Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7640 del 30/03/2010

Cassazione civile sez. III, 30/03/2010, (ud. 23/02/2010, dep. 30/03/2010), n.7640

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MORELLI Mario Rosario – Presidente –

Dott. FILADORO Camillo – Consigliere –

Dott. FEDERICO Giovanni – Consigliere –

Dott. UCCELLA Fulvio – rel. Consigliere –

Dott. TALEVI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 11816/2006 proposto da:

C.N. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA LEONIDA BISSOLATI 54, presso lo studio dell’avvocato ESPOSITO

Francesco, che lo rappresenta e difende giusta delega in calce al

ricorso;

– ricorrente –

contro

E.D.I. S.R.L.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 28075/2005 del GIUDICE DI PACE di ROMA,

Sezione Quarta Civile, emessa il 7/6/2005, depositata il 21/06/2005,

R.G.N. 84736/2004;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

23/02/2010 dal Consigliere Dott. FULVIO UCCELLA;

udito l’Avvocato FRANCESCO ESPOSITO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SCARDACCIONE Eduardo Vittorio, che ha concluso per l’accoglimento del

ricorso.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. – Con sentenza del 21 giugno 2005 il Giudice di pace di Roma rigettava la domanda proposta da C.N., erede di C. R. contro la soc. E.D.I. r.l. per ottenere il pagamento della somma di Euro 218,68, a suo dire indebitamente versata per il recupero da parte della T.I.M. di un debito del proprio dante causa deceduto il 27 maggio 1998.

Avverso siffatta decisione propone ricorso per cassazione il C. affidandosi ad un unico motivo.

Non si è costituita l’intimata E.D.I. s.r.l..

2. – Il Collegio ha raccomandato una motivazione particolarmente sintetica.

Il ricorso va dichiarato inammissibile.

L’unico motivo, che propone, solo in via subordinata, la violazione dei principi informatori che regolano la materia della transazione, è inammissibile.

Infatti, il ricorrente trascura che, comunque, il giudizio emesso è da ritenersi secondo equità e chiede a questa Corte la valutazione di un documento (a suo dire da ritenersi non transazione, bensì quietanza), che risulta essere stato esaminato dal giudice di pace, attenendosi alla intestazione del modulo predisposto e al suo contenuto, sottoscritto, all’epoca, dal ricorrente medesimo.

Quindi, il ricorso va dichiarato inammissibile, come da giurisprudenza costante di questa Corte.

Nulla va disposto per le spese.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Nulla dispone per le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 23 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 30 marzo 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA