Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 764 del 14/01/2011

Cassazione civile sez. trib., 14/01/2011, (ud. 09/12/2010, dep. 14/01/2011), n.764

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. CARLEO Giovanni – Consigliere –

Dott. DIDOMENICO Vincenzo – rel. Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. BOTTA Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 30557-2006 proposto da:

S.V., elettivamente domiciliato in ROMA VIA GIACOMO

PUCCINI 9, presso lo studio dell’avvocato PERRONE LEONARDO, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato TARDELLA GIANMARCO con

procura speciale notarile n. 506606 autenticata dal funzionario

incaricato del Comune di MONTALTO OFFUGO, Sig.ra FAITA ROSARIA il

10/10/2006;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– controricorrente –

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI COSENZA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 81/2005 della COMM. TRIB. REG. SEZ. DIST. di

CATANZARO, depositata il 28/09/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

09/12/2010 dal Consigliere Dott. VINCENZO DIDOMENICO;

udito per il ricorrente l’Avvocato TARDELLA, che richiama l’istanza

di rinuncia al ricorso depositata e deposita originale avviso di

ricevimento (cartolina verde), della suddetta istanza alla

controparte;

udito per il resistente l’Avvocato DE STEFANO, che nulla oppone;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

APICE UMBERTO, che ha concluso con l’estinzione per rinuncia del

ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Premesso che S.W. ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione Regionale della Calabria dep. il 28/09/2005 che aveva, accogliendo do l’appello dell’Ufficio, riformato la sentenza della CTR di Cosenza che aveva accolto il ricorso di S.V. avverso il silenzio rifiuto in ordine alle istanze di rimborso sulle ritenute Irpef relative alle indennità di trasferta quale ispettore del lavoro;

che la CTR aveva escluso la natura risarcitoria e pertanto la intassabilità;

che il ricorrente pone a fondamento del ricorso la violazione di legge e il vizio motivazionale;

che l’Agenzia delle Entrate ha resistito con controricorso;

che la causa è stata rimessa alla decisione in pubblica udienza da quella in camera di consiglio e il contribuente ha presentato istanza di rinunzia al ricorso;

che all’udienza l’Avvocatura dello Stato ha dichiarato di accettare la rinunzia con compensazione delle spese.

P.Q.M.

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Dichiara estinto il giudizio e compensa le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Tributaria, il 9 dicembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 14 gennaio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA