Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7702 del 05/04/2011

Cassazione civile sez. III, 05/04/2011, (ud. 08/03/2011, dep. 05/04/2011), n.7702

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETTI Giovanni Battista – Presidente –

Dott. CARLEO Giovanni – Consigliere –

Dott. SPAGNA MUSSO Bruno – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. LEVI Giulio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 22820-2006 proposto da:

C.M., (OMISSIS), CI.MI., C.D.

V.M., in proprio ed anche nella qualità di eredi di

C.A., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA VALSESIA 40

SC D INT 2, presso lo studio dell’avvocato D’AMBROSIO GAETANO, che li

rappresenta e difende giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrenti –

e contro

D.P.M., F.G., B.C., CARD

ASS.NI, F.V.A., ASSITALIA SPA, P.A.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 396/2005 della CORTE D’APPELLO di SALERNO,

Sezione civile, emessa il 17/05/2005, depositata il 20/05/2005;

R.G.N. 1217/2003;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

08/03/2011 dal Consigliere Dott. GIULIO LEVI;

Lette le conclusioni scritte dal Sostituto Procuratore Generale

dott.ssa ANTONIETTA CARESTIA che ha chiesto il rigetto del ricorso

per manifesta infondatezza.

Fatto

FATTO E DIRITTO

C.M., Ci.Mi., Ci.De.Vi.Ma., in proprio e quali eredi di C.A., hanno proposto ricorso in data 19.7.2006 per la cassazione della sentenza della Corte d’Appello di Salerno, n. 396/2005 emessa il 5.8.2005, non notificata, tra i predetti e F.V.A., B.C., C.R.D. Ass.ni, Assitalia S.p.A. e D.P.M., deducendo due motivi di ricorso.

Nelle more della fissazione della udienza innanzi (a questo S.C., è stata definita stragiudizialmente la lite tra le parti, come da atto di rinunzia depositato dai ricorrenti in data 11.2.2011, non sottoscritto dagli intimati.

Tanto premesso in diritto: deve rilevarsi che, pur non essendo l’atto di rinuncia, per la mancata accettazione degli intimati, idoneo a determinare la estinzione del processo, esso documenta la sopravvenuta carenza di interesse del ricorrente stesso a coltivare il giudizio, e pertanto la impugnazione dev’essere dichiarata inammissibile per carenza di interesse.

In mancanza di difese svolte dalla parte intimata non vi è luogo a pronuncia sulle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso per carenza di interesse.

Nulla spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Terza Sezione alla udienza, il 8 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 5 aprile 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA