Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7648 del 30/03/2010

Cassazione civile sez. lav., 30/03/2010, (ud. 02/03/2010, dep. 30/03/2010), n.7648

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROSELLI Federico – Presidente –

Dott. PICONE Pasquale – Consigliere –

Dott. IANNIELLO Antonio – Consigliere –

Dott. CURZIO Pietro – Consigliere –

Dott. BALLETTI Bruno – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 13603/2008 proposto da:

POSTE ITALIANE S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PO 25/B, presso lo

studio dell’avvocato PESSI Roberto, che la rappresenta e difende

giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

S.M.;

– intimata –

e sul ricorso 17034/2008 proposto da:

S.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA CRESCENZIO

91, presso lo studio dell’avvocato LUCISANO CLAUDIO, rappresentata e

difesa dagli avvocati DE FEO ANTONIO, VITALE ISABELLA, giusta delega

a margine del controricorso e ricorso incidentale;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

POSTE ITALIANE S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PO 25/B, presso lo

studio dell’avvocato PESSI ROBERTO, che la rappresenta e difende

giusta delega a margine del ricorso;

– controricorrente al ricorso incidentale –

avverso la sentenza n. 161/2008 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 15/02/2008 R.G.N. 2140/07;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

02/03/2010 dal Consigliere Dott. BRUNO BALLETTI;

udito l’Avvocato GIOVANNI G. GENTILE per delega PESSI ROBERTO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello, che ha concluso per l’estinzione del giudizio.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Accertato che con verbale di conciliazione ex art. 410 cod. proc. civ., dinanzi alla Commissione Provinciale di Brindisi le parti hanno conciliato “in via definitiva a tutti gli effetti di legge” la controversia tra le stesse intercorsa “con la conseguenza che, in caso di fasi giudiziali ancora aperte, le stesse saranno definite in coerenza con il presente verbale”, con regolamentazione concordata anche relativamente alle spese del cennato giudizio (come viene confermato dall’atto di rinuncia depositato dalla s.p.a. POSTE ITALIANE sottoscritto dall’avv. Roberto Pessi difensore della società);

che il summenzionato verbale di conciliazione è stato ritualmente depositato ed attiene alle parti di cui al presente giudizio;

RITENUTO, pertanto, che deve essere dichiarata l’inammissibilità del ricorso per cessazione della materia del contendere (cfr. Cass. Sez. Unite n. 16528/2008), mentre non sussistono le condizioni per una pronunzia sulle spese del presente giudizio di cassazione giusta l’accordo intervenuto tra le parti anche relativamente alle cennate spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso; nulla sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 2 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 30 marzo 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA