Angelo Schiano e Luciano Ancora

che si riportano agli scritti.

E’ presente il P.G. in persona del Dott. RENATO FINOCCHI GHERSI che

nulla osserva rispetto alla relazione scritta.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con sentenza n. 1193/2008, la Corte d’appello di Lecce ha confermato la condanna della srl Ferrovie del Sud Est e Servizi Automobilistici a pagare a C.L. (erede di R.C.) la differenza di trattamento di fine servizio, a causa della mancata inclusione di voci retributive (compenso per lavoro straordinario, indennità di trasferta, diaria e diaria ridotta) che erano caratterizzate dal requisito della continuità;

Letto il ricorso della società soccombente, il controricorso e la memoria nonchè la relazione resa ex art. 380 bis cod. proc. civ., di infondatezza del ricorso, perchè, quanto al primo motivo concernente la giurisdizione, la relazione ha correttamente richiamato la sentenza resa dalle SU di questa Corte n. 26096 del 13/12/2007 (conforme peraltro a molte altre), con cui si è affermato che “Il rapporto di lavoro degli addetti ad una ferrovia in concessione, a seguito della revoca della concessione ed al suo affidamento ad una gestione governativa, integra un rapporto di pubblico impiego in quanto di nuovo riferibile allo Stato e non ad un’impresa distinta dalla sua organizzazione pubblicistica, con la conseguenza che il riparto della giurisdizione tra giudice ordinario e giudice amministrativo è regolato dal D.Lgs. n. 80 del 1998, art. 45, comma 17, (ed oggi dal D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 69, comma 7). Sicchè, relativamente a controversia circa il diritto di un ex dipendente della Gestione commissariale delle Ferrovie del Sud-Est – cessato dal servizio in data successiva al 30 giugno 1998, ossia successivamente al trasferimento di tutte le controversie relative a rapporti di lavoro alle dipendenze di pubbliche amministrazioni alla giurisdizione del giudice ordinario – alla erogazione del trattamento di fine rapporto (in misura superiore a quella percepita), deve essere riconosciuta la giurisdizione del giudice ordinario, in quanto il diritto al t.f.r. nasce al momento della cessazione del rapporto lavorativo, anche nel caso (come quello dei dipendenti addetti alle Ferrovie del Sud-Est) in cui vi sia stato un mutamento del datore di lavoro nel corso dell’unitario rapporto, proseguito senza soluzione di continuità”;

Ritenuto che parimenti infondati sono gli altri due motivi di merito, essendosi affermato nella predetta sentenza delle SU che “Il principio di onnicomprensività della retribuzione, sancito dall’art. 2121 cod. civ. (nel testo anteriore alla L. n. 297 del 1982) ai fini della determinazione dell’indennità di anzianità, poi confluita nel trattamento di fine rapporto, trova applicazione anche ai fini della liquidazione dell’indennità di buonuscita spettante agli autoferrotranvieri con diritto a pensione, con conseguente nullità, ai sensi del citato art. 2121 c.c. e dell’art. 1419 cod. civ., di clausole contrattuali che escludano espressamente la computabilità di indennità corrisposte in maniera continuativa o che adottino una nozione di retribuzione non comprensiva di emolumenti percepiti in maniera continuativa, come il compenso per lavoro straordinario continuativo, il quale è computabile anche ai fini del t.f.r. per il periodo successivo al 31 maggio 1982, dovendo, per un verso, escludersi che le clausole collettive nulle, per contrarietà al principio di onnicomprensività di cui all’art. 2121 (vecchio testo) cod. civ., possano rivivere nel contesto normativo introdotto dalla stessa L. n. 297 del 1982 e, per altro verso, ritenersi che una eventuale deroga al predetto principio di onnicomprensività da parte di contratti o accordi collettivi successivi all’entrata in vigore della L. n. 297 del 1982, debba essere espressamente prevista”;

Ritenuto che la memoria depositata dalla società soccombente non ha apportato elementi utili a contraddire i principi sopra enunciati;

Ritenuto quindi che tutti i rilievi di cui alla relazione appaiono condivisibili, per cui il ricorso va rigettato;

Ritenuto che le spese, liquidate come da dispositivo, devono seguire la soccombenza.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese liquidate Euro 30,00 oltre mille Euro per onorari e accessori di legge da distrarsi a favore dell’avv. Nicola Stefanizzo, antistatario.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 18 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 30 marzo 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA