Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7694 del 30/03/2010

Cassazione civile sez. lav., 30/03/2010, (ud. 03/03/2010, dep. 30/03/2010), n.7694

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCIARELLI Guglielmo – Presidente –

Dott. DE RENZIS Alessandro – Consigliere –

Dott. PICONE Pasquale – Consigliere –

Dott. IANNIELLO Antonio – rel. Consigliere –

Dott. CURZIO Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

POSTE ITALIANE S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE MAZZINI 134, presso

lo studio dell’avvocato FIORILLO LUIGI, che la rappresenta e difende,

giusta mandato a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

T.M., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA MARTIRI

DI BELFIORE 2, presso lo studio dell’avvocato CONCETTI DOMENICO, che

lo rappresenta e difende giusta mandato a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 249/2005 del TRIBUNALE di NAPOLI, depositata

il 10/06/2005 r.g.n. 41676/97;

udita la relazione della causa svolta nella Udienza pubblica del

03/03/2010 dal Consigliere Dott. IANNIELLO Antonio;

udito l’Avvocato CONCETTI DOMENICO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FUCCI Costantino, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso notificato il 30 – 31 dicembre 2005, la s.p.a. Poste Italiane ha chiesto, con due motivi, la cassazione della sentenza del Tribunale di Napoli, quale giudice dell’appello, depositata in data 10 giugno 2005 e notificatale il 31 ottobre successivo, che, in riforma della decisione di primo grado, aveva accolto la domanda svolta nei suoi confronti del dipendente T.M., tendente ad ottenere una rendita da inabilita’ permanente da malattia professionale di tipo psichico, contratta a seguito di un trauma subito nel corso di una rapina a mano armata cui egli era stato coinvolto in data (OMISSIS), quando lavorava presso l’ufficio postale di (OMISSIS).

T.M. ha resistito alle domande con rituale controricorso.

Poste Italiane s.p.a. ha infine depositato una memoria ai sensi dell’art. 478 c.p.c..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Col primo motivo, la societa’ denuncia la violazione dell’art. 414 c.p.c. e il vizio di motivazione della sentenza.

Lamenta, al riguardo, di non avere ottenuto alcuna risposta alle obiezioni sollevate gia’ in primo grado relativamente alla insufficiente esposizione, nell’atto introduttivo del giudizio, degli elementi di fatto costituenti la causa petendi del ricorso.

Col secondo motivo, la Poste Italiane s.p.a. deduce la violazione degli artt. 324, 112 c.p.c. e dell’art. 2697 c.c. nonche’ il vizio di motivazione.

Gia’ in primo grado, la societa’ aveva infatti contestato (e ribadito in appello) che potesse ravvisarsi un nesso di causalita’ tra l’episodio del (OMISSIS) e la malattia denunciata alcuni anni dopo, malattia del resto ad eziologia incerta, di contenuto autoreferenziato e di possibile origine multi fattoriale.

Ciononostante, la motivazione con cui il Tribunale aveva riformato la sentenza di primo grado (che appunto aveva escluso il nesso causale), aveva omesso ogni considerazione in ordine a tale questione, limitandosi ad affermare che dalla C.T.U. era emersa una malattia superiore alla soglia minima invalidante, cui e’ connesso il diritto alla prestazione richiesta, tale da consentire la concessione di questa.

Silenzio, che sarebbe da ritenere particolarmente grave alla luce del fatto che il C.T.U. incaricato dal giudice nel grado di appello, nel riconoscere la probabile eziologia professionale della malattia invalidante, avrebbe valorizzato non solo l’episodio del (OMISSIS), ma anche altri episodi di rapine in cui il lavoratore era stato coinvolto in precedenza (almeno altri tre), mai menzionati dal lavoratore in giudizio.

Il primo motivo di ricorso e’ infondato, in quanto carente sotto il profilo dell’autosufficienza dello stesso (su cui, cfr., anche recentemente, Cass. nn. 5043/09, 4823/09 e 338/09), non avendo la societa’ riprodotto il testo del ricorso introduttivo nella parte coinvolta dalla censura, ma unicamente la frase con cui nella memoria di costituzione in giudizio aveva lamentato che il ricorrente non aveva spiegato come l’episodio del (OMISSIS) da lui narrato avesse “potuto determinare una riduzione lavorativa tanto notevole ” (che e’ censura notevolmente diversa da quella relativa alla mancata specificazione della causa pretendi), affermando che il giudice di primo grado l’aveva ritenuta superata, ma omettendo comunque di specificare se la medesima censura era stata poi riproposta in appello.

Il secondo motivo di ricorso e’ invece fondato.

Come rilevato dalla ricorrente e risultante dalla stessa parte narrativa della sentenza impugnata che ne aveva dato esplicitamente atto, la materia del contendere in appello riguardava principalmente l’esistenza del nesso causale tra l’episodio della rapina a mano armata del (OMISSIS), che aveva coinvolto il T. e la malattia professionale denunciata.

Ciononostante, disposta una nuova C.T.U., il Tribunale ha accolto l’appello del T., sulla base della seguente testuale motivazione “Dalla consulenza svolta… e’ emerso, innanzitutto, una malattia superiore alla soglia minima invalidante, in quanto raggiunge il 12, 13%, tale da consentire la concessione del beneficio dalla domanda amministrativa. L’appellata va pertanto condannata alla costituzione della rendita… “.

Nessun esame e’ viceversa svolto nella sentenza in ordine alla questione del nesso causale, negato dal giudice di primo grado, in adesione all’eccezione della societa’, ribadita in appello e contrastata dall’appellante.

L’assoluta carenza di motivazione in ordine ad un punto controverso e decisivo determina l’invalidita’ della sentenza impugnata, con conseguente assorbimento delle altre questioni proposte. La sentenza va pertanto cassata, con rinvio, anche per il regolamento delle spese di questo giudizio di cassazione, alla Corte d’appello di Napoli.

PQM

LA CORTE Rigetta il primo motivo di ricorso e accoglie il secondo; cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia, anche per le spese di questo giudizio, alla Corte d’appello di Napoli.

Cosi’ deciso in Roma, il 3 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 30 marzo 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA