Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 7632 del 18/03/2021

Cassazione civile sez. trib., 18/03/2021, (ud. 24/11/2020, dep. 18/03/2021), n.7632

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PERRINO Angelina Maria – Presidente –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – rel. Consigliere –

Dott. LEUZZI Salvatore – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 15278/2014 R.G. proposto da:

PIEMME BAR S.R.L., in persona del legale rappresentante p.t.,

rappresentato e difeso dall’Avv. Marco Machetta, domiciliato presso

il suo studio in Roma, Via degli Scipioni (Ndr: Testo originale non

comprensibile);

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, con

domicilio eletto in Roma, via Dei Portoghesi, n. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Lazio,

n. 458/09/2013 depositata il 3 dicembre 2013, non notificata.

Udita la relazione svolta nell’adunanza camerale del 24 novembre 2020

dal consigliere Pierpaolo Gori.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– Con sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Lazio, veniva rigettato l’appello proposto dalla società Piemme BAR S.r.l., esercente attività professionale di bar e caffè, avverso la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Roma n. 110/60/12 avente ad oggetto l’avviso di accertamento per IVA, IRES e IRAP oltre sanzioni 2005, scaturente da un accertamento analitico-induttivo del D.P.R. n. 633 del 1972, ex art. 39, comma 1, lett. d), basato su studio di settore.

– In presenza di contabilità formalmente regolare, il giudice di primo grado confermava le riprese, anche alla luce della pluriennale gestione antieconomica della società, decisione condivisa dalla CTR. – Avverso la sentenza propone ricorso la contribuente per due motivi, che illustra con memoria, cui replica l’Agenzia con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– Con il primo motivo di ricorso – ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 -, la contribuente deduce la falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, artt. 39, 40 e 42, del D.P.R. n. 633 del 1972, artt. 51 e 52, della L. n. 241 del 1990, art. 3 e dell’art. 2729 c.c., per avere i giudici del merito confermato l’atto impositivo e la legittimità dell’accertamento analitico-induttivo nonostante l’assenza di qualsivoglia irregolarità nella contabilità societaria e di alcun indizio che potesse giustificare l’applicazione della rettifica del reddito su base analitico-induttiva.

– Con il secondo motivo, articolato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 4 e 5, viene censurata l’omessa e insufficiente motivazione su punti e fatti controversi e decisivi per il giudizio, oltre che per violazione degli artt. 112,116,132 e ss. c.p.c., dell’art. 118 disp. att. c.p.c., del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 36, comma 2, n. 4, circa gli elementi da cui il giudice d’appello ha tratto il proprio convincimento, e per evidente apoditticità della pronuncia d’appello.

– I motivi possono essere esaminati congiuntamente, perchè connessi, come affermato dallo stesso ricorrente, e sono infondati. La giurisprudenza consolidata di questa Corte afferma che, tanto in tema di accertamento dei redditi di impresa quanto di IVA, l’Ufficio può applicare il metodo analitico-induttivo, ai sensi del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39, anche in presenza di scritture formalmente regolari, ove la contabilità risulti complessivamente inattendibile sulla base di elementi indiziari gravi e precisi (Cass. Sez. 5 -, Ordinanza n. 32129 del 12/12/2018, Rv. 651784 – 01) e, sotto questo profilo, le difese della contribuente che fanno valere una contabilità regolare non colgono il segno in quanto la circostanza non è in sè rilevante.

– Inoltre, la giurisprudenza della S.C. ha più volte chiarito che “La determinazione del reddito mediante l’applicazione degli studi di settore, a seguito dell’instaurazione del contraddittorio con il contribuente, è idonea a integrare presunzioni legali che sono, anche da sole, sufficienti ad assicurare un valido fondamento all’accertamento tributario, ferma restando la possibilità, per il contribuente che vi è sottoposto, di fornire la prova contraria nella fase amministrativa e anche in sede contenziosa.” (Cass. Sez. 5 -, Ordinanza n. 23252 del 18/09/2019, Rv. 655077 – 01; dello stesso tenore, Cass. Sez. 5 -, Ordinanza n. 22347 del 13/09/2018, Rv. 650233 – 01).

– Nondimeno, nella fattispecie, l’accertamento non è fondato solo sullo scostamento tra dichiarazione e studio di settore applicato, idoneo comunque, per il principio giurisprudenziale sopra richiamato, a generare presunzioni gravi precise e concordanti, dal momento che i parametri applicati rappresentano la risultante dell’estrapolazione di una pluralità di dati, e rivelano valori che, quando eccedono il dichiarato, integrano il presupposto per il legittimo esercizio da parte dell’Ufficio dell’accertamento analitico-induttivo, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, ex art. 39, comma 1, lett. d, (Cass. 20 febbraio 2015 n. 3415; Cass. 13 luglio 2016 n. 14288).

– Nel caso in esame, la sentenza di primo grado ha accertato l’esistenza di una grave e ingiustificata antieconomicità della gestione aziendale protratta per anni, come si legge a pag. 2 della sentenza impugnata che ha confermato tale decisione. Si tratta di una circostanza non specificamente contestata dalla società attraverso la produzione di elementi di prova ritualmente introdotti nel processo decisivi e contrari alla statuizione di entrambi i giudici del merito, al fine di dimostrare che la gestione era in realtà idonea a remunerare il rischio di impresa, e che l’antieconomicità non era per la contribuente un dato strutturale ormai da anni.

– In conclusione, il ricorso va rigettato e dal rigetto discende il regolamento delle spese di lite, secondo soccombenza, liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente alla rifusione alla controricorrente delle spese di lite, liquidate in Euro 4.100 oltre spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, da atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, il 24 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 18 marzo 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA